Garcinia cambogia

La garcinia è la droga ricavata dalle bucce del frutto di Garcinia cambogia (Gaertn.) Desr (Fam. Clussiaceae). Questa piccola pianta legnosa cresce spontanea negli ambienti tropicali, tipici di Paesi come Vietnam, Cambogia, Filippine e parte meridionale dell'India.

GarciniaLa droga estratta dalla Garcinia cambogia contiene pectine, calcio, carboidrati ed un acido, detto idrossicitrico, che le conferisce le tanto apprezzate proprietà fitoterapiche. A differenza del più comune acido citrico, abbondante nei limoni ed utilizzato dall'industria alimentare come conservante, l'acido idrossicitrico è estremamente raro in natura. Questa sostanza abbonda soltanto nei frutti delle piante appartenenti alla specie Garcinia, come la Garcinia indica, la Garcinia cambogia e la Garcinia atroviridis.

L'acido idrossicitrico è in grado di bloccare la sintesi di acetilcoenzima A, un substrato energetico utilizzato dall'organismo per la sintesi di colesterolo ed altri lipidi. Grazie a questa sostanza la Garcinia cambogia è in grado di ridurre la sintesi degli acidi grassi, stimolando il senso di sazietà. Si ritiene infatti che tale sensazione derivi dall'accumulo epatico di glicogeno, processo che viene stimolato dall'acido idrossicitrico veicolando l'acetilcoenzima A dalla sintesi di grassi a quella di polimeri di glucosio.


La Garcinia cambogia aiuta a raggiungere il proprio peso forma ed è utile per combattere colesterolo e trigliceridi.

Come per molti altri integratori, anche per la Garcinia, nonostante esistano dati incoraggianti, vi sono molti studi dai risultati contradditori. Per potenziarne l'azione dimagrante viene spesso associata ad altri integratori utilizzati per il trattamento del sovrappeso, come carnitina, crono picolinato o caffeina; anche in proposito non sono state dimostrate differenze certe tra gli effetti della garcinia e quelli del placebo.

La Garcinia non presenta effetti collaterali degni di nota e si è dimostrata pressoché innocua anche ad alte dosi. Alcuni soggetti hanno comunque riportato effetti indesiderati come mal di testa e sintomi gastroenterici da lievi a moderati. Il suo utilizzo è controindicato in gravidanza e per chi soffre di diabete. Inoltre, se la Garcinia gambogia viene utilizzata insieme ad altri integratori per così dire "dimagranti", quali caffeina, arancio amaro, efedrina, ecc. È necessario considerare il potenziale effetto additivo dei singoli effetti collaterali.

In commercio esistono integratori di Garcinia contenenti percentuali diverse di acido idrossicitrico. In Italia sono presenti soprattutto prodotti a base di acido idrossicitrico al 50%. La dose giornaliera consigliata, nel caso si mantenga tale concentrazione, varia dai 500 ai 2000 mg di estratto secco di Garcinia al giorno (250-1000 mg di acido idrossicitrico).



Ultima modifica dell'articolo: 07/03/2016