Carbo Sprint Volata - ProAction

Carbo Sprint Volata - ProAction

Informazioni su Carbo Sprint Volata - ProAction

Carbo Sprint Volata - ProAction

Preparato energetico a base di carboidrati con caffeina, L-carnitina, Vitamina C e Vitamina B6


FORMATO
Confezione da 50ml gusto arancia rossa


Composizione: Acqua - Destrosio - Fruttosio - Maltodestrine - L-Carnitina tartrato - Caffeina - Aromi - Acidificante: Acido citrico - Acido L-Ascorbico (Vit. C) - Piridossina cloridrato (Vit. B6).


Per dose giornaliera (75gr = 2 misurini)
Valore energetico: 115 Kcal - Proteine 0 gr - Carboidrati 25 gr (di cui Destrosio: 17.5 gr - Fruttosio: 3.75 gr - Maltodestrine: 3.75 gr) - Grassi 0 gr - L-Carnitina: 100 mg - Caffeina: 80 mg - Vitamina C :1.8 mg - Vitamina B6 : 0.6 mg.

 

Carboidrati  - sono tra i nutrienti più abbondanti nella comune alimentazione. La loro importanza si deve alle funzioni energetiche e strutturali che garantiscono il corretto funzionamento dei vari apparati. carbo sprint volata indice glicemico

Naturalmente presenti nei cibi, i carboidrati vengono introdotti  prevalentemente sottoforma di amidi, attraverso cereali e derivati, e zuccheri semplici mediante la frutta. Una sana alimentazione può soddisfare anche le richieste più esigenti, purché la scelta dei carboidrati ingeriti rispetti i fragili equilibri metabolici ed ormonali dell'organismo umano. La situazione diviene ancora più complessa per lo sportivo, dove la scelta del glucide ricade inevitabilmente sulla sua condizione nutrizionale ed atletica, ed incide significativamente sulla performance. Perché questa possa essere migliorata è necessario scegliere lo zucchero che meglio si adatta al contesto sportivo:

  1. zuccheri semplici di rapido assorbimento come il destrosio, il cui picco ematico si realizza pochi secondi dopo l'ingestione, dovrebbero essere assunti pochi attimi prima di uno sprint o di un atto di forza massimale;
  2. carboidrati più complessi come le maltodestrine, o più lentamente metabolizzati come il fruttosio, potrebbero essere assunti prima e durante una prestazione di resistenza, in maniera da fornire un rilascio graduale di energia, sostenere la performance per periodi più lunghi e ridurre il più possibile il catabolismo muscolare.

Tuttavia i carboidrati assumono un ruolo importante anche nella fase immediatamente successiva all'allenamento, dove possono essere utilizzati per favorire la secrezione insulinica e facilitare la ricarica di glicogeno depleto.
carnitinaL-Carnitina : derivato aminoacidico trimetilato, prodotto a livello epatico e renale  a partire da metionina e lisina, con l'ausilio di vitamina B1, vitamina B6 e Vitamina C. La carnitina si concentra nei tessuti a metabolismo aerobico, come il cuore ed i muscoli (prevalentemente nelle fibre rosse ed intermedie).
Il suo principale ruolo biologico, fondamentale per il metabolismo intermedio, si concretizza nel legare acidi grassi a catena lunga e trasportarli attraverso un trasportatore di membrana nella matrice mitocondriale, dove andranno incontro all'ossidazione, rifornendo energeticamente la cellula. Il metabolismo lipidico gioca un ruolo chiave nel bilancio energetico dell'organismo, rappresentando la fonte prescelta durante l'attività aerobica, soprattutto se protratta nel tempo. In queste condizioni, infatti, i livelli di carnitina tendono a diminuire in favore della forma acetilata, indice di un aumentato fabbisogno di questa molecola. Nonostante le diverse indicazioni biologiche, ed i numerosi studi presenti in letteratura, la supplementazione con L-carnitina non sembra dare i risultati attesi in termini di miglioramento della prestazione aerobica, presumibilmente per la scarsa capacità di immagazzinamento a livello tissutale.

caffeinaCaffeina :  appartenente al genere delle metilxantine, viene introdotta nella quotidianità con il caffè (una tazzina ne contiene intorno ai 100mg), ed assorbita rapidamente entro un'ora dall'ingestione.

