Olio di Lino come Integratore: Benefici e Proprietà

Generalità

L'olio di semi di lino viene estratto dai semi della pianta Linum usitatissimum.
Da questi semi - particolarmente ricchi di sali minerali, proteine e soprattutto lipidi - è possibile estrarre un olio costituito per il 40-60% da acido alfa-linolenico (ALA), per il 15% da acido oleico e in piccola parte da altre molecole biologicamente attive, come i lignani e i glicosidi.
Olio di LinoLe principali proprietà biologiche dell'olio di semi di lino sono attribuibili all'ALA, noto precursore degli acidi grassi essenziali della serie omega 3, ed ai lignani, la cui attività biologica non è ancora stata del tutto caratterizzata.
L'attività antinfiammatoria, l'attività antiossidante e l'attività vasoprotettiva costituiscono il pull biologico su cui verte l'uso clinico e preventivo dell'olio di semi di lino.

Indicazioni

Perché si usa l'olio di semi di lino? A cosa serve?

All'olio di semi di lino vengono classicamente attribuite proprietà antinfiammatorie, anti-aterogene, anti-trombotiche ed antiproliferative.
Per questi motivi, l'olio di semi lino è utilizzato nella prevenzione e nel trattamento della stitichezza, delle dislipidemie, dell'ipertensione e delle complicanze cardiovascolari.
Recenti studi avrebbero inoltre dimostrato l'utilità dell'olio di semi di lino nella gestione di patologie complesse, come le patologie autoimmuni e il cancro.
Le proprietà biologiche dell'olio di semi di lino sarebbero chiaramente da ricondurre alla presenza di ALA, capostipite degli acidi grassi essenziali della serie Omega 3, noti per le spiccate attività antinfiammatorie ed immunoregolatorie.

Proprietà ed Efficacia

Quali benefici ha dimostrato l'olio di semi di lino nel corso degli studi?

Nonostante manchi una letteratura florida come quella relativa all'olio di pesce, l'olio di semi di lino si è gradualmente ritagliato un posto di rilievo in ambito nutrizionale.

Olio di semi di lino e funzione cardiovascolare

Uno dei più importanti ambiti di applicazione dell'olio di semi di lino è quello cardiologico.
La letteratura attribuirebbe sia all'ALA che ai lignani - di cui l'olio di semi di lino è particolarmente ricco - funzioni cardioprotettive e vasoprotettive.
Tali attività si espleterebbero attraverso meccanismi diversi, trai quali:


Olio di semi di lino e medicina antiaging

Negli ultimi anni l'uso dell'olio di semi di lino ha invaso il mondo della medicina e della nutrizione antiaging.
Alla base di questa potenzialità vi sarebbe l'importanza del rispetto degli opportuni rapporti tra acidi grassi omega 3 ed omega 6, utile nel mantenimento della qualità di cellule e tessuti. Tutto ciò preserverebbe la funzionalità di interi sistemi, sostenendo così un invecchiamento sano.

Olio di semi di lino e salute intestinale

Seppur non del tutto caratterizzata, vista l'assenza di trial clinici degni di nota, all'olio di semi di lino viene tradizionalmente attribuita una funzione importante sul mantenimento della normale funzionalità intestinale.
Tale attività, oltre all'effetto emolliente dell'olio sulle feci, sarebbe ancora una volta riconducibile alla presenza dei lignani, che oltre a normalizzare la peristalsi, eserciterebbero una funzione protettiva nei confronti della mucosa intestinale.

Dosi e Modo d'uso

Come usare l'olio di semi di lino

L'olio di semi di lino è oggi disponibile in vari formati: capsule al 40-60% di ALA, cibi funzionali e olio in forma liquida.
Il dosaggio di assunzione varia a seconda del formato scelto.
Generalmente, due cucchiaini giornalieri di olio di semi di lino sono in grado di soddisfare agevolmente il fabbisogno di ALA.
Semi e Olio di linoConsiderando la natura lipidica del prodotto, al fine di aumentarne l'assorbimento intestinale, sarebbe opportuno assumere l'olio di semi di lino durante i pasti, magari come condimento per le verdure.
Si ricorda inoltre come - per completare il profilo di acidi grassi assunti - sarebbe opportuno aggiungere l'olio di semi lino ad una dieta mediterranea bilanciata ed equilibrata.
Al fine di preservare la qualità del prodotto, si raccomanda di conservare l'olio di semi lino al riparo da fonti di luce e calore.

Effetti Collaterali

L'uso di olio di semi di lino si è generalmente rivelato sicuro e ben tollerato.
Le reazioni avverse più frequentemente osservate interesserebbero prevalentemente l'apparato gastro-enterico, con dispepsia e diarrea.
Decisamente più rara è l'incidenza dei problemi coagulativi.

Controindicazioni

Quando non dev'essere usato l'olio di semi di lino?

L'uso di olio di semi di lino è controindicato in caso di ipersensibilità al principio attivo o all'alimento da cui è stato estratto.

Interazioni Farmacologiche

Quali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto dell'olio di semi di lino?

Diverse sono le interazioni farmacologiche degne di nota tra olio di semi di lino ed altri principi attivi.
Più precisamente:

 Precauzioni per l'uso

Cosa serve sapere prima di prendere l'olio di semi di lino?

Data l'assenza di studi relativi al profilo di sicurezza a lungo termine, l'assunzione di olio di semi di lino dovrebbe essere evitata, o supervisionata da un medico, durante la gravidanza, l'allattamento ed in età pediatrica.
In virtù dell'effetto antitrombotico, l'olio di semi di lino non dovrebbe essere assunto nei pazienti con patologie emorragiche, nei pazienti in terapia con anticoagulanti e prima di un intervento chirurgico.



Ultima modifica dell'articolo: 13/02/2016