Melatonina Sublinguale – Jamieson

Melatonina Sublinguale – Jamieson

Informazioni su Melatonina Sublinguale – Jamieson

Melatonina 3 Sublinguale - Jamieson

Integratore alimentare  a base di Melatonina in lastrine sublinguali


FORMATO
Confezione da 15/30 lastrine


COMPOSIZIONE (per una lastrina): Melatonina 3 mg


Note:  le lastrine sono realizzate in pullulano, polisaccaride incolore e commestibile estratto dall'amido. Essendo solubile in ambiente acquoso, può esser facilmente idrolizzato e garantire il rilascio del principio attivo, direttamente in sede sublinguale.

Caratteristiche del prodotto Melatonina Sublinguale – Jamieson

melatonina sublingualeAssorbimento sublinguale: l'assorbimento sublinguale è una via alternativa alla classica somministrazione orale e al relativo assorbimento gastrico o intestinale. Nonostante la superficie di assorbimento risulti alquanto ridotta (circa 0.02 m2), l'elevata vascolarizzazione della regione sublinguale garantisce un ottimizzazione di questo processo. I vantaggi principali che derivano da questa modalità di somministrazione si concretizzano in una cinetica più rapida, e soprattutto in una maggior biodisponibilità

La possibilità di saltare il metabolismo di primo passaggio, a cui la melatonina è molto sensibile, fa sì che la dose somministrata per via sublinguale corrisponda, in termini di biodisponibilità, ad una quota doppia assunta per os.

 

Melatonina: derivata direttamente dalla serotonina e prima ancora dal triptofano, è sintetizzata  in una ghiandola posta a livello diencefalico e nota come epifisi. La sintesi di questo ormone è fortemente regolata - oltre che dalla disponibilità del substrato - dal rapporto luce/buio. Lo stimolo luminoso, infatti, recepito da cellule simili ai fotocettori retinici,  attiva una serie di meccanismi biologici che portano alla totale inibizione dell'enzima coinvolto nella sintesi di melatonina. Si comprende quindi come la massima produzione di questo neuroormone si registri nelle ore notturne, laddove lo stimolo luminoso è minimo. La luce, tuttavia, non è l'unico stimolo in grado di interferire con la sintesi endogena di melatonina; infatti, anche l'alcol, il fumo, i tranquillanti, la caffeina, la vitamina B12, l'ibuprofene, altri farmaci e l'invecchiamento, incidono molto sulla funzionalità epifisiaria. L'integrazione con melatonina, oltre all'effetto ipnotico e sedativo, è in grado di proteggere la ghiandola pineale, riducendone l'esaurimento e proteggendola da calcificazione e degenerazione. 
Oltre che nella regolazione dell'orologio biologico e del ritmo sonno/veglia, sua principale applicazione, la melatonina partecipa attivamente anche ad altre reazioni importanti, come:

  1. Reazioni di ossido-riduzione: è ormai nota la  funzione antiossidante della melatonina e dei suoi metaboliti. L'elevata protezione che offre nei confronti delle specie reattive dell'ossigeno e dell'azoto, la pongono tra le molecole ad azione antiossidante più rilevanti, nonostante l'impegno in questo processo comporti la perdita netta della quota impegnata, vista l'assenza di reduttasi in grado di rigenerala.
  2. Reazioni immunitarie: diverse evidenze sperimentali hanno correlato la somministrazione di melatonina ad un significativo potenziamento delle difese immunitarie. Più precisamente si è osservato un miglioramento sia delle difese immunitarie aspecifiche (reazioni infiammatorie) che delle difese adattative (miglioramento della risposta anticorpale e citotossica).
  3. Reazioni di protezione: la melatonina è in grado di proteggere la cellula, ed  in particolare il suo DNA, dall'azione di mutageni. Nonostante non vi siano sperimentazioni valide su uomini, è stata utilizzata nel cocktail del prof. Di Bella per le sue potenziali azioni antitumorali.
  4. Reazioni metaboliche: seppur ancora in fase di caratterizzazione, prime evidenze suggeriscono come l'attivazione del recettore MT1 per la melatonina, possa migliorare la sensibilità all'insulina e proteggere le cavie da laboratorio dall'insorgenza del diabete di tipo II.

Nonostante le molteplici capacità di questa molecola, attualmente la melatonina viene utilizzata in tutti quei disturbi e quelle condizioni che comportano difficoltà di addormentamento ed alterazioni del ciclo sonno/veglia.


