Omega Max 1000 - Eurosup

Omega Max 1000 - Eurosup

Informazioni su Omega Max 1000 - Eurosup

OMEGA MAX 1000 - EUROSUP

Integratore alimentare di acidi grassi essenziali omega 3 ad alta concentrazione


FORMATO
Confezione da 100 capsule


COMPOSIZIONE

 

Olio di pesce concentrato in EPA e DHA (ottenuto mediante distillazione molecolare); Gelatina alimentare; Agente di resistenza: glicerolo; Oli essenziali di arancio (Citrus Sinenesis) e limone (Citrus Limon); Estratto oleoso di rosmarino (rosmarinus officinalis, foglie) in olio di girasole; Vitamina E naturale supportata su olio di girasole.  Il prodotto contiene tracce di lecitina di soia

 

Indicazioni nutrizionali

 

Analisi Media

Per dose giornaliera (2 cps)

% RDA

EPA

660 mg

-

DHA

440 mg

-

Vitamina E

1,8 mg

15

 

Contenuto in Omega 3 nell'olio di pesce

EPA

33%

DHA

22%

Altri Omega 3

15%

Omega 3 Totali

70%

Caratteristiche del prodotto Omega Max 1000 - Eurosup

Gli acidi grassi presenti in questo prodotto vengono estratti attraverso distillazione molecolare dall'olio di pesce, quindi arricchiti con Vitamina E per proteggerli da eventuali processi di ossidazione. Analizzando l'etichetta, in una compressa da 1 grammo ritroviamo circa 550 mg di acidi grassi omega 3, distribuiti tra EPA e DHA. Purtroppo, l'integratore   manca della certificazione IFOS, ente internazionale che definisce i criteri di qualità del prodotto a base di omega 3 a seconda delle modalità estrattive, della fonte di origine e dei livelli di contaminanti e purezza.

 

Acidi grassi omega 3: non essendo sintetizzati dall'organismo umano, e ricoprendo un ruolo di vitale importanza per la vita dello stesso, appartengono alla categoria degli acidi grassi essenziali, quindi devono necessariamente essere assunti attraverso la dieta.

Alla classe degli acidi grassi essenziali della serie omega-3 appartengono:

  1. L'acido alfa linolenico (ALA): principalmente di origine vegetale, e particolarmente presente nelle noci, nell'olio e nei semi di lino, in quello di canapa ed in quello di canola.
  2. L'acido eicosapentanoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA), presenti invece nei prodotti di origine animale come il pesce ed in alcuni vegetali come le alghe; questi due acidi grassi possono essere sintetizzati in minime quantità dall'organismo umano partendo dall'acido alfa linolenico.

Gli omega-3 sono acidi grassi polinsaturi, quindi caratterizzati dalla presenza di doppi legami a partire dal carbonio in posizione 3. Il loro fabbisogno giornaliero - stimato mediamente intorno ai 2 grammi - potrebbe essere soddisfatto senza troppi problemi attraverso una sana alimentazione, che preveda l'assunzione di almeno 4 porzioni settimanali di pesce o attraverso l'introduzione nella dieta di noci o determinati oli vegetali.  Purtroppo, da recenti indagini nutrizionali, emerge come l'alimentazione occidentale sia caratterizzata da un ridotto consumo di questi nutrienti, accompagnato dall'eccessiva assunzione di acidi grassi omega 6 con un rapporto tra le due categorie che sfiora gli 1:20. Questa proporzione, che molto si allontana dal rapporto 1:2 - 1:6, consigliato dalle autorità sanitarie internazionali,  potrebbe in parte giustificare l'elevatissima incidenza di incidenti cardiovascolari e patologie croniche associate.
L'efficacia di una corretta integrazione, infatti, sarebbe orientata proprio all'ottimizzazione di questo rapporto, con una conseguente azione preventiva e terapeutica nei confronti di:

  1. Patologie cardiovascolari come ipertensione ed aritmie;
  2. Patologie metaboliche come diabete ed ipertrigliceridemia;
  3. Patologie infiammatorie di vario genere;
  4. Patologie nervose come la depressione.

