BCAA Hardcore - Muscletech

  A cura del Dr. Davide Racaniello
BCAA Hardcore - Muscletech

Informazioni su BCAA Hardcore - Muscletech

BCAA Hardcore - Muscletech

Integratore alimentare di aminoacidi a catena ramificata con Vitamina B6 e Vitamina B12


FORMATO
Confezione da 150 compresse


INGREDIENTI: Miscela di aminoacidi ramificati - Stabilizzanti: cellulosa microcristallina, fosfato di calcio, polivinilpirrolidone - Antiagglomeranti : idrossipropilmetilcellulosa, acido stearico,  magnesio stearato, diossido di silicio - Rivestimento: idrossipropilmetilcellulosa, titanio biossido, polidestrosio, talco, maltodestrine, trigliceridi a catena media - Edulcorantesucralosio - Cloroidrato di piridossina - Cianocobalamina.


Per 5 tavolette: L-leucina 2024 mg - L-valina 1012 mg - L-isoleucina 1012 mg - Vitamina B6 3 mg - Vitamina B12 1.5 mcg

 

BCAA alimenti

Aminoacidi a catena ramificata - appartenenti al gruppo degli aminoacidi essenziali, devono essere necessariamente introdotti attraverso l'alimentazione. La facile reperibilità alimentare della Leucina, dell' Isoleucina e della Valina, permette di soddisfare il fabbisogno di aminoacidi a catena ramificata senza troppi sacrifici dietetici, anche nei piani alimentari vegetariani. L'assorbimento avviene a livello intestinale, attraverso un trasporto facilitato dal sodio, e il metabolismo è prevalentemente muscolare. Diverse evidenze scientifiche, infatti, hanno dimostrato come questi tre aminoacidi, nelle opportune concentrazioni, possano saltare il primo metabolismo epatico e raggiungere il tessuto muscolare, dove vengono diversamente impiegati a seconda dello stato nutrizionale e fisio-patologico dell'individuo. Al pari di tutti gli altri aminoacidi, rientrano nelle funzioni plastiche ed energetiche, rappresentando un ottimo substrato sia per i processi anabolici di sintesi proteica, sia per quelli catabolici necessari al sostentamento energetico.  Tuttavia, l'elevato tropismo muscolare (rappresentano circa 1/3 del pull totale  aminoacidico  del muscolo) e l'elevata mole di lavori scientifici in ambito sportivo, ha lanciato questi aminoacidi tra gli integratori più utilizzati per la supplementazione dell'atleta.

BCAA e Sport

Le prime evidenze sul ruolo chiave degli aminoacidi a catena ramificata in campo sportivo sono arrivate con i primi studi che mostravano un importante deplezione dei livelli plasmatici e tessutali in seguito ad attività fisica, accompagnati rapidamente da una crescente sensazione di fatica. Tra i tre aminoacidi, tuttavia, la leucina sembrava esser quella più interessata al vistoso calo, tanto da diminuire del 33% in seguito ad esercizio aerobico e del 30% in seguito a sessioni di esercizi di forza.
RamificatiContemporaneamente si dimostrava come la supplementazione orale, prima con "mix" proteici e via via con prodotti sempre più raffinati e ben calibrati, tanto da riprodurre i medesimi rapporti dei tre aminoacidi presenti in natura, garantiva un incremento significativo dei livelli plasmatici, contrastando anche l'incremento ammonico successivo all' esercizio fisico intenso e coinvolto direttamente nella sensazione di fatica centrale. Seppur la letteratura scientifica non sia ancora unanime, la supplementazione con aminoacidi a catena ramificata sembra esser utile nel:

  1. Ridurre la sensazione di fatica;
  2. Sostenere le capacità energetiche muscolari, la gluconeogenesi e migliorare il ciclo glucosio-alanina;
  3. Ridurre i markers di danno muscolare, come la creatinKinasi e la lattico deidrogenasi, esplicando quindi un'azione anticatabolica ed antiproteolitica;
  4. Sostenere le difese immunitarie, proteggendo l'atleta da possibili infezioni;
  5. Miglioramento del metabolismo glucidico;
  6. Sostenere le capacità anaboliche dell'organismo, migliorando la secrezione di testosterone, GH e insulina, e ridurre quella di cortisolo.

BCAA funzioniVa chiarito tuttavia che solo alcune delle suddette proprietà sono accettate dalla comunità scientifica, mentre altre, come ad esempio la modulazione ormonale o l'effetto migliorativo sulla performance, sono ancora alquanto dibattute e criticate.
Rimane invece da chiarire il pathway molecolare con cui agiscono, anche se studi preliminari hanno evidenziato un potenziale ruolo dell'HMB- idrossi metil butirrato, metabolita della leucina, nel ridurre la degradazione proteica e nell'incrementare la sintesi proteica.

