Melatonin 5 mg – Natroid

Melatonin 5 mg – Natroid

Informazioni su Melatonin 5 mg – Natroid

Melatonin 5 mg- Natroid

Integratore alimentare  a base di Melatonina e vitamina B6


FORMATO
Confezione da 100 tavolette


COMPOSIZIONE

cellulosa; fosfato dicalcico (E341); agente filmante; ipromellosa (E464);  magnesio stearato (E572); acido stearico (E570); diossido di silicio (E551);  metilcellulosa (E461), glicerolo (E422), piridossina cloridrato e melatonina.

 

PER CAPSULA: Melatonina 5 mg; Vitamina B6 3 mg

Caratteristiche del prodotto Melatonin 5 mg – Natroid

Melatonina:  neuroormone prodotto dalla ghiandola pineale, posta a livello diencefalico, che esplica la propria azione biologica riconoscendo a attivando recettori MT, disseminati lungo tutto il sistema nervoso centrale e particolarmente concentrati al livello ipotalamico. In natura, la melatonina non è presente esclusivamente negli organismi animali, ma si ritrova anche in diversi vegetali, come il cacao ed il riso, dai quali si procede con l'estrazione a fini commerciali. Le fonti di melatonina alimentare, tuttavia, non  sono in grado di aumentare significativamente i livelli plasmatici di questa molecola, la cui concentrazione oscilla tra i 10 ed i 300 pg/ml; per questo motivo, ai fini di una corretta supplementazione è necessario ricorrere agli integratori.  
Sintesi endogena: la sintesi di melatonina si realizza a livello della ghiandola pineale, partendo dal triptofano attraverso l'enzima serotonina N acetil transferasi. Il picco massimo di produzione si realizza durante il periodo notturno, in quando la luce, attraverso meccanismi molecolari non del tutto chiari, ma che prevedono la partecipazione di fotocettori e di AMPc, è in grado di inattivare l'enzima serotonina acetil transferasi. L'invecchiamento dell'epifisi, caratterizzato da una calcificazione diffusa e da una desensibilizzazione nervosa, porta ad un graduale decremento della sua capacità biosintetica.
Cinetica: la melatonina assunta per via orale passa inalterata a livello intestinale, dove viene quasi totalmente assorbita (negli anziani i livelli di assorbimento scendono del 50%) e trasportata al fegato. Il metabolismo di primo passaggio determina la conversione di circa il 90% della quota totale assunta, in  6 solfatossi melatonina, metabolita inattivo eliminato al livello renale. La quota biodisponibile determina un picco plasmatico massimo dopo circa 3 ore, anche se questo risulta profondamente influenzato dallo stato di replezione gastrica (dilatazione dello stomaco).
Funzionalità: la melatonina è principalmente coinvolta nella regolazione dei ritmi biologici. Infatti, la sua azione ipnotica e sedante, che si manifesta attraverso l'attivazione di recettori MT, concentrati prevalentemente a livello ipotalamico, è in grado di facilitare l'addormentamento ed il riposo restauratore. Oltre al classico ruolo, inoltre, la melatonina è direttamente coinvolta:

  1. Nell'azione protettiva nei confronti delle specie reattive dell'ossigeno e dell'azoto;
  2. nel potenziamento delle difese immunitarie;
  3. nel metabolismo glucidico;
  4. nella protezione e prevenzione da danni a livello degli acidi nucleici.

Ruolo dell'integratore: l'integratoredi melatonina viene efficacemente utilizzato sia in tutte le sindromi caratterizzate da disturbi del sonno (turni di lavoro, jet-lag) sia nella prevenzione della degenerazione epifisiaria. Diversi studi hanno infatti dimostrato come la supplementazione con melatonina possa ridurre l'esaurimento funzionale della ghiandola pineale, e preservarne più a lungo la funzionalità. Diversi ricercatori, inoltre, stanno valutando altre applicazioni per patologie metaboliche, disordini endocrini e malattie neurodegenerative.
Nella pratica sportiva: seppur non molto utilizzata nella pratica sportiva, la melatonina sembra poter sostenere il fisico dell'atleta soprattutto durante gli allenamenti più intensi:

  1. evitando il calo delle difese immunitarie che si realizza in seguito a sovrallenamento;
  2. sostenendo direttamente le capacità antiossidanti dell'organismo;
  3. migliorando la funzionalità ormonale: studi dimostrano infatti un sensibile aumento della secrezione notturna di ormone della crescita;
  4. riducendo la temperatura corporea  durante allenamenti intensi effettuati in ambienti caldi.

Nonostante ciò mancano dati che mostrino un miglioramento significativo della performance o della composizione corporea.