Nonostante diversi studi sembrino abbastanza concordi nel sottolineare l'efficacia della supplementazione con omega 3, manca ancora la dettagliata descrizione degli eventi molecolari responsabili di questo effetto. In generale, le diverse evidenze scientifiche mostrano un duplice ruolo  concretizzato  sia nell'azione modulatrice del segnale intracellulare, che nella riorganizzazione delle membrane plasmatiche.

Omega tre e sport - Omega Max 1000 - Eurosup

I vari studi presenti in letteratura ed i potenziali benefici descritti in varie condizioni patologiche, hanno indotto diversi esperti del settore a testare gli effetti di una possibile integrazione di omega tre sulla condizione fisica e psicologica di individui sottoposti ad allenamento.
Naturalmente, è necessario considerare integratori di questo genere per il relativo ruolo biologico, e non aspettarsi effetti o meglio "magie" difficilmente realizzabili; è infatti luogo comune attribuire a simili integratori effetti miracolosi non supportati nemmeno da pure TEORIE, per poi rimanere delusi quando questi non si concretizzano. Pertanto, alla luce di queste considerazioni, è possibile rileggere i vari studi ed individuare i possibili campi di applicazione sportiva in cui l'eventuale integrazione con omega 3 potrebbe risultare utile.
Più precisamente studi hanno dimostrato come una corretta supplementazione possa :

  1. Aumentare le capacità di concentrazione e ridurre  i tempi di reazioni in karateki;
  2. Migliorare le capacità contrattili del cuore e ridurre la resistenza vascolare, facilitando il transito ematico e la conseguente ossigenazione durante lo sforzo;
  3. Migliorare le capacità ventilatorie durante e dopo lo sforzo fisico;
  4. Ridurre la sensazione di fatica in seguito a contrazione muscolare eccentrica (anche se a riguardo vi sono studi e pareri contrastanti).

Come si può notare, quindi, non esistono studi che documentino un miglioramento della performance od un incremento di massa muscolare, quindi non bisogna aspettarsi da questi nutrienti delle capacità simili.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - Omega Max 1000 - Eurosup

Deglutire 2 capsule al giorno, preferibilmente durante i pasti principali.

Modo d'uso nella pratica sportiva - Omega Max 1000 - Eurosup

Le ricerche presenti in letteratura mostrano dosaggi alquanto diversi, comunque vicini al fabbisogno giornaliero indicato dalle organizzazioni internazionali. Infatti, visto l'obiettivo di riequilibrare il rapporto tra omega3 ed omega 6, sarebbe del tutto inutile utilizzare dosaggi eccessivi, che determinerebbero sicuramente una riduzione dell'efficacia di questa integrazione.
Di conseguenza, la dose compresa tra i due ed i quattro grammi giornalieri sembra essere la più utilizzata, anche se non mancano in letteratura studi effettuati con dosi decisamente più alte, che superano anche i 6 grammi/die. L'integrazione mostra i primi risultati già dopo 4 settimane, anche se molti lavori preferiscono prolungare la supplementazione fino a 12 settimane. In realtà, alla luce di quanto detto, qualora l'assunzione con gli alimenti risultasse insufficiente, questa integrazione potrebbe essere prolungata anche per diverso tempo.
Data la natura lipidica dei composti, sarebbe utile, ai fini di un miglioramento dell'assorbimento intestinale, assumere l'integratore durante i pasti.

Sinergie - Omega Max 1000 - Eurosup

Diversi studi mostrano una maggior efficacia d'azione associando agli omega 3 sostanze antiossidanti in grado di coadiuvarne l'azione protettiva sulla stabilità delle membrane plasmatiche.
Inoltre, affinché la supplementazione possa garantire gli effetti descritti, è necessario che anche la dieta segua i principi generali di una sana alimentazione e sia accompagnata da esercizio fisico controllato.

Effetti collaterali Omega Max 1000 - Eurosup

L'eccessiva assunzione di omega 3 può associarsi a fenomeni immediati come nausea, vomito, bruciori gastrici ed eritemi, e ad effetti sistemici di diversa natura.
In letteratura sono descritti casi di sanguinamento (dovuti all'azione anticoagulante degli omega 3); pertanto occorre prestare attenzione ad eventuali interazioni con aspirina o altri anticoagulanti, ed in caso di patologia emofiliaca o alterazioni del profilo glicemico in pazienti affetti da patologia diabetica non insulino dipendente.
Occorre ribadire che la dose tra i 2 ed i 5 grammi al giorno sembra essere alquanto sicura, e sprovvista dei suddetti effetti collaterali.

