Tapis roulant: defaticamento ed integratori

Allenarsi con tapis roulant: dare brio all'allenamento

Qualora il vostro tapis roulant fosse privo di programmi di allenamento preimpostati, per dare un po' di brio ai vostri allenamenti è sufficiente usare un po' di fantasia. E' possibile, ad esempio, alternare per 8-10 volte due minuti di camminata o corsa veloce ad un minuto di camminata o corsa lenta. Bere tapis roulantAllo stesso modo, partendo da un ritmo moderato, è possibile aumentare di un grado la pendenza del tapis roulant ogni due minuti; quando lo sforzo diventa affannoso, completare lo step e diminuire la pendenza di un grado ogni due minuti; raggiunta la velocità iniziale a pendenza 0 è possibile praticare un allungo di due minuti, con uno sprint finale di 30 secondi, seguito da un adeguato defaticamento.

Allenarsi con il tapis roulant: importanza del defaticamento

Il defaticamento è una parte fondamentale dell'allenamento, a cui occorre dedicare il giusto spazio, specie quando la seduta è stata particolarmente faticosa. Rallentare pian piano l'andatura, permette di evitare problemi cardiologici dovuti alla brusca variazione d'intensità. Se si interrompe improvvisamente la corsa, infatti, le gambe si fermano ma il cuore non è in grado di rallentare il proprio ritmo con la stessa velocità. Così, in caso di brusca interruzione, il cuore continua a pompare sangue in circolo ad un ritmo elevato, determinando un maggiore flusso ematico alle gambe e  lasciando altre aree del corpo, come il cervello, con quantità di sangue inadeguate. È per questa ragione che dopo una lunga corsa o una camminata in salita a ritmo sostenuto si possono avvertire dei capogiri; questi sono particolarmente comuni quando si scende dal tapis roulant, poiché il fatto di correre o camminare sul tappeto senza variare i punti di riferimento predispone al problema.

Normalmente, la fase di defaticamento dura dai 60 secondi fino a 5 minuti (a seconda dell'intensità dell'allenamento che la precede).

Integratori e tapis roulant

Nel passaggio dalla sedentarietà all'attività fisica regolare, magari per l'iniziale assenza di risultati tangibili a livello estetico, è molto comune l'idea di affidarsi agli integratori alimentari per migliorare prestazioni e risultati. In realtà, quando ci si allena con il tapis roulant senza ambizioni agonistiche, la sola alimentazione - purché equilibrata e nutrizionalmente corretta - è più che sufficiente. Trova comunque giustificazione l'utilizzo, specie nei mesi più caldi, di un integratore salino, al fine di recuperare rapidamente la disidratazione e le perdite saline indotte dalla spesso copiosa sudorazione. Oggi vanno molto di moda gli integratori multivitaminici, per tutta una serie di ragioni legate da un lato alle errate abitudini alimentari e scarsa qualità dei cibi consumati, e dall'altro allo stress ossidativo indotto dall'inquinamento e dalla frenesia dello stile di vita odierno. Non tutti lo consigliano, in molti preferiscono ricordare l'importanza di concentrarsi meglio sulla scelta degli alimenti; ad ogni modo, per uno sportivo l'utilizzo di un buon multivitaminico/multiminerale a medio-basso dosaggio (intorno al 100% RDA) può essere considerato una scelta salutare.

Vedi anche: integratori per marcia e maratona; integratori e body building.


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 »


Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015