ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

Informazioni su ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

ALA FX  -  ANDERSON

Integratore alimentare a base di acido alfa-lipoico, Vitamine E e Coenzima Q10

 

FORMATO
Flacone da 100 cps, 450mg cadauno


COMPOSIZIONE

Acido Alfa Lipoico
Vitamina E: alfa tocoferolo acetato
Coenzima Q10
Addensante: cellulosa microcristallina
Antiagglomeranti: biossido di silice e Magnesio stearato

 

Una capsula contiene: Acido alfa Lipoico 300mg; Vitamina E 12 mg; Coenzima Q10 10mg

Caratteristiche del prodotto ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

Acido Alfa Lipoico 300mg -  anche noto come acido tiottico, per anni si è considerato esclusivamente per la sua azione di cofattore enzimatico nella reazione di decarbossilazione ossidativa  del piruvato, dell'alfa chetoglutarato e degli aminoacidi a catena ramificata, tralasciando invece quello che è oggi il motivo del suo principale utilizzo: il potere antiossidante. Fermo restando il suo ruolo chiave come cofattore del metabolismo ossidativo, garantendo quindi il corretto flusso energetico,  l'acido alfa lipoico rientra anche nel potenziale antiossidante dell'organismo, tanto da esser stato definito il principe degli antiossidanti,  per il suo ruolo diretto nel controllo dei ROS (specie reattive dell'ossigeno), e per la sua capacità rigenerativa di altre molecole chiave nella protezione dallo stress ossidativo, come la Vitamina E, la vitamina C e il glutatione. Recentemente, inoltre, si è osservato come l'acido lipoico possa garantire un migliore uptake del glucosio cellulare, coadiuvando il segnale insulinico. Tutte queste caratteristiche hanno portato i vari ricercatori a sperimentazioni in campo clinico, ottenendo importantissimi risultati nel trattamento delle patologie da danno ossidativo, come la neuropatia diabetica, la malattia di Alzheimer, la sclerosi multipla, le patologie cardiovascolari aterosclerotiche e quelle epatiche.
Inoltre il suo buon assorbimento intestinale, e la biodisponibilità attestata intorno al 30/40%, fanno dell'integratore orale, un'ottima fonte di acido lipoico (migliore di quella alimentare).
I benefici proposti in campo sportivo dalle case produttrici, molti dei quali non suffragati dalla letteratura scientifica, dovrebbero interessare l'aumento di massa magra, la diminuzione di massa grassa, la protezione del muscolo dal danno ossidativo, e l'ottimizzazione della fase di recupero.
Molti studi mostrano come l'integrazione di antiossidanti, soprattutto se assunti insieme, possa migliorare notevolmente le capacità antiossidanti dell'organismo e contrastare il danno ossidativo che generalmente si verifica in seguito ad un'intensa attività fisica; di conseguenza questi integratori contribuirscono a ridurre la sensazione di fatica e migliorare la fase di recupero.

Vitamina E 15 mg- è presente in natura con 8 diverse forme, tra le quali la più attiva biologicamente è l'alfa tocoferolo. Questa vitamina liposolubile è introdotta tramite la dieta (olio di oliva, semi oleosi, alcuni cereali), e assorbita a livello del tenue con un meccanismo di diffusione passiva mediato dai sali biliari, con un efficienza del 30 / 40 %. Prima attraverso il sistema linfatico, poi tramite il torrente circolatorio associata alle lipoproteine, la vitamina E giunge al fegato e ad altri tessuti, prevalentemente tessuto adiposo, muscolo e ghiandola surrenale, dove può svolgere la propria attività biologica. Il ruolo fondamentale della vitamina E è sicuramente quello antiossidante, prevenendo dall'ossidazione i PUFA (acidi grassi polinsaturi) presenti abbondantemente a livello delle membrane e preservando di conseguenza la funzionalità cellulare. In questa reazione, tuttavia, l'alfa tocoferolo si ossida ed il radicale alfa tocoferossilico perde le sue capacità antiossidanti, che fortunatamente vengono prevalentemente ripristinate dalla vitamina C ma anche dal coenzima Q10 e dall'acido lipoico. Molteplici sono le applicazioni della vitamina E in campo clinico, essendosi dimostrata utile nel migliorare le patologie da stress ossidativo, alcune delle quali molto gravi come il cancro. Numerosi studi, inoltre, stanno valutando il suo potenziale effetto terapeutico nei confronti delle patologie cardiovascolari ed aterosclerotiche.

