Tipologie di integratori monodose

A cura di Jacopo Zuffi, per gentile concessione della rivista La Palestra

 

« prima parte


Energy Gel

Gli energy gel confezionati nei brovit (bustine di allumino semirigide) sono integratori energetici diluiti con pochissima acqua e presentano una consistenza gelatinosa. Il contenuto di un energy gel è di 20/25 g di carboidrati, generalmente differenziati tra maltodestrine, fruttosio e glucosio. Il vantaggio dato dall'utilizzo di questi prodotti è la possibilità di assumere dosaggi variabili di carboidrati a medio e veloce rilascio quando si pratica un'attività molto impegnativa e dinamica (spinning, arti marziali e fit boxe) dove il consumo energetico è molto alto e la possibilità che avvenga uno stato di ipoglicemia improvvisa è altrettanto elevato, soprattutto nei primi mesi dalla ripresa dell'attività oppure per i principianti.

Protein Drink

Da qualche anno sono presenti in tutte le palestre integratori di proteine nel formato liquido monodose, in lattina o in bottiglia. Questa evoluzione della tradizionale proteina in polvere agevola notevolmente l'utilizzo da parte dei praticanti, di un integratore di proteine (caseina e siero derivati del latte) immediatamente dopo l'allenamento o durante la giornata, quando per ovvi motivi di tempo e di praticità l'integrazione della dieta diventa più impegnativa. Anche in questo caso l'offerta da parte delle aziende produttrici è piuttosto varia, si passa dalle più comode lattine o tetrapak da 250 cc fino a quelle da 500 cc, mentre il contenuto di proteine varia dai 20 g fino ai 50 g per porzione. Come nel caso delle barrette, è opportuno verificare la tipologia di ingredienti utilizzati e, se possibile, acquistare prodotti che abbiano una shelf life (durata) non superiore ai 12 mesi, in quanto, se maggiore, è indice dell'utilizzo nella formulazione di troppi conservanti. Oltre ai prodotti più tecnici caratterizzati da un alto titolo proteico (10% su 100 cc di prodotto) e dal basso contenuto calorico da zuccheri (max 2% di carboidrati su 100 cc di prodotto) ci sono purtroppo dei prodotti simili a latte e cacao zuccherato, quindi molto buoni, ma ipercalorici e assolutamente poco interessanti per chi segue una dieta bilanciata molto curata nella scelta degli alimenti. Quindi leggere sempre attentamente le etichette nutrizionali e gli ingredienti utilizzati.

Fialodi e prodotti speciali

Di recente, grazie alla diffusione delle fiale da 25 ml in P.E.T., al posto delle ampolle di vetro, scomode e pericolose da aprire, sono stati formulati molti prodotti esclusivi rivolti ad un pubblico di consumatori molto esigenti; mi riferisco ad esempio al monodose di carnitina da 1 g di principio attivo, da assumere prima dell'attività di cardio fitness, oppure al termogenico da assumere prima di un workout con i pesi oppure agli integratori di aminoacidi (aminoacidi essenziali, solo B.C.A.A. oppure arginina, ornitina e glicina) in forma liquida, ideale nel post allenamento in quanto migliorano il recupero e supporta quella che in gergo viene definita "anabolic window". Questi integratori monodose sono molto esclusivi e possono essere consigliati da personale competente che ne possa valorizzare il loro impiego per ottenere risultati concreti.

Considerazioni finali

Come emerso da una recente indagine commissionata anche per il 2007 dalla Federsalus (www.fedesalus.it), che rappresenta 140 aziende del settore italiano, alla A.C. Nielsen, il mercato degli integratori in Italia cresce ad un ritmo sostenuto, di due cifre l'anno (dal 13% al 16% A/A). Grazie a questa diffusione nell'utilizzo dei prodotti - siano essi integratori tradizionali in polvere o compresse, piuttosto che monodose - le aziende specializzate possono investire in progetti industriali grazie al supporto delle unità di ricerca e sviluppo, e avvalendosi di impianti tecnologicamente avanzati in grado di produrre su scala "industriale". Si ha nel contempo un'ottimizzazione dei costi di produzione associata ad una evoluzione costante delle caratteristiche di qualità e funzionalità del prodotto; tradotto in integratori migliori, sicuri e pratici ad un costo contenuto (considerato l'alto valore nutrizionale delle sostanze presenti) a tutto vantaggio del consumatore finale. Se pensiamo che un comune panino o un tramezzino acquistato al bar costa molto di più di una barretta proteica da 50 g e se valutiamo poi il contenuto medio e la qualità degli ingredienti utilizzati, allora non c'è da meravigliarsi nel capire che gli integratori monodose troveranno una sempre più ampia diffusione anche presso la nostra popolazione.



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco Fritto