Glutammene - Andersonn

Glutammene - Andersonn

Informazioni su Glutammene - Andersonn

Glutammene - Anderson

Integratore alimentare a base di L-Glutammina


FORMATO
Flacone da 140 capsule


COMPOSIZIONE

l-Glutammina
Gelatina alimentare

 

Una capsula contiene: L-Glutammina: 500 mg

Caratteristiche del prodotto Glutammene - Andersonn

GlutamminaL-Glutammina -   è il più abbondante aminoacido presente nell'organismo, e rappresenta circa il 60% del pull aminoacidico totale a nostra disposizione. In condizioni fisiologiche, la glutammina è sintetizzata prevalentemente a livello muscolare dalla glutammina sintetasi, partendo da glutammato ed ammoniaca. Dato che questa sintesi endogena soddisfa le esigenze fisiologiche, la glutammina rientra nella categoria degli aminoacidi NON ESSENZIALI. Tuttavia, in particolari condizioni patologiche, come gravi traumi, ustioni, malattie severe e croniche, il fabbisogno di questo aminoacido cresce, rendendolo così ESSENZIALE; di conseguenza, in simili circostanze è necessaria la sua assunzione tramite la dieta. Fortunatamente alimenti di origine animale, come le carni, ma anche le leguminose e la frutta secca, ne sono ricchi, permettendo di soddisfare facilmente anche i fabbisogni più importanti.

Il ruolo biologico della glutammina sembra alquanto complesso, dato che rientra in molteplici pathways metabolici e funzionali, che assicurano il corretto funzionamento dei vari apparati.
Tra le varie funzioni possiamo ricordare:

  1. L'azione detossificante da ammoniaca: la glutammina rappresenta il più efficiente trasportatore di gruppi amminici. Originandosi a livello dei vari tessuti extraepatici, giunge al fegato, dove cede il suo ione ammonio che verrà successivamente eliminato sottoforma di urea;
  2. Ruolo anabolico: la glutammina rientra nei processi di sintesi proteica, al pari di tutti gli altri aminoacidi;
  3. Ruolo energetico: la glutammina è precorritrice del glutammato e dell'alfachetoglutarato, rientrando così sia nel ciclo di krebs, che nel processo gluconeogenico;
  4. Ruolo proliferativo: rappresenta una delle principali fonti energetiche per le cellule in attiva proliferazione, come quelle della mucosa intestinale o quelle immunitarie;
  5. Ruolo eccitatorio: attraversando la barriera emato-encefalica, giunge a livello neuronale, dove viene convertita in glutammato, neurotrasmettitore con funzione eccitatoria;
  6. Ruolo antiossidante: fornendo il glutammato, utilizzato nella sintesi del glutatione.

Visti quindi i suoi molteplici ruoli, la supplementazione con glutammina viene utilizzata in ambito terapeutico nel trattamento delle situazioni post-traumatiche e infettive, e in alcune patologie croniche e metaboliche, con l'obiettivo di ridurre mortalità e morbidità, anche se non tutti gli scienziati sembrano concordare sui benefici indotti dalla somministrazione di questo aminoacido.

Potenziali benefici per l'uso sportivo Glutammene - Andersonn

Nella pratica sportiva, questo integratore viene ampiamente utilizzato, con differenti scopi

Razionale dell'integrazione nella pratica sportiva Glutammene - Andersonn

Nonostante l'ampio uso di questo aminoacido nella pratica sportiva, e i numerosi benefici attesi dai vari atleti, la letteratura scientifica sembra alquanto critica nei confronti della supplementazione in ambito sportivo. Diversi studi, infatti, sembrano concordare sull'assenza di effetti ergogenici e ripartitivi in individui sani sottoposti ad allenamento, mentre spunti interessanti provengono dall'azione della glutammina sul sistema immunitario.
L'allenamento intenso determina un calo delle difese immunitarie, esponendo l'atleta a vari rischi infettivi, che naturalmente possono compromettere lo stato di salute e le successive performance. L'abbassamento dei livelli di glutammina rappresenta un campanello d'allarme per questa condizione, nota anche come sindrome da overtraining, per la quale la sperimentazione ha dato incoraggianti successi, sostenendo le difese immunitarie degli atleti (riduzione apoptosi dei neutrofili, incremento dei livelli di linfociti T h) e risparmiando l'organismo da ulteriori stress ossidativi.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - Glutammene - Andersonn

Si consiglia di assumere una dose al dì durante un pasto. Una dose = 3 capsule (1,5 grammi di glutammina).