vitamina E

Nella pratica sportiva la vitamina E, associata anche ad altri antiossidanti, ha dimostrato un successo assoluto nella riduzione dei marker ossidativi, attenuando la sensazione di fatica ed il danno muscolare, potenziando le capacità antiossidanti dell'organismo e, in alcuni studi, migliorando anche le capacità aerobiche.
Questi studi, tuttavia, utilizzano un dosaggio nettamente superiore (300mg/die) ai 10 - 12 mg stimati per il fabbisogno quotidiano, tenendo conto che questo può essere soggetto ad un incremento correlato all'introito di acidi grassi polinsaturi con la dieta ed allo stile di vita.
In genere dosaggi giornalieri fino a 800 mg/U.I. non determinano alcun effetto indesiderato.
Coenzima Q10 10mg- appartenente al gruppo degli ubichinoni, viene sintetizzato dal nostro organismo, ma la sua produzione diminuisce con l'avanzare dell'età. Inoltre, data la partecipazione del HMG-CoA reduttasi nella sua sintesi, le statine, comunemente utilizzate per ridurre i livelli di colesterolo, potrebbero indurre un abbassamento della concentrazione di questa molecola. In questi casi può divenire necessaria l'integrazione. Al pari delle vitamine liposolubili, l'assorbimento a livello del tenue del coenzima Q10 è favorito dalla presenza di grassi alimentari. coenzima q10Particolarmente concentrato nei tessuti ad alta capacità aerobica come il cuore, il coenzima Q 10 agisce come trasportatore di elettroni, necessario a garantire la produzione di ATP dalla catena respiratoria, e al contempo come potente molecola antiossidante, coadiuvando la vitamina E nella prevenzione della perossidazione lipidica. La sua supplementazione è risultata utile nel trattamento delle cardiomiopatie, delle patologie aterosclerotiche, neurodegenerative e tumorali (visto il suo potenziale effetto anti-angiogenico).
Nella pratica sportiva, supplementeazioni comprese tra 150 e 300mg al giorno per almeno 2 settimane, si sono dimostrate efficaci nel ridurre i markers di danno muscolare (creatinkinasi e mioglobina), di danno ossidativo (malondialdeide) e di conseguenza la sensazione di fatica.
Il fabbisogno giornaliero è di circa 5mg, ma questo sale a 50mg superati i 35 anni.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

1 cps al giorno in un po d'acqua a stomaco pieno.

Modo d'uso nella pratica sportiva ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

I dosaggi registrati nella letteratura scientifica, relativi all'applicazione sportiva dell'acido alfa-lipoico, si attestano intorno ai 600 mg/die, con modalità di assunzioni non del tutto chiare. Tuttavia l'effetto antiossidante, che ribadiamo è l'UNICO provato scientificamente in soggetti sani sottoposti ad esercizio, in concomitanza ad altri antiossidanti, si è realizzato anche a dosaggi più bassi, intorno ai 150mg/die. Per quanto riguarda la tempistica di assunzione, in questo caso data anche la presenza di due molecole liposolubili, sarebbe ottimale assumere l'integratore durante i pasti.

Caratteristiche del prodotto- ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

Il prodotto, costituito sia da acido alfa lipoico che da vitamina E e coenzima Q10, punta sicuramente sulle potenzialità antiossidanti di queste molecole, che potrebbero prevenire il danno muscolare e facilitare la fase di recupero. Da dimostrare invece le proprietà ergogeniche, che deriverebbero da un miglioramento delle  prestazioni metaboliche indotte dall'acido lipoico (captazione cellulare di glucosio, sostegno dei processi ossidativi) e dal coenzima Q10 (potenziamento del trasporto di elettroni sulla catena respiratoria).