Prima di esser metabolizzata a livello epatico in varie forme di dimetilxantina, la caffeina è in grado di:

  1. Produrre un'azione stimolante il metabolismo adrenergico;
  2. Stimolare la lipolisi, aumentando la concentrazione ematica di acidi grassi;
  3. Mediare la vasodilatazione a livello muscolar ;
  4. Rilasciare la muscolatura bronchiale, e facilitare la respirazione;
  5. Migliorare le capacità cognitive e lo stato di vigilanza;
  6. Aumentare la diuresi;
  7. Ridurre la sensazione di dolore, limitando l'attivazione dei nocicettori.

Date le numerose reazioni in cui è più o meno direttamente coinvolta, e la semplice reperibilità, la caffeina ha trovato applicazione nel campo sportivo, tanto da essere annoverata tra le sostanze dopanti a concentrazioni urinarie superiori ai 0.012 mg/ml. I vantaggi in ambito sportivo si concretizzano in un miglioramento della prestazione sia in termini di forza che di resistenza, in un miglioramento dello stato di attenzione ed in una riduzione della sensazione di fatica. La dose massima sicura utilizzata negli studi è di 300 mg, oltre i quali si registrano tremori, ansia, tachicardia, insonnia ed eccitazione. L'uso prolungato, invece, rappresenta un importante fattore di rischio per le patologie del tratto gastro intestinale, cardiovascolare e nervoso (emicrania).

vitamina cVitamina C  - nota anche come acido L ascorbico, è introdotta generalmente tramite frutta e verdura, ed assorbita quasi interamente a livello duodenale tramite meccanismi di diffusione passiva saturabile e trasporto facilitato dal sodio. Attraverso il plasma, raggiunge i vari tessuti, dove viene stoccata per un totale medio stimato intorno al grammo e mezzo.   Molteplici sono le potenzialità della vitamina C, alcune delle quali molto care agli atleti, come:

- potente antiossidante, mediante rigenerazione della vitamina E, in grado di contrastare efficacemente il danno indotto dall'esercizio fisico intenso;
- cofattore necessario alla sintesi di carnitina
- riducente del ferro intestinale, con conseguente incremento dei livelli di assorbimento;
- riducente dell'acido folico nelle relative forme coenzimatiche.

Gli effetti suddetti si concretizzano in una ridotta sensazione di fatica ed in un conseguente miglioramento della performance.
Il fabbisogno giornaliero di vitamina C è stimato intorno ai 60-90mg, ma già a soli 10 mg è in grado di prevenire lo scorbuto, patologia derivata da carenza di  vitamina C. Questi livelli raccomandati di assunzione possono aumentare significativamente negli sportivi raggiungendo anche il grammo giornaliero. Occorre considerare tuttavia che dosaggi superiori al grammo netto, si accompagnano ad una significativa riduzione dell'assorbimento intestinale.
Disturbi gastro intestinali dovuti all'acidità di questa vitamina, si registrano per dosaggi farmacologici, ossia superiori ai 10 gr/die

Vitamina B6: introdotta negli integratori prevalentemente sottoforma di piridossina cloridrato, e presente soprattutto nei cibi di origine animale, in particolare nelle carni. Questa vitamina viene assorbita a livello del digiuno  dopo idrolisi ATP dipendente e trasportata al fegato veicolata all'albumina. A livello epatico, la vitamina B6 subisce processi di fosforilazione che la trasformano nella forma attiva, nota come piridossal fosfato, quindi, una volta trasportata ai vari tessuti, agisce come cofattore:

  1. Favorendo la glicogenolisi e la gluconeogenesi, in maniera da aumentare la disponibilità di glucosio;
  2. Coadiuvando l'azione ormonale;
  3. Facilitando la sintesi di altre vitamine del gruppo B, come la niacina;
  4. Guidando la sintesi del gruppo EME, necessario all'emoglobina per legare l'ossigeno.

Il suo fabbisogno giornaliero è attestato intorno a 1 / 1.5 mg, ma anche in questo caso i casi di carenza sono molto rari.