Vitamina B6:nota anche come piridossina, è un derivato piridinico introdotto prevalentemente tramite le carni, assorbito a livello del digiuno  dopo idrolisi ATP dipendente e trasportato al fegato legato all'albumina. Qui viene trasformata in piridosammina e poi in piridossale e successivamente fosforilata, con conseguente attivazione e stoccaggio. Dal fegato verrà trasportata ai vari tessuti,  dove potrà esplicare il proprio ruolo biologico, come cofattore:

  1. Incrementa i livelli di glucosio ematico: favorisce infatti glicogenolisi e gluconegoenesi;
  2. Favorisce la sintesi di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina, norepinefrina e GABA.
  3. Guida la sintesi del gruppo EME, necessario all'emoglobina per legare l'ossigeno;
  4. Permette la sintesi di niacina, partendo da triptofano;
  5. Modula l'azione ormonale;

La vitamina B6 viene utilizzata nel trattamento di numerose patologie, con particolare importanza per quelle neurodegenerative, cardiovascolari e nei disordini immunitari.
Il suo fabbisogno giornaliero è attestato intorno a 1 / 1.5 mg, ma anche in questo caso gli episodi carenziali sono molto rari.
Vitamina B6 e melatonina: seppur non tutti gli studi sembrino concordi a riguardo, la vitamina B6 è risultata efficace nel potenziare la sintesi di melatonina, tanto che deficit di piridossina si ripercuotono inevitabilmente sui livelli plasmatici di questo ormone. Oltre al ruolo diretto nei confronti della sintesi, questa sinergia potrebbe risultare vantaggiosa anche per il controllo di molte vie metaboliche e funzionali comuni.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - Melatonin 5 mg – Natroid

Assumere una tavoletta la sera 20 minuti prima di coricarsi.

Modo d'uso nella pratica sportiva Melatonin 5 mg – Natroid

Gli studi condotti su individui sani sottoposti ad esercizio fisico, utilizzano generalmente dosaggi molto diversi tra loro. Sembra infatti che un effetto, in termini di miglioramento dell'equilibrio ormonale, si possa avere sia a basse concentrazioni (0.3/0.5 mg) che a concentrazioni più elevate 3/5 mg.
In entrambi i casi, tuttavia, è necessario assumere la melatonina prima di andare a letto, in maniera da riprodurre e migliorare la produzione endogena dell'ormone, senza determinare uno sconvolgimento dei delicati ritmi circadiani ed ultradiani.

Sinergia - Melatonin 5 mg – Natroid

Diversi studi sembrano concordare sulla maggior efficacia della sinergia quando assunta insieme allo zinco. Un miglioramento generalizzato si ottiene infatti sia sul potenziamento delle difese immunitarie, sia sull'effetto antiossidante e sull'aspetto metabolico, migliorando la sensibilità all'insulina.

Effetti collateraliMelatonin 5 mg – Natroid

Nonostante recenti studi abbiano ribadito l'elevata tollerabilità e sicurezza del principio attivo, esistono in letteratura casi in cui, anche alla dose di 3 mg/die, si sono osservati  nausea, irritabilità, incubi ed alterazioni vascolari.
Inoltre, agendo come blando ipnotico e sedativo, la melatonina potrebbe interferire con la capacità di concentrazione. Potenziando la risposta immunitaria, la sostanza potrebbe anche peggiorare le condizioni di pazienti affetti da patologie allergiche o autoimmuni.

Precauzioni per l'utilizzo Melatonin 5 mg – Natroid

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, allergie e patologie autoimmuni, in gravidanza, durante l'allattamento, al di sotto dei 12 anni ed agli adolescenti non ancora formati.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di Melatonin 5 mg – Natroid.


BIBLIOGRAFIA

Neuro Endocrinol Lett. 2002 Jun;23(3):213-7.

The effect of pyridoxine administration on melatonin secretion in normal men.

Luboshitzky R, Ophir U, Nave R, Epstein R, Shen-Orr Z, Herer P.
Georgian Med News. 2007 Dec;(153):35-8.

[Pyridoxine (vitamin B6) influence on endogenic melatonin production during the experiment]

rsling M, Wheeling M, Williams A. The effect of melatonin administration on pituitary hormone secretion in man. Clin Endocrinol. 1999;51:637-42. doi: 10.1046/j.1365-2265.1999

Melatonin supplementation to rats subjected to acute swimming exercise: Its effect on plasma lactate levels and relation with zinc.
Kaya O, Gokdemir K, Kilic M, Baltaci AK.
Neuro Endocrinol Lett. 2006 Feb-Apr;27(1-2):263-6.