Melatonina e attività fisica: seppur non vi siano dei benefici diretti e particolarmente importanti, relativi all'utilizzo della melatonina nella pratica sportiva, alcuni studi evidenziano:

  1. Miglioramento della secrezione ormonale: in particolare sembra che la somministrazione di melatonina possa ottimizzare la secrezione di GH in atleti sottoposti ad allenamento di resistenza;
  2. Effetto antiossidante: insieme ad altri antiossidanti, la melatonina può garantire una maggior protezione del tessuto muscolare, e non solo, dal danno ossidativo indotto da un'intensa attività fisica;
  3. Potenziamento delle difese immunitarie: la melatonina potrebbe risultare particolarmente utile per evitare il calo delle difese immunitarie, che segue ad allenamenti intensi e che caratterizza la sindrome da overtraining;

Non si sono ad oggi registrati particolari miglioramenti della performance o della composizione corporea in seguito ad assunzione di melatonina.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - Melatonina Sublinguale – Jamieson

Dissolvere una lastrina sotto la lingua, prima di coricarsi

Modo d'uso nella pratica sportiva Melatonina Sublinguale – Jamieson

Vista la formulazione farmaceutica proposta dalla ditta, l'unico dosaggio effettuabile in questo caso è quello dei 3 milligrammi/die, nonostante in recenti evidenze sperimentali siano stati registrati effetti sovrapponibili a dosaggi sensibilmente inferiori.
In questo caso, inoltre, occorre considerare la maggior biodisponibilità del prodotto (che salta il metabolismo epatico di primo passaggio) e la più rapida cinetica di assorbimento, che fa sì che il picco plasmatico si realizzi immediatamente dopo la sua somministrazione, suggerendone l'utilizzo prima di coricarsi per il riposo notturno.

Sinergia - Melatonina Sublinguale – Jamieson

Diversi studi sembrano concordare sulla maggior efficacia della sinergia quando assunta insieme allo zinco. Un miglioramento generalizzato si ottiene infatti sia sul potenziamento delle difese immunitarie, sia sull'effetto antiossidante e sull'aspetto metabolico, migliorando la sensibilità all'insulina.

Alcuni studi mostrano come in caso di prolungata assunzione di zinco e melatonina, divenga necessaria anche l'integrazione con magnesiomagnesio.
La validità della somministrazione contemporanea di melatonina e vitamina B6, è ancora sotto osservazione, anche se i primi lavori evidenziano un miglioramento della sintesi endogena di quest'ormone, con un potenziamento degli effetti biologici relativi soprattutto alla modulazione dell'attività immunitaria ed ormonale.

Effetti collateraliMelatonina Sublinguale – Jamieson

Nonostante recenti studi abbiano ribadito l'elevata tollerabilità e sicurezza del principio attivo, esistono in letteratura casi in cui, anche alla dose di 3 mg/die, si sono osservati  nausea, irritabilità, incubi ed alterazioni vascolari.
Inoltre, agendo come blando ipnotico e sedativo, la melatonina potrebbe interferire con la capacità di concentrazione. Potenziando la risposta immunitaria, la sostanza potrebbe anche peggiorare le condizioni di pazienti affetti da patologie allergiche o autoimmuni.

Precauzioni per l'utilizzo Melatonina Sublinguale – Jamieson

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, allergie e patologie autoimmuni, in gravidanza, durante l'allattamento, al di sotto dei 12 anni ed agli adolescenti non ancora formati.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di Melatonina Sublinguale – Jamieson.


BIBLIOGRAFIA

Neuro Endocrinol Lett. 2002 Jun;23(3):213-7.

The effect of pyridoxine administration on melatonin secretion in normal men.

Luboshitzky R, Ophir U, Nave R, Epstein R, Shen-Orr Z, Herer P.
Georgian Med News. 2007 Dec;(153):35-8.

[Pyridoxine (vitamin B6) influence on endogenic melatonin production during the experiment]

rsling M, Wheeling M, Williams A. The effect of melatonin administration on pituitary hormone secretion in man. Clin Endocrinol. 1999;51:637-42. doi: 10.1046/j.1365-2265.1999

Melatonin supplementation to rats subjected to acute swimming exercise: Its effect on plasma lactate levels and relation with zinc.
Kaya O, Gokdemir K, Kilic M, Baltaci AK.
Neuro Endocrinol Lett. 2006 Feb-Apr;27(1-2):263-6.

Effects of a single dose of N-Acetyl-5-methoxytryptamine (Melatonin) and resistance exercise on the growth hormone/IGF-1 axis in young males and females.
Nassar E, Mulligan C, Taylor L, Kerksick C, Galbreath M, Greenwood M, Kreider R, Willoughby DS.