Razionale d'uso - ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

Ben dimostrati sono gli effetti terapeutici dell'acido alfa lipoico nel trattamento di numerose patologie. Pochi studi sono stati effettuati, invece, sulla sua applicazione in campo sportivo; tuttavia da questi studi emerge il ruolo antiossidante, che si espleta nella riduzione dei markers di danno ossidativo muscolare, e nell'aumento di importanti antiossidanti come il glutatione nella sua forma ridotta.
L'associazione di acido lipoico, vitamina E ed altri antiossidanti è stata già documentata in letteratura, dimostrandosi efficace nel ridurre i marker ossidativi in seguito ad esercizio fisico.

Effetti collaterali ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

A dosi superiori ai 1200mg/die  sono stati documentati effetti collaterali quali prurito, formicolio e affezioni del tratto gastro intestinale (diarrea, vomito e crampi addominali).

Precauzioni per l'utilizzo ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

Controindicato nei casi di patologia renale, epatica, diabetica, gravidanza e allattamento.

Interazioni ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico

Farmacologiche - data la capacità dell'acido lipoico di attivare l'assunzione del glucosio intracellulare, la contemporanea assunzione di ipoglicemizzanti potrebbe avere un imprevisto e marcato effetto ipoglicemizzante; occorre quindi consultare il proprio medico prima dell'uso.
Alimentari - data la struttura molto simile alla biotina, le due molecole potrebbero competere per il trasportatore di membrana.


Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di ALA FX - Anderson - Acido alfa lipoico.


BIBLIOGRAFIA

Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2003 Sep;13(3):294-302.

Effect of alpha-lipoic acid combined with creatine monohydrate on human skeletal muscle creatine and phosphagen concentration.

Burke DG, Chilibeck PD, Parise G, Tarnopolsky MA, Candow DG.
The effect of acetyl-L-carnitine and R-alpha-lipoic acid treatment in ApoE4 mouse as a model of human Alzheimer's disease.
Shenk JC, Liu J, Fischbach K, Xu K, Puchowicz M, Obrenovich ME, Gasimov E, Alvarez LM, Ames BN, Lamanna JC, Aliev G.
J Neurol Sci. 2009 Aug 15;283(1-2):199-206. Epub 2009 Apr 1.
Mitochondrial decay in the brains of old rats: ameliorating effect of alpha-lipoic acid and acetyl-L-carnitine.
Long J, Gao F, Tong L, Cotman CW, Ames BN, Liu J.
Neurochem Res. 2009 Apr;34(4):755-63. Epub 2008 Oct 10.
Effect of combined treatment with alpha-Lipoic acid and acetyl-L-carnitine on vascular function and blood pressure in patients with coronary artery disease.
McMackin CJ, Widlansky ME, Hamburg NM, Huang AL, Weller S, Holbrook M, Gokce N, Hagen TM, Keaney JF Jr, Vita JA.
J Clin Hypertens (Greenwich). 2007 Apr;9(4):249-55.
Mitochondrial membrane damage during aging process in rat heart: potential efficacy of L-carnitine and DL alpha lipoic acid.
Savitha S, Panneerselvam C.
Mech Ageing Dev. 2006 Apr;127(4):349-55. Epub 2006 Jan 20.
Antioxidant therapy in human endocrine disorders.
Golbidi S, Laher I.
Med Sci Monit. 2010 Jan;16(1):RA9-24. Review.PMID: 20037503 [PubMed - indexed for MEDLINE]Related citations
Antioxidant properties of an endogenous thiol: Alpha-lipoic acid, useful in the prevention of cardiovascular diseases.
Ghibu S, Richard C, Vergely C, Zeller M, Cottin Y, Rochette L.
J Cardiovasc Pharmacol. 2009 Nov;54(5):391-8. Review.
Alpha-lipoic acid as a dietary supplement: molecular mechanisms and therapeutic potential.
Shay KP, Moreau RF, Smith EJ, Smith AR, Hagen TM.
Biochim Biophys Acta. 2009 Oct;1790(10):1149-60. Epub 2009 Aug 4. Review.
Nutritional supplementation for type 2 diabetes: a systematic review.
Bartlett HE, Eperjesi F.
Ophthalmic Physiol Opt. 2008 Nov;28(6):503-23. Review.
Alpha-lipoic acid supplementation and diabetes.
Singh U, Jialal I.
Nutr Rev. 2008 Nov;66(11):646-57. Review.
Alpha-lipoic Acid Improves Endothelial Dysfunction in Patients with Subclinical Hypothyroidism.
Gd X, Jh P, Hl S, Ls Z.
Exp Clin Endocrinol Diabetes. 2010 Feb 16. [Epub ahead of print]
Alpha-lipoic acid improves vascular endothelial function in patients with type 2 diabetes: a placebo-controlled randomized trial.
Heinisch BB, Francesconi M, Mittermayer F, Schaller G, Gouya G, Wolzt M, Pleiner J.
Eur J Clin Invest. 2010 Feb;40(2):148-54. Epub 2009 Dec 27.
Assessment of the antioxidant effectiveness of alpha-lipoic acid in healthy men exposed to muscle-damaging exercise.
Zembron-Lacny A, Slowinska-Lisowska M, Szygula Z, Witkowski K, Stefaniak T, Dziubek W.
J Physiol Pharmacol. 2009 Jun;60(2):139-43.
Oral antioxidants and cardiovascular health in the exercise-trained and untrained elderly: a radically different outcome.
Wray DW, Uberoi A, Lawrenson L, Bailey DM, Richardson RS.
Clin Sci (Lond). 2009 Mar;116(5):433-41.
Effects of antioxidant supplementation and exercise training on erythrocyte antioxidant enzymes.
Marsh SA, Laursen PB, Coombes JS.
Int J Vitam Nutr Res. 2006 Sep;76(5):324-31.
Endocr Pract. 2002 Jan-Feb;8(1):29-35.