Effects of a single dose of N-Acetyl-5-methoxytryptamine (Melatonin) and resistance exercise on the growth hormone/IGF-1 axis in young males and females.
Nassar E, Mulligan C, Taylor L, Kerksick C, Galbreath M, Greenwood M, Kreider R, Willoughby DS.

Effects of melatonin supplementation on exercise-induced changes in conduction velocity distributions.
Ayaz M, Okudan N.
Miglioramento delle capacità conduttive della fibrea nervosa.
Melatonin: aeromedical, toxicopharmacological, and analytical aspects.
Sanders DC, Chaturvedi AK, Hordinsky JR.
J Anal Toxicol. 1999 May-Jun;23(3):159-67. Review.
BMJ. 2006 Feb 18;332(7538):385-93. Epub 2006 Feb 10.

Efficacy and safety of exogenous melatonin for secondary sleep disorders and sleep disorders accompanying sleep restriction: meta-analysis.

Buscemi N, Vandermeer B, Hooton N, Pandya R, Tjosvold L, Hartling L, Vohra S, Klassen TP,Baker G.
Sicuro a breve termine
Pharmacokinetics of orally administered melatonin in critically ill patients.
Mistraletti G, Sabbatini G, Taverna M, Figini MA, Umbrello M, Magni P, Ruscica M, Dozio E, Esposti R, DeMartini G, Fraschini F, Rezzani R, Reiter RJ, Iapichino G.
J Pineal Res. 2010 Mar;48(2):142-7. Epub 2010 Jan 8.
Significance and application of melatonin in the regulation of brown adipose tissue metabolism: relation to human obesity.
Tan DX, Manchester LC, Fuentes-Broto L, Paredes SD, Reiter RJ.
Obes Rev. 2010 Jun 16. [Epub ahead of print]
Obesity (Silver Spring). 2010 Feb 18. [Epub ahead of print]

Removal of Melatonin Receptor Type 1 Induces Insulin Resistance in the Mouse.

Contreras-Alcantara S, Baba K, Tosini G.
Endocrinology. 2009 Dec;150(12):5311-7. Epub 2009 Oct 9.

Melatonin improves glucose homeostasis and endothelial vascular function in high-fat diet-fed insulin-resistant mice.

Sartori C, Dessen P, Mathieu C, Monney A, Bloch J, Nicod P, Scherrer U, Duplain H.
Int J Exp Pathol. 2007 Feb;88(1):19-29.

Intake of melatonin is associated with amelioration of physiological changes, both metabolic and morphological pathologies associated with obesity: an animal model.

Hussein MR, Ahmed OG, Hassan AF, Ahmed MA.
Endocrinology. 2003 Dec;144(12):5347-52. Epub 2003 Sep 11.

Melatonin reduces body weight gain in Sprague Dawley rats with diet-induced obesity.

Prunet-Marcassus B, Desbazeille M, Bros A, Louche K, Delagrange P, Renard P, Casteilla L,Pénicaud L.
Saudi Med J. 2006 Oct;27(10):1483-8.

Effects of melatonin and zinc on glycemic control in type 2 diabetic patients poorly controlled with metformin.

Hussain SA, Khadim HM, Khalaf BH, Ismail SH, Hussein KI, Sahib AS.

Eur J Appl Physiol. 2006 Apr;96(6):729-39. Epub 2006 Feb 28.

Effects of resistance exercise session after oral ingestion of melatonin on physiological and performance responses of adult men.

Mero AA, Vähälummukka M, Hulmi JJ, Kallio P, von Wright A.
J Pineal Res. 2005 Nov;39(4):353-9.

Effects of melatonin on the thermoregulatory responses to intermittent exercise.

Atkinson G, Holder A, Robertson C, Gant N, Drust B, Reilly T, Waterhouse J.
Ergonomics. 2005 Sep 15-Nov 15;48(11-14):1512-22.

Effects of daytime ingestion of melatonin on short-term athletic performance.

Atkinson G, Jones H, Edwards BJ, Waterhouse JM.
J Pineal Res. 2007 Jan;42(1):28-42.

One molecule, many derivatives: a never-ending interaction of melatonin with reactive oxygen and nitrogen species?

Tan DX, Manchester LC, Terron MP, Flores LJ, Reiter RJ.
J Pineal Res. 2009 Sep;47(2):184-91. Epub 2009 Jul 13.

Melatonin reduces cardiac inflammatory injury induced by acute exercise.

Veneroso C, Tuñón MJ, González-Gallego J, Collado PS.
Saudi Med J. 2006 Oct;27(10):1483-8.

Effects of melatonin and zinc on glycemic control in type 2 diabetic patients poorly controlled with metformin.

Hussain SA, Khadim HM, Khalaf BH, Ismail SH, Hussein KI, Sahib AS.