Effects of melatonin supplementation on exercise-induced changes in conduction velocity distributions.
Ayaz M, Okudan N.
Miglioramento delle capacità conduttive della fibrea nervosa.
Melatonin: aeromedical, toxicopharmacological, and analytical aspects.
Sanders DC, Chaturvedi AK, Hordinsky JR.
J Anal Toxicol. 1999 May-Jun;23(3):159-67. Review.
BMJ. 2006 Feb 18;332(7538):385-93. Epub 2006 Feb 10.

Efficacy and safety of exogenous melatonin for secondary sleep disorders and sleep disorders accompanying sleep restriction: meta-analysis.

Buscemi N, Vandermeer B, Hooton N, Pandya R, Tjosvold L, Hartling L, Vohra S, Klassen TP,Baker G.
Sicuro a breve termine
Pharmacokinetics of orally administered melatonin in critically ill patients.
Mistraletti G, Sabbatini G, Taverna M, Figini MA, Umbrello M, Magni P, Ruscica M, Dozio E, Esposti R, DeMartini G, Fraschini F, Rezzani R, Reiter RJ, Iapichino G.
J Pineal Res. 2010 Mar;48(2):142-7. Epub 2010 Jan 8.
Significance and application of melatonin in the regulation of brown adipose tissue metabolism: relation to human obesity.
Tan DX, Manchester LC, Fuentes-Broto L, Paredes SD, Reiter RJ.
Obes Rev. 2010 Jun 16. [Epub ahead of print]
Obesity (Silver Spring). 2010 Feb 18. [Epub ahead of print]

Removal of Melatonin Receptor Type 1 Induces Insulin Resistance in the Mouse.

Contreras-Alcantara S, Baba K, Tosini G.
Endocrinology. 2009 Dec;150(12):5311-7. Epub 2009 Oct 9.

Melatonin improves glucose homeostasis and endothelial vascular function in high-fat diet-fed insulin-resistant mice.

Sartori C, Dessen P, Mathieu C, Monney A, Bloch J, Nicod P, Scherrer U, Duplain H.
Int J Exp Pathol. 2007 Feb;88(1):19-29.

Intake of melatonin is associated with amelioration of physiological changes, both metabolic and morphological pathologies associated with obesity: an animal model.

Hussein MR, Ahmed OG, Hassan AF, Ahmed MA.
Endocrinology. 2003 Dec;144(12):5347-52. Epub 2003 Sep 11.

Melatonin reduces body weight gain in Sprague Dawley rats with diet-induced obesity.

Prunet-Marcassus B, Desbazeille M, Bros A, Louche K, Delagrange P, Renard P, Casteilla L,Pénicaud L.
Saudi Med J. 2006 Oct;27(10):1483-8.

Effects of melatonin and zinc on glycemic control in type 2 diabetic patients poorly controlled with metformin.

Hussain SA, Khadim HM, Khalaf BH, Ismail SH, Hussein KI, Sahib AS.

Eur J Appl Physiol. 2006 Apr;96(6):729-39. Epub 2006 Feb 28.

Effects of resistance exercise session after oral ingestion of melatonin on physiological and performance responses of adult men.

Mero AA, Vähälummukka M, Hulmi JJ, Kallio P, von Wright A.
J Pineal Res. 2005 Nov;39(4):353-9.

Effects of melatonin on the thermoregulatory responses to intermittent exercise.

Atkinson G, Holder A, Robertson C, Gant N, Drust B, Reilly T, Waterhouse J.
Ergonomics. 2005 Sep 15-Nov 15;48(11-14):1512-22.

Effects of daytime ingestion of melatonin on short-term athletic performance.

Atkinson G, Jones H, Edwards BJ, Waterhouse JM.
J Pineal Res. 2007 Jan;42(1):28-42.

One molecule, many derivatives: a never-ending interaction of melatonin with reactive oxygen and nitrogen species?

Tan DX, Manchester LC, Terron MP, Flores LJ, Reiter RJ.
J Pineal Res. 2009 Sep;47(2):184-91. Epub 2009 Jul 13.

Melatonin reduces cardiac inflammatory injury induced by acute exercise.

Veneroso C, Tuñón MJ, González-Gallego J, Collado PS.
Saudi Med J. 2006 Oct;27(10):1483-8.

Effects of melatonin and zinc on glycemic control in type 2 diabetic patients poorly controlled with metformin.

Hussain SA, Khadim HM, Khalaf BH, Ismail SH, Hussein KI, Sahib AS.