Vitamina B6 - nota anche come piridossina, viene trasformata e fosforilata a livello epatico in piridossal fosfato, un importante  coenzima coinvolto in numerose reazioni chiave del metabolismo aminoacidico (transaminazione e deaminazione ossidativa), lipidico (sintesi di sfingolipidi) e glucidico. Si può quindi facilmente comprendere l'utilità di questa vitamina nel sostenere la corretta ossidazione e transaminazione degli aminoacidi a catena ramificata, necessaria a garantire l'azione metabolica-nutrizionale dei BCAA. Il fabbisogno giornaliero di vitamina B6 è attestato intorno a 1 / 1.5 mg, ma anche in questo caso gli episodi di carenza sono molto rari.

Vitamina B12 - gruppo eterogeneo di vitamine, caratterizzate dalla presenza di uno ione cobalto. Le forme disponibili nell'organismo umano sono la metilcobalammina e la 5-deossiadenosilcobalammina, anche se viene comunemente introdotta sottoforma di cianocobalammina.
Perché possa giungere intatta e disponibile a livello ileale, sede del suo assorbimento, è necessario prima che si leghi al fattore intrinseco, molecola prodotta dalle cellule parietali dello mucosa gastrica. Una volta legata alla transcobalamina, può quindi raggiungere i vari tessuti dove agisce come cofattore nelle reazioni condotte da:

  1. metionin sintasi: mediatrice della reazione di detossificazione da omocisteina, importante quindi nella prevenzione dei rischi cardiovascolari;
  2. metilmalonil-CoA mutasi: importante nel metabolismo energetico da grassi e proteine ed anche coinvolta nella sintesi dell'EMOGLOBINA.

Carenze di vitamina B12 sono abbastanza evidenti nella popolazione anziana oltre i 60 anni, con conseguente incremento dei livelli di omocisteina, insorgenza di quadri anemici (anemia perniciosa) e di disturbi gastrointestinali e neurologici.
Il suo fabbisogno giornaliero per la popolazione italiana è stimato intorno ai 20 mcg, ma l'apporto dovrebbe aumentare nella popolazione over 60, negli atleti e nelle diete iperproteiche.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - BCAA Hardcore - Muscletech

5 tavolette una volta al giorno con acqua o succo.

Modo d'uso nella pratica sportiva - BCAA Hardcore - Muscletech

Anche in questo caso, come per molti altri integratori, la quota di aminoacidi a catena ramificata da integrare alla comune alimentazione è strettamente correlata al tipo di attività fisica svolta, alla condizione fisio-patologica e allo stato nutrizionale e dietetico.  Infatti, al fine di stilare un protocollo integrativo efficace, è necessario tener conto della quota proteica ed aminoacidica introdotta con l'alimentazione, ed eventualmente integrarla con prodotti specifici.
In ogni caso, vari studi mostrano range di dosaggi alquanto diversi, cosi come diversi sono i fabbisogni individuali, soprattutto quando si parla di atleti agonisti. Ad esempio, ciclisti professionisti possono esigere anche sino a 250 mg/kg, che per un atleta di 70 kg si traducono in circa 18 grammi al giorno, mentre la dose raccomandata per la popolazione standard si ferma agli 83mg/kg/die, quindi a circa 6 grammi/die per un uomo di 70 kg (in entrambi i casi, naturalmente, è necessario mantenere la corretta ripartizione Leu/Isole/Val 2:1:1).
Naturalmente in queste quote va compresa anche la razione alimentare.
Tempistica: la maggior parte degli studi sembra concordare sulla somministrazione pre-allenamento, precisamente 60' prima dell'allenamento, anche se il picco plasmatico varia da individuo ad individuo e si conclude nel giro di poche ore.  Questa somministrazione dovrebbe garantire l'abbassamento dei livelli plasmatici di aminoacidi aromatici, la riduzione della sensazione di fatica, e soprattutto fornire un surplus aminoacidico necessario all'eventuale ossidazione, risparmiando così il muscolo da un eccessiva proteolisi.
La somministrazione precompetitiva (durante l'allenamento o la gara), non sembra tuttavia dare benefici in termini ergogenici paragonabili a quelli ottenibili con i carboidrati, né tanto meno mioprotettivi quanto quelli ottenibili con l'assunzione pre work out. Nella fase di recupero, potrebbero essere utilizzati nel ripristino funzionale e strutturale delle miofibrille scheletriche, ma occorrerebbe comunque fornire contemporaneamente anche tutti gli altri aminoacidi essenziali, seppur diverse evidenze mostrino anche un'azione induttrice sulla secrezione insulinica mediata dai BCAA.
L'assunzione dovrebbe essere effettuata a stomaco vuoto, in maniera da evitare qualsiasi reazione competitiva nei meccanismi di assorbimento con altri aminoacidi.
Volendo utilizzare il dosaggio più comune (100mg/kg), e supponendo un uomo di 70kg come atleta, si dovrebbero utilizzare circa 9 tavolette in 2 tranche: 5 tavolette, un'ora prima dell'allenamento e le restanti 4 nell'immediato post work out.