Caratteristiche del prodotto - Carbo Sprint Volata - ProAction

Già dal nome si comprende facilmente come questo prodotto nasca per sostenere lo sprint finale di una prestazione. La ridotta quota di maltodestrine, a favore di una componente zuccherina semplice ed immediatamente disponibile - insieme alla presenza di caffeina e di L-Carnitina, e all'assenza di aminoacidi a catena ramificata - sostiene il ruolo per cui questo integratore è nato. La presenza di vitamine dovrebbe inoltre garantire sia un'ottimizzazione dei processi energetici e di ossidazione, sia un potenziale effetto detossificante ed antifatica. Tuttavia, nonostante i presupposti teorici e i dati incoraggianti riguardo l'efficacia ergogenica  dei carboidrati (in particolare della miscela maltodestrine/fruttosio) e della caffeina, occorre ricordare la  bassa efficacia degli integratori a base di carnitina,  la differente tempistica di assorbimento dei vari principi contenuti, e l'assenza di studi sperimentali che ne caratterizzino l'utilità.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - Carbo Sprint Volata - ProAction

1-2 confezioni al giorno.

Modo d'uso nella pratica sportiva - Carbo Sprint Volata - ProAction

Questo tipo di integratore dovrebbe essere consumato durante la prestazione atletica, ed in particolare immediatamente prima della fase terminale della gara. La prevalenza di zuccheri semplici, infatti, espone l'atleta a potenziali rischi di ipoglicemia reattiva, che risulterebbero seriamente svantaggiosi per il proseguimento dell'esercizio fisico. 

Effetti collaterali Carbo Sprint Volata - ProAction

L'eccessivo consumo potrebbe determinare nausee, crampi, dolori addominali, diarree e vomito. Questa bevanda contiene caffeina, i cui effetti collaterali sono stati precedentemente elencati,  e zuccheri semplici, quindi risulta sconsigliata l'assunzione prima di andare a letto o comunque nelle ore serali.

Precauzioni per l'utilizzo Carbo Sprint Volata - ProAction

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, in gravidanza, durante l'allattamento e al di sotto dei 14 anni.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di Carbo Sprint Volata - ProAction.


BIBLIOGRAFIA

Med Sci Sports Exerc. 2006 Jul;38(7):1288-96.

Androgenic responses to resistance exercise: effects of feeding and L-carnitine.

Wraemer WJ, Spiering BA, Volek JS, Ratamess NA, Sharman MJ, Rubin MR, French DN, Silvestre R, Hatfield DL, Van Heest JL,Vingren JL, Judelson DA, Deschenes MR, Maresh CM.
J Strength Cond Res. 2008 Jul;22(4):1130-5.
Effects of L-carnitine L-tartrate supplementation on muscle oxygenation responses to resistance exercise.
Spiering BA, Kraemer WJ, Hatfield DL, Vingren JL, Fragala MS, Ho JY, Thomas GA, Häkkinen K, Volek JS.
Med J Aust. 2009 Jan 5;190(1):41-3.

Cardiac arrest in a young man following excess consumption of caffeinated "energy drinks".

Berger AJ, Alford K.
Caffeine and taurine enhance endurance performance.
Imagawa TF, Hirano I, Utsuki K, Horie M, Naka A, Matsumoto K, Imagawa S.
Int J Sports Med. 2009 Jul;30(7):485-8. Epub 2009 May 19.
Sports Med. 2001;31(11):785-807.

Caffeine and exercise: metabolism, endurance and performance.

Graham TE.
 Crit RevFood Sci Nutr. 2005;45(7-8):535-62.

Caffeine use in sports, pharmacokinetics in man, and cellular mechanisms of action.

Magkos F, Kavouras SA.
Laboratory of Nutrition and Clinical Dietetic
Oxidation of combined ingestion of maltodextrins and fructose during exercise.
Wallis GA, Rowlands DS, Shaw C, Jentjens RL, Jeukendrup AE.
Med Sci Sports Exerc. 2005 Mar;37(3):426-32.
Pflugers Arch. 2003 May;446(2):211-9. Epub 2003 Mar 4.
Carbohydrate supplementation improves moderate and high-intensity exercise in the heat.
Carter J, Jeukendrup AE, Mundel T, Jones DA.
Carbohydrate mouth rinsing in the fed state: lack of enhancement of time-trial performance.
Beelen M, Berghuis J, Bonaparte B, Ballak SB, Jeukendrup AE, van Loon LJ.
Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2009 Aug;19(4):400-9.
Carbohydrate ingestion during exercise does not delay the onset of fatigue during submaximal cycle exercise.
Lacerda AC, Alecrim P, Damasceno WC, Gripp F, Pinto KM, Silami-Garcia E.
J Strength Cond Res. 2009 Jul;23(4):1276-81.
J Physiol. 2009 Apr 15;587(Pt 8):1779-94. Epub 2009 Feb 23.