Precauzioni per l'utilizzo Omega Max 1000 - Eurosup

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, allergie e patologie autoimmuni, in gravidanza, durante l'allattamento, al di sotto dei 12 anni ed agli adolescenti non ancora formati.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di Omega Max 1000 - Eurosup.


BIBLIOGRAFIA

J Am Coll Nutr. 2009 Aug;28 Suppl:473S-481S.
Effect of omega-3 and policosanol supplementation on attention and reactivity in athletes.
Fontani G, Lodi L, Migliorini S, Corradeschi F.
Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2009 Oct;19(5):536-46.

n-3 polyunsaturated fatty acids do not alter immune and inflammation measures in endurance athletes.

Nieman DC, Henson DA, McAnulty SR, Jin F, Maxwell KR.
Nutr Res. 2009 May;29(5):305-12.

Cardiovascular risk factors in young, overweight, and obese European adults and associations with physical activity and omega-3 index.

Ramel A, Pumberger C, Martinéz AJ, Kiely M, Bandarra NM, Thorsdottir I.
J Sci Med Sport. 2010 Mar;13(2):281-6. Epub 2009 Jun 12.

The effects of omega-3 supplementation on pulmonary function of young wrestlers during intensive training.

Tartibian B, Maleki BH, Abbasi A.
Clin J Sport Med. 2009 Mar;19(2):115-9.

The effects of ingestion of omega-3 fatty acids on perceived pain and external symptoms of delayed onset muscle soreness in untrained men.

Tartibian B, Maleki BH, Abbasi A.
Eur J Appl Physiol. 2008 Oct;104(3):455-61. Epub 2008 Jun 18.

Omega-3 fatty acid supplementation enhances stroke volume and cardiac output during dynamic exercise.

Walser B, Stebbins CL.
J Sci Med Sport. 2009 Jul;12(4):503-7. Epub 2008 Jun 13.

DHA-rich fish oil lowers heart rate during submaximal exercise in elite Australian Rules footballers.

Buckley JD, Burgess S, Murphy KJ, Howe PR.
Curr Sports Med Rep. 2007 Jul;6(4):230-6.

Omega-3 fatty acids and athletics.

Simopoulos AP.
Am J Clin Nutr. 2007 Mar;85(3):803-7.

n-3 Fatty acids are positively associated with peak bone mineral density and bone accrual in healthy men: the NO2 Study.

Högström M, Nordström P, Nordström A.
J Psychiatr Res. 2008 Jan;42(1):58-63. Epub 2006 Oct 30.

Omega-3 fatty acids on the forced-swimming test.

Huang SY, Yang HT, Chiu CC, Pariante CM, Su KP.
Eur J Appl Physiol. 2004 Aug;92(4-5):584-91. Epub 2004 Mar 30.

Effect of n-3 fatty acids on free tryptophan and exercise fatigue.

Huffman DM, Altena TS, Mawhinney TP, Thomas TR.
Crit Care Clin. 2010 Jul;26(3):501-514.

Fish Oil in Critical Illness: Mechanisms and Clinical Applications.

Stapleton RD, Martin JM, Mayer K.
J Alzheimers Dis. 2010 Jul 15. [Epub ahead of print]

Omega-3 Fatty Acids, Cognitive Decline, and Alzheimer's Disease: A Critical Review and Evaluation of the Literature.

Huang TL.
Cardiovasc Ther. 2010 Aug;28(4):202-15.

Nutraceuticals and atherosclerosis: human trials.

Badimon L, Vilahur G, Padro T.
Cell Mol Biol (Noisy-le-grand). 2010 Feb 25;56(1):28-37.

Omega-3 (n-3) fatty acids, cardiovascular disease and stability of atherosclerotic plaques.

Calder PC, Yaqoob P.
BMC Cardiovasc Disord. 2010 Jun 3;10:24.

Omega-3 fatty acids in high-risk cardiovascular patients: a meta-analysis of randomized controlled trials.


Ultima modifica dell'articolo: 23/05/2016