Pharmacokinetics, tolerability, and fructosamine-lowering effect of a novel, controlled-release formulation of alpha-lipoic acid.

Evans JL, Heymann CJ, Goldfine ID, Gavin LA.
Eur J Clin Pharmacol. 1996;50(6):513-4.

Influence of food intake on the bioavailability of thioctic acid enantiomers.

Gleiter CH, Schug BS, Hermann R, Elze M, Blume HH, Gundert-Remy U.
Heat shock protein 60 response to exercise in diabetes: effects of alpha-lipoic acid supplementation.
Oksala NK, Laaksonen DE, Lappalainen J, Khanna S, Nakao C, Hänninen O, Sen CK, Atalay M.
alpha-Lipoic acid modulates thiol antioxidant defenses and attenuates exercise-induced oxidative stress in standardbred trotters.
Kinnunen S, Oksala N, Hyyppä S, Sen CK, Radak Z, Laaksonen DE, Szabó B, Jakus J, Atalay M.
Free Radic Res. 2009 Aug;43(8):697-705.
Acute mountain sickness; prophylactic benefits of antioxidant vitamin supplementation at high altitude.
Bailey DM, Davies B.
High Alt Med Biol. 2001 Spring;2(1):21-9.
Systematic review of effect of coenzyme Q10 in physical exercise, hypertension and heart failure.
Rosenfeldt F, Hilton D, Pepe S, Krum H. Biofactors. 2003;18(1-4):91-100. Review.
The effects of coenzyme Q10 supplementation on performance during repeated bouts of supramaximal exercise in sedentary men.
Gökbel H, Gül I, Belviranl M, Okudan N. J Strength Cond Res. 2010 Jan;24(1):97-102.
Effects of acute and 14-day coenzyme Q10 supplementation on exercise performance in both trained and untrained individuals.
Cooke M, Iosia M, Buford T, Shelmadine B, Hudson G, Kerksick C, Rasmussen C, Greenwood M, Leutholtz B, Willoughby D, Kreider R.J Int Soc Sports Nutr. 2008 Mar 4;5:8.



Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016