Carbohydrate sensing in the human mouth: effects on exercise performance and brain activity.

Chambers ES, Bridge MW, Jones DA.
J Sports Med Phys Fitness. 2006 Jun;46(2):248-56.

Does a pre-exercise carbohydrate feeding improve a 20-km cross-country ski performance?

Francescato MP, Puntel I.
Med Sci Sports Exerc. 2004 Dec;36(12):2107-11.

The effect of carbohydrate mouth rinse on 1-h cycle time trial performance.

Carter JM, Jeukendrup AE, Jones DA.
J Strength Cond Res. 2003 Feb;17(1):20-5.

The effect of liquid carbohydrate ingestion on repeated maximal effort exercise in competitive cyclists.

Haub MD, Haff GG, Potteiger JA.
Ergonomics. 2000 Oct;43(10):1528-37.

Effect of carbohydrate supplementation on simulated exercise of rugby league referees.

MaClaren DPM, Close GL.
This investigation evaluated the effectiveness of supplementing eight elite rugby league referees with a 6% maltodextrin (Md) solution whilst undertaking a simulated rugby league game
Int J Sport Nutr. 1999 Sep;9(3):241-50.

The effect of a carbohydrate--arginine supplement on postexercise carbohydrate metabolism.

Yaspelkis BB 3rd, Ivy JL.
Int J Sport Nutr. 1997 Jun;7(2):128-37.

Glycemic and insulinemic responses to multiple preexercise carbohydrate feedings.

Short KR, Sheffield-Moore M, Costill DL.
Eight trained cyclists ingested 22.5, 45, or 75 total g maltodextrin and dextrose dissolved in 473 ml of water or an equal volume of placebo (PL)
Eur J Appl Physiol Occup Physiol. 1997;76(6):504-9.

Effects of various beverages on the hormones involved in energy metabolism during exercise in the heat in previously dehydrated subjects.

Jimenez C, Melin B, Koulmann N, Charpenet A, Cottet-Emard JM, Péquignot JM, Savourey G,Bittel J.
Int J Sports Med. 1994 Nov;15(8):466-71.

Hormonal and metabolite responses to glucose and maltodextrin ingestion with or without the addition of guar gum.

MacLaren DP, Reilly T, Campbell IT, Frayn KN.
J Sports Med Phys Fitness. 1994 Sep;34(3):263-70.

Effect of carbohydrate ingestion on performance of non-fasted cyclists during a simulated 80-mile time trial.

Langenfeld ME, Seifert JG, Rudge SR, Bucher RJ.
Am J Physiol. 1991 Jun;260(6 Pt 1):E883-90.

Carbohydrate supplementation, glycogen depletion, and amino acid metabolism during exercise.

Wagenmakers AJ, Beckers EJ, Brouns F, Kuipers H, Soeters PB, van der Vusse GJ, Saris WH.
Med Sci Sports Exerc. 1989 Oct;21(5):540-9.

Exercise and training effects on gastric emptying of carbohydrate beverages.

Rehrer NJ, Beckers E, Brouns F, Hoor ten F, Saris WH.
Oxidation of Solid versus Liquid Carbohydrate Sources during Exercise.
Pfeiffer B, Stellingwerff T, Zaltas E, Jeukendrup AE.
Med Sci Sports Exerc. 2010 Mar 19. [Epub ahead of print]
Med Sci Sports Exerc. 2010 Apr 16. [Epub ahead of print]

Carbohydrate Oxidation from a Carbohydrate Gel Compared To a Drink during Exercise.

Pfeiffer B, Stellingwerff T, Zaltas E, Jeukendrup AE.
Gel di carboidrati, viene assorbito ed ossidato in maniera uguale rispetto ad un drink.



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015