Astaxantina come Integratore

Generalità

L'Astaxantina è un pigmento di colore rosso-arancio, membro della macro-famiglia dei carotenoidi.
Sintetizzata in quantità opportune dalle microalghe - tra le quali l'Haematococcus pluvialis - l'Astaxantina entra nella catena alimentare sia attraverso i crostacei, sia attraverso pesci predatori come il salmone, nella cui carne può agevolmente raggiungere i 5-10 mg/kg.

Astaxantina - Struttura Chimica

Astaxantina: Struttura Chimica


L'Astaxantina, alla luce delle sue proprietà antiossidanti, ha acquisito nell'ultimo periodo grande importanza nella prevenzione e nella gestione di differenti stati morbosi.
Per questo motivo si sono diffusi sul mercato integratori di Astaxantina, in grado di facilitarne l'assunzione senza ricorrere al consumo di grandi quantità di pesce grasso.


Astaxantina gamberetti

Foto: i gamberetti devono il colore rosso del loro carapace all'astaxantina

Indicazioni

Perché si usa l'Astaxantina? A cosa serve?

La letteratura scientifica attribuisce all'Astaxantina attività antiossidanti, antinfiammatorie, cardioprotettive, neuroprotettive, gastroprotettive, nefroprotettive, antidiabetiche, anticancro, antiasmatiche e immunoprotettive.
Per questi motivi l'Astaxantina è attualmente impiegata nella prevenzione e nel controllo di molti stati patologici su basse ossidativa e infiammatoria.

Proprietà ed Efficacia

Quali benefici ha dimostrato l'Astaxantina nel corso degli studi?

Il numero di studi relativi all'efficacia clinica e preventiva dell'Astaxantina è aumentato esponenzialmente negli ultimi anni.
L'importante mole di lavori pubblicati ha quindi consentito di caratterizzare il potenziale biologico di questa molecola, evidenziandone le diverse utilità.

Attività cardio- e vaso-protettiva dell'Astaxantina

Diversi studi, sia sperimentali che clinici, hanno dimostrato e caratterizzato l'effetto vaso- e cardio-protettivo dell'Astaxatina.
Più precisamente, l'uso di questa molecola avrebbe determinato una riduzione dell'ossidazione delle lipoproteine LDL (principali protagoniste del danno vascolare), garantendo al contempo un incremento delle concentrazioni ematiche di HDL.
Inoltre, l'uso di Astaxantina, avrebbe ridotto le dimensioni dell'area infartuale, in modelli animali di danno da ischemia/riperfusione, evidenziando così la diretta attività cardioprotettiva.
A completamento di questa attività vi sarebbero anche possibili attività antipertensive, probabilmente correlabili ad un'azione diretta dell'Astaxantina sul sistema renina-angiotensina.

Attività antiossidante e fotoprotettiva dell'Astaxantina

L'Astaxantina costituisce il principale sistema di difesa antiossidante della microalga Haeamatoccus pluvialis, continuamente esposta alle radiazioni UV.
Sulla scia della sua attività biologica, differenti ricercatori hanno cercato di caratterizzare il ruolo antiossidante dell'Astaxantina.
Dai lavori è emersa la sua forte capacità di inibire la perossidazione dei lipidi di membrana, delle proteine e anche degli acidi nucleici, sostenuta dai radicali liberi dell'ossigeno e dalle radiazioni ultraviolette.
Tali attività si tradurrebbero nell'azione citoprotettiva dell'astaxantina, particolarmente manifesta nei confronti dei danni da fotosensibilità quali eritema, papule, vescicole e scottature.

Attività antiossidante e oftalmoprotettiva dell'Astaxantina

In virtù di quanto appena descritto, l'Astaxantina si è rivelata particolarmente efficace nel prevenire alcune patologie ossidative dell'occhio, come la cataratta.
L'attività antiossidante, tuttavia, si sarebbe espletata anche nei confronti della retina e dei vasi retinici, salvaguardando il corretto trofismo di questi tessuti e l'intera funzionalità di questo organo.

Attività antinfiammatoria dell'Astaxantina

Secondo recenti evidenze, la somministrazione di Astaxantina potrebbe contribuire a spegnere l'espressione di geni, come NF-Kb, coinvolti nell'attivazione di processi flogistici.
Tale attività, associata alla contestuale riduzione di citochine infiammatorie, molecole di adesione ed elementi della flogosi, si sarebbe rivelata preziosa in corso di differenti stati morbosi.
Proprio l'azione antinfiammatoria, associata a quella antiossidante, sarebbe alla base dell'azione neuroprotettiva e nefroprotettiva dell'Astaxantina.

Astaxantina e fertilità

L'uso di Astaxantina si è rivelato particolarmente prezioso anche nella gestione dei problemi della fertilità dell'uomo.
Secondo diverse evidenze, questo principio attivo potrebbe:

  • Ridurre le concentrazioni di radicali liberi dell'ossigeno nel liquido seminale;
  • Controllare la secrezioni di fattori flogistici associati all'ipofertilità;
  • Migliorare la motilità degli spermatozoi;
  • Aumentare il numero di fecondazioni andate a buon fine.

Astaxantina e sport

Nonostante la recente introduzione dell'Astaxantina in ambito sportivo, da studi preliminari emergerebbe ancora una volta il ruolo antiossidante di questa molecola.
Più precisamente, l'Astaxantina sembrerebbe ridurre le concentrazioni di marcatori muscolari di danno ossidativo in seguito ad allenamento intenso.
Questa attività risulterebbe preziosa nel ridurre il rischio di infortuni muscolo-tendinei e nel facilitare il recupero post-workout.

Dosi e Modo d'uso

Come usare l'Astaxantina

Nonostante non siano stati ancora definiti dosaggi di Astaxantina univoci, attualmente quello più utilizzato è di 5 mg giornalieri.
Più in generale, il range di 2-8 mg giornalieri è sicuramente il più utilizzato nei vari studi.

Effetti Collaterali

Tralasciando le reazioni avverse legate ad ipersensibilità verso il principio attivo, l'uso di Astaxantina si è rivelato generalmente sicuro e ben tollerato.

Controindicazioni

Quando non dev'essere usata l'Astaxantina?

L'uso di Astaxantina è controindicato in caso di ipersensibilità al principio attivo o agli alimenti da cui è estratta (pesce e crostacei).

Interazioni Farmacologiche

Quali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto dell'Astaxantina?

Il concomitante uso di colestiramina, colestipolo, oli minerali, orlistat, pectine e vitamina E potrebbe ridurre l'assorbimento intestinale dell'Astaxantina.
Al contrario, l'assunzione di Beta-Carotene, trigliceridi a media catena ed oli vegetali potrebbe aumentare l'assorbimento dell'Astaxantina.

Precauzioni per l'uso

Cosa serve sapere prima di prendere l'Astaxantina?

Nota la fonte di estrazione dell'Astaxantina, rappresentata per lo più da piccoli crostacei, l'uso di integratori a base di questo principio attivo dovrebbe essere evitata o supervisionata accuratamente da un medico in caso di ipersensibilità ai crostacei.
Stesse precauzioni dovrebbero essere prese dalle donne gravide e durante il successivo periodo di allattamento al seno.



Ultima modifica dell'articolo: 25/07/2016