Tapis roulant, allenamento graduale per il massimo dei risultati

A cura di Roberto Pala

 

Il tapis roulant è sicuramente l'attrezzo fitness per eccellenza. Semplicemente per correre dicono alcuni, in realtà non è proprio così. L'allenamento con il tapis roulant necessita di accorgimenti particolari per chi inizia con questo tipo di strumento, ed un uso non attento o esagerato potrebbe portare a fastidi e a problemi muscolari non da poco.

Ecco perché, inizialmente, è sempre meglio seguire particolari accorgimenti che ci porteranno ad evitare problemi di ogni genere e dolori del post allenamento.

Qui di seguito, quindi, riportiamo dei piccoli accorgimenti che, seguiti con scrupolo, vi permetteranno di allenarvi in maniera sicura e con risultati benefici quasi immediati.

 

Tapis Roulant: iniziare ad allenarsi

Iniziare con gradualità: chi inizia per la prima volta l'allenamento con il tapis roulant potrebbe essere facilmente portato a strafare. Sessioni troppo lunghe o troppo intense potrebbero quindi cuasare indurimenti muscolari e crampi. Iniziare con gradualità ogni singolo allenamento, magari cominciando con un po' di sano stretching muscolare è assolutamente fondamentale per poter svolgere un ottimo allenamento.

 

Moderare le velocità: moderare le velocità è importantissimo per chi si è avvicinato da poco a questo tipo di allenamento. Velocità intorno ai 12 Km/h sono infatti più che sufficienti per le prime sessioni di allenamento. Avere un tapis roulant potente che permetta il raggiungimento dei 20Km/h non significa infatti doverlo per forza utilizzare a pieno o dover comunque “sfidare” necessariamente la potenza del motore a disposizione.

 

Velocità costante: un'andatura a velocità costante, sopratutto per chi si sta avvicinando al mondo del fitness, è quasi obbligatoria. Evitare quindi scatti o andature a velocità variabile per non incappare in problematiche muscolari che potrebbero impedire l'allenamento nei giorni successivi.

 

Evitare l'inclinazione della pedana: l'inclinazione della pedana è un'ottima variazione dell'allenamento; questa, però, andrebbe utilizzata solo una volta metabolizzata la fase iniziale che può essere più o meno lunga a seconda dei soggetti utilizzatori. Sarebbe quindi meglio lasciare l'inclinazione della pedana ad allenamenti successivi ed iniziare la propria “carriera da corridore sul tapis roulant” con superfici piane e più agevoli.

 

Controllo costante: il controllo dei parametri fondamentali, come ad esempio la frequenza cardiaca, è di assoluta importanza per tutti gli atleti e a maggior ragione per chi si avvicina per la prima volta a questo mondo. Spesso i tapis roulant offrono programmi e sistemi di monitoraggio  molto avanzati, che ben svolgono questo tipo di assistenza. Affiancare a questi un buon cardiofrequenzimetro o una fascia cardio può comunque innalzare il livello di controllo e rendere l'allenamento più sicuro.

 

Il parere del medico e del personale specializzato: ascoltare il parere del medico è indispensabile per i neo atleti. Non tutti siamo uguali, quindi evitate di prendere per oro colato i consigli di amici e parenti ma al contrario affidatevi a personale specializzato che sappia consigliarbi metodologie di allenamento personalizzate per il vostro fisico e per la vostra condizione.

 

Solo piccoli consigli ma che spesso, per chi si avvicina per la prima volta all'allenamento con il tapis roulant, possono evitare spiacevoli inconvenienti a livello muscolare o articolare.



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015