Sinergie BCAA Hardcore - Muscletech

BCAA + Arginina: uno studio effettuato su 8 volontari sani, mostra una significativa riduzione dei livelli fenilalanina (marker di proteolisi muscolare) in seguito ad esercizio fisico preceduto da integrazione con 2 gr di BCAA e 0.5 gr di arginina.
BCAA + Carboidrati: alcuni studi mostrano una sinergia utile a ridurre la sensazione di fatica durante la prestazione atletica (potenziale ruolo dei BCAA), e migliorare la performance (ruolo energetico dei carboidrati). Nel post work out, invece, i BCAA sembrano migliorare la sensibilità insulinica, quindi la risintesi di glicogeno in presenza di CHO, mentre i carboidrati ad alto indice glicemico, incrementando la secrezione insulinica, possono sia favorire l'assorbimento degli stessi BCAA che sostenere la fase anabolica

Effetti collaterali BCAA Hardcore - Muscletech

Noti sono gli effetti collaterali, a lungo termine, di una dieta  troppo ricca in proteine o aminoacidi. Danni a livello renale, disidratazione indotta da aumento della secrezione urinaria, alterazioni lipidemiche e patologie associate, acidosi tissutale e demineralizzazione ossea, sono solo alcune delle conseguenze di una dieta sbilanciata protratta nel tempo.
L'ingestione acuta di BCAA sembra essere ben tollerata e priva di effetti collaterali, anche quando le concentrazioni salgono fino a 450mg per chilo di massa corporea.

Precauzioni per l'utilizzo BCAA Hardcore - Muscletech

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, in gravidanza, durante l'allattamento, al di sotto dei 12 anni e agli adolescenti non ancora formati.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di BCAA Hardcore - Muscletech.


BIBLIOGRAFIA

J Strength Cond Res. 2010 Apr 7. [Epub ahead of print]
BCAA Supplementation Lowers Perceived Exertion But Does Not Affect Performance in Untrained Males.
Greer BK, White JP, Arguello EM, Haymes EM.
J Strength Cond Res. 2010 Apr;24(4):1125-30.

Amino acid supplements and recovery from high-intensity resistance training.

Sharp CP, Pearson DR.
J Sports Med Phys Fitness. 2009 Dec;49(4):424-31.

Branched-chain amino acid supplementation attenuates muscle soreness, muscle damage and inflammation during an intensive training program.

Matsumoto K, Koba T, Hamada K, Sakurai M, Higuchi T, Miyata H.
J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2009 Jun;55(3):288-91.

Effects of squat exercise and branched-chain amino acid supplementation on plasma free amino acid concentrations in young women.

Shimomura Y, Kobayashi H, Mawatari K, Akita K, Inaguma A, Watanabe S, Bajotto G, Sato J.
Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2007 Dec;17(6):595-607.

Branched-chain amino acid supplementation and indicators of muscle damage after endurance exercise.

Greer BK, Woodard JL, White JP, Arguello EM, Haymes EM.
Int J Sports Med. 2007 Jun;28(6):531-8. Epub 2007 May 11.

Branched-chain amino acids and arginine supplementation attenuates skeletal muscle proteolysis induced by moderate exercise in young individuals.

Matsumoto K, Mizuno M, Mizuno T, Dilling-Hansen B, Lahoz A, Bertelsen V, Münster H,Jordening H, Hamada K, Doi T.
Med Sci Sports Exerc. 1998 Jan;30(1):83-91.

Branched-chain amino acids prolong exercise during heat stress in men and women.

Mittleman KD, Ricci MR, Bailey SP.
Sports Med. 1995 Sep;20(3):160-88.

Exercise and brain neurotransmission.

Meeusen R, De Meirleir K.
Amino Acids. 2001;20(1):1-11.

Plasma lactate, GH and GH-binding protein levels in exercise following BCAA supplementation in athletes.

De Palo EF, Gatti R, Cappellin E, Schiraldi C, De Palo CB, Spinella P.
J Sports Med Phys Fitness. 2000 Sep;40(3):240-6.

Effects of branched-chain amino acid supplementation on serum creatine kinase and lactate dehydrogenase after prolonged exercise.

Coombes JS, McNaughton LR.
Sports Med. 1999 Jun;27(6):347-58.

Leucine supplementation and intensive training.

Mero A.
and to allow maintenance of a high level of performance.
J Cell Biochem. 2010 May 12. [Epub ahead of print]

Potential role of branched-chain amino acids in glucose metabolism through the accelerated induction of the glucose-sensing apparatus in the liver.

Higuchi N, Kato M, Miyazaki M, Tanaka M, Kohjima M, Ito T, Nakamuta M, Enjoji M, Kotoh K,Takayanagi R.
Adipose tissue branched chain amino acid (BCAA) metabolism modulates circulating BCAA levels.
Herman MA, She P, Peroni OD, Lynch CJ, Kahn BB.
J Biol Chem. 2010 Apr 9;285(15):11348-56. Epub 2010 Jan 21.
http://jn.nutrition.org/cgi/content/full/135/6/1547S
Int J Sports Med. 2007 Jun;28(6):531-8. Epub 2007 May 11.

Branched-chain amino acids and arginine supplementation attenuates skeletal muscle proteolysis induced by moderate exercise in young individuals.

Matsumoto K, Mizuno M, Mizuno T, Dilling-Hansen B, Lahoz A, Bertelsen V, Münster H,Jordening H, Hamada K, Doi T.