Modellarsi in casa

A cura di Ivan Mercolini

 

CONSIGLI DI ALIMENTAZIONE PER LEI E PER LUI

 

All'interno del nostro sito, trovate una bella e sintetica guida al mangiar sano a cura del Dott. Chetta, che si riferisce alle direttive della OMS schematizzate nella nuova piramide alimentare. Vi invito alla lettura.
Ora... al giorno d'oggi è diventato alla portata di tutti apprendere quelle che sono le regole per una nutrizione corretta. E più volte vengono ribadite in settimanali, trasmissioni di approfondimento, web, ecc.. Il problema è sempre quello:  applicare!
Questo tema è stato da me affrontato nella lezione SOPRAVVIVERE ALLE ABBUFFATE, ma in questa sede è opportuno riprendere la sintesi del discorso.
Piramide alimentareChe cosa manca al meccanismo che porta dal conoscere le regole per una nutrizione sana, all'applicarle? Voi direte: “La forza di volontà” e io vi risponderò: “sbagliato”. Forza di volontà = coercizione = nevrosi = interruzione del regime alimentare corretto. Non dovete applicare i consigli del dott. Chetta e i miei che qui seguiranno, per sforzo di volontà. No, MA PER INTIMO SENTIRE. Per un trasporto interiore che vi spinge a nutrirvi in una certa maniera in quanto quel sano cibo lo sentite vostro, è parte di voi, del vostro essere, sel vostro sentire.
Spero di essere chiaro, queste parole si comprendono più con l'intuizione che con il corpo mentale.
Ma articolo ancora meglio, in modo che sia compreso da tutti, in quanto è importante per la riuscita di questo progetto, quindi per la vostra salute.
Partiamo dalla vostra alimentazione attuale. Voi oggi, cosa state mangiando? Risposta: un insieme di cibi che sono il frutto delle condizioni economiche e dei ritmi circadiani e (e soprattutto) DEI VOSTRI GUSTI PERSONALI, DELLE VS. ABITUDINI. Il cibo che oggi assumete è parte di voi, rivela il vs. carattere, la vostra coscienza, la vostra maturità, la vostra nazionalità, il vostro sentire. Quindi il “siamo quello che mangiamo, il 99% delle ns. attuali cellule è costruito con la ns. nutrizione degli ultimi 365 giorni”, si estende anche alle parti più sottili del ns. essere, non solo a quelle fisiche, materiali, tangibili. Ipotizzare di prendere una dieta e di sconvolgere dall'oggi al domani la Vs. nutrizione è un progetto che può funzionare SE e SOLO SE anche Voi cambierete dall'oggi al domani. E dato che tale evento è raro e poco plausibile, un'alimentazione sana nella sua applicazione pratica funziona solo se viene introdotta gradualmente, come gradualmente è il vostro cambiare, il vostro maturare, l'ampliarsi del Vs. sentire.
Certo, nessuno Vi impedisce di fare uno sforzo di volontà, di imporvi di mangiare in una certa maniera, ma i buoni propositi sono una cosa, il successo è un'altra. Con ogni probabilità cederete dopo due settimane al massimo e l'effetto sarà lo stesso di una molla rilasciata dopo giorni di graduale e crescente compressione: crisi iperfagiche, delusione, depressione.
Persino la dieta più restrittiva diventa ben accetta, gustata, SE E' SENTITA. Siate Voi stessi, non ciò che vorreste essere o che gli altri vorrebbero che voi foste. Voi siete Voi e gli altri sono gli altri. Un ippopotamo in tutu non sarà mai una prima ballerina e un bardo non sarà mai un buon sicario.
E' vero?
Allora come fare. Adesso ve lo dirò, ma prima una osservazione. Il lettore attento, ragionando, avrà capito che quanto citato si applica a tutti i campi della propria esistenza e, senza strabordare dagli argomenti di questo sito, avrà capito che lo stesso vale per l'allenamento. Infatti, chi di voi effettivamente applicherà le schede sopra riportate con costanza? Solo chi SENTE questo stile di vita, questo allenamento, questa voglia di muoversi, di tonificarsi, di sentirsi meglio, di dormire più profondamente come parte di se. Solo chi si è avvicinato a questa lettura e sopporta il mio prolisso dire perchè ne è attratto, lo sente suo e vuole immergersi. Tutti gli altri, dopo massimo due settimane, molleranno, o inizieranno a diventare incostanti, saltuari, fino a lasciar perdere. Ovviamente non mi riferisco a chi ha nei fatti zero minuti per allenarsi, ma a chi scopre di preferire poltrona e birra alla ghisa. Non mi rammaricate per questo: meglio essere se stessi che far finta di essere un altro, perdendo la serenità, diventando nervosi, ansiosi, depressi. Questo dico e ripeto. Ok, stop, veniamo al lato pratico.
Ho detto più su che il vs. sentire, il vs. essere, muta nella maggior parte dei casi in maniera graduale, seguendo il ritmo dell'evoluzione (nel senso spirituale del termine). E' quindi molto probabile che vi stiate avvicinando a questo Body For Life in quanto iniziate a sentirlo vostro, ma non siete chiaramente pronti per una “full immersion”. Partite da poco e da vicino quindi.
Qui di seguito, trovate i miei vari consigli per una sana alimentazione. Qualora non li stiate già spontaneamente applicando (3,4 o più di essi), non inseriteli tutti contemporaneamente nelle Vs. abitudini, per le ragioni succitate. Inseriteli uno per volta, a distanza di 5-7 giorni l'uno dall'altro, finchè nell'arco di un paio di mesi non li avrete inseriti tutti. Se alcuni steps vi risultano ostici, allora fate passare più giorni dei 5-7 consigliati, lasciando tempo al Vs. essere di esser trasportato dolcemente in questa nuova realtà.
E' inteso che l'ideale sarebbe essere seguiti da un professionista, ma questa trattazione è rivolta a chi non può permetterselo per ragioni economiche. E ancora: qui non considero diete particolari come quella del pH, del gruppo sanguigno, a zona, weight watchers, metabolica, e altre, in quanto le ritengo troppo delicate per esser applicate in “FAI DA TE”. Lasciatele a chi può donare più tempo, più mente, più energie, più denaro a questo campo, e limitatevi a seguire le direttive classiche di una sana alimentazione indicate nel ns. sito agli appositi capitoli. Una norma da applicare da subito: il pasto prima dell'allenamento deve esser terminato almeno due ore prima della seduta e deve essere leggero. Consultate i tempi di digestione degli alimenti tramite la tabella posta nel sito.


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 »


ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 05/10/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo