Come scegliere un personal trainer



All'inizio solo per i VIP, ieri per tutti nei centri fitness, oggi per tutti, ovunque.


Sono ormai molti gli italiani che hanno deciso di affidare il proprio benessere ad un personal trainer. I luoghi in cui opera il personal trainer sono molteplici: casa, palestra, hotel, ufficio o posto di lavoro, piscina, parco, mare-lago, montagna e società sportive.



personal trainerPERCHE' SCEGLIERE UN PERSONAL TRAINER?


Affidarsi ad un personal trainer qualificato significa garantirsi un professionista delle scienze motorie in grado di consigliare l'attività fisica più idonea alle proprie esigenze.

Il programma di allenamento viene studiato in base alle tue specifiche caratteristiche morfologiche, alle tue richieste e al tuo stile di vita, ogni singolo aspetto viene attentamente studiato per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Le sedute saranno poi adattate di volta in volta in base al tuo stato energetico ed emozionale.

Un personal trainer a domicilio ti consente di ottimizzare il tempo da dedicare alla tua forma fisica: niente autobus od estenuanti code in macchina, il tuo allenatore personale arriverà puntuale a casa tua all'orario che avete insieme prefissato.


CHI è IL PERSONAL TRAINER?


Il personal trainer è il professionista delle scienze motorie e di tutti gli aspetti ad esse collegate.  Possiamo dividere le sue qualità in aspetti tecnici ed aspetti sociali e psicologici.

Dal punto di vista tecnico il personal trainer deve possedere le competenze necessarie per garantire al cliente un elevato livello di professionalità. Deve pertanto essere in possesso di una laurea in scienze motorie, di un diploma ISEF o di attestati e certificazioni professionali riconosciute. E' inoltre importante che questa figura abbia una comprovata esperienza nel settore.

Dal punto di vista sociale e psicologico il personal trainer deve possedere una buona capacità di comunicazione, interpretando correttamente desideri e necessità del cliente.


COME SCEGLIERE IL PROPRIO PERSONAL TRAINER?


BAGAGLIO TECNICO: se avete deciso di rivolgervi ad un personal trainer richiedete sempre un curriculum adeguato e verificate che sia veramente qualificato. Il titolo di studio più importante in Italia è la laurea in scienze motorie, mentre certificazioni e diplomi non sempre assicurano le competenze necessarie. In ogni caso valutate l'esperienza di chi avete di fronte, ci sono dei personal trainer non laureati che hanno un bagaglio tecnico e relazionale superiore rispetto ai colleghi plurilaureati.

ESPERIENZA NEL SETTORE: accertatevi che il vostro personal trainer abbia una buona esperienza nel vostro settore di interesse, esistono talmente tanti aspetti dell'attività fisica che è difficile conoscerli tutti nei minimi particolari.

ASPETTO FISICO E PRESENZA: se da un lato non dovete farvi impressionare da masse muscolari imponenti, magari ottenute utilizzando scorciatoie più o meno lecite, dall'altro diffidate di un personal trainer che si presenta in evidente sovrappeso e fuori forma. Il personal trainer deve rispecchiare il concetto