Modo d'uso nella pratica sportiva Glutammene - Andersonn

I vari studi sono alquanto lontani dal definire un dosaggio ottimale, soprattutto per l'integrazione sportiva. Prendendo spunto dai vari articoli scientifici pubblicati, e non dalla pratica comune, nella quale si descrivono dosaggi superiori anche ai 20 gr/die,  il range più caratterizzato e studiato va dai 3 agli 8 grammi giornalieri.
Si dovrebbe preferire l'assunzione a stomaco pieno, in maniera tale da migliorare il trasporto intestinale, che avviene mediante meccanismi di diffusione semplice e Sodio-facilitata. Occorre ricordare, inoltre, che la glutammina rappresenta una fonte energetica importantissima per la cellula intestinale, che consumandola ne ridurrà notevolmente la biodisponibilità.
Sarebbe inoltre preferibile l'assunzione pre-allenamento, al fine di prevenire la caduta di glutammina che si realizza in seguito ad esercizio fisico, anche se vi sono evidenze che mostrano una maggior efficacia post allenamento, insieme ad una fonte di glucosio, nel ripristinare le scorte di glicogeno muscolare.

Come ottimizzare la sua attività - Glutammene - Andersonn

Dai vari studi emerge come l'associazioe di
Glutammina + BCAA + Proteine determini un incremento di massa magra dopo  settimane di integrazione ed esercizio fisico pesante ;
Glutammina + carboidrati, assunti nella finestra anabolica post work-out, possano facilitare l'uptake di glucosio e la risintesi di glicogeno; assunti prima dell'allenamento intermittente, sembrano migliorare la performance atletica e ridurre la sensazione di fatica.
Glutammina + creatina + ribosio, non sembra procurare particolari benefici in termini di variazione della composizione corporea.

Effetti collaterali Glutammene - Andersonn

Diversi studi hanno sperimentato supplementazioni con dosi di glutammina orale anche superiori ai 20 grammi, senza registrare alcun particolare effetto collaterale.
Un unico studio a lungo termine, con atleti che assumevano dosi di 28 grammi giornalieri per 2 settimane, distribuiti in 4 diverse assunzioni, non ha evidenziato effetti collaterali.

Precauzioni per l'utilizzo Glutammene - Andersonn

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale od epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, in gravidanza, durante l'allattamento, al di sotto dei 12 anni e negli adolescenti non ancora formati.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di Glutammene - Andersonn.


BIBLIOGRAFIA

Regul Toxicol Pharmacol. 2008 Apr;50(3):376-99. Epub 2008 Jan 26.

Risk assessment for the amino acids taurine, L-glutamine and L-arginine.

Shao A, Hathcock JN.
Clinical use of glutamine supplementation.
Wernerman J.
J Nutr. 2008 Oct;138(10):2040S-2044S. Review.

L-glutamine supplementation induces insulin resistance in adipose tissue and improves insulin signalling in liver and muscle of rats with diet-induced obesity.
Prada PO, Hirabara SM, de Souza CT, Schenka AA, Zecchin HG, Vassallo J, Velloso LA, Carneiro E, Carvalheira JB, Curi R, Saad MJ.
Diabetologia. 2007 Sep;50(9):1949-59. Epub 2007 Jun 29.

Effect of physical activity on glutamine metabolism.
Agostini F, Biolo G.
Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2010 Jan;13(1):58-64. Review.
Peptide glutamine supplementation for tolerance of intermittent exercise in soccer players.
Favano A, Santos-Silva PR, Nakano EY, Pedrinelli A, Hernandez AJ, Greve JM.
Clinics (Sao Paulo). 2008 Feb;63(1):27-32.
Glutamine supplementation prevents exercise-induced neutrophil apoptosis and reduces p38 MAPK and JNK phosphorylation and p53 and caspase 3 expression.
Lagranha CJ, Hirabara SM, Curi R, Pithon-Curi TC.
Cell Biochem Funct. 2007 Sep-Oct;25(5):563-9.
Impact of glutamine supplementation on glucose homeostasis during and after exercise.
Iwashita S, Williams P, Jabbour K, Ueda T, Kobayashi H, Baier S, Flakoll PJ.
J Appl Physiol. 2005 Nov;99(5):1858-65. Epub 2005 Jul 21.
Effects of effervescent creatine, ribose, and glutamine supplementation on muscular strength, muscular endurance, and body composition.
Falk DJ, Heelan KA, Thyfault JP, Koch AJ.
J Strength Cond Res. 2003 Nov;17(4):810-6.
Nutrition. 1997 Jul-Aug;13(7-8):738-42.
The effects of oral glutamine supplementation on athletes after prolonged, exhaustive exercise.
Castell LM, Newsholme EA.
Lack of functional benefit with glutamine versus placebo in Duchenne muscular dystrophy: a randomized crossover trial.
Mok E, Letellier G, Cuisset JM, Denjean A, Gottrand F, Alberti C, Hankard R.
PLoS One. 2009;4(5):e5448. Epub 2009 May 6
Glutamine protects against increases in blood ammonia in football players in an exercise intensity-dependent way.
Bassini-Cameron A, Monteiro A, Gomes A, Werneck-de-Castro JP, Cameron L.
Br J Sports Med. 2008 Apr;42(4):260-6. Epub 2007 Nov 5.
Effect of glutamine supplementation combined with resistance training in young adults.
Candow DG, Chilibeck PD, Burke DG, Davison KS, Smith-Palmer T.
Eur J Appl Physiol. 2001 Dec;86(2):142-9.
Cell Biochem Funct. 2010 Jan;28(1):24-30.

Effects of supplementation with free glutamine and the dipeptide alanyl-glutamine on parameters of muscle damage and inflammation in rats submitted to prolonged exercise.

Cruzat VF, Rogero MM, Tirapegui J.
L-glutamine supplementation induces insulin resistance in adipose tissue and improves insulin signalling in liver and muscle of rats with diet-induced obesity.
Prada PO, Hirabara SM, de Souza CT, Schenka AA, Zecchin HG, Vassallo J, Velloso LA, Carneiro E, Carvalheira JB, Curi R, Saad MJ.
Diabetologia. 2007 Sep;50(9):1949-59. Epub 2007 Jun 29.
Am J Physiol Cell Physiol. 2001 Oct;281(4):C1259-65.

Effect of glutamine supplementation on exercise-induced changes in lymphocyte function.

Krzywkowski K, Petersen EW, Ostrowski K, Kristensen JH, Boza J, Pedersen BK.
Examination of the efficacy of acute L-alanyl-L-glutamine ingestion during hydration stress in endurance exercise.
Hoffman JR, Ratamess NA, Kang J, Rashti SL, Kelly N, Gonzalez AM, Stec M, Anderson S, Bailey BL, Yamamoto LM, Hom LL, Kupchak BR, Faigenbaum AD, Maresh CM.
J Int Soc Sports Nutr. 2010 Feb 3;7:8.
J Strength Cond Res. 2006 Aug;20(3):643-53.

The effects of protein and amino acid supplementation on performance and training adaptations during ten weeks of resistance training.

Kerksick CM, Rasmussen CJ, Lancaster SL, Magu B, Smith P, Melton C, Greenwood M,Almada AL, Earnest CP, Kreider RB.
Appl Physiol Nutr Metab. 2006 Oct;31(5):518-29.

Addition of glutamine to essential amino acids and carbohydrate does not enhance anabolism in young human males following exercise.

Wilkinson SB, Kim PL, Armstrong D, Phillips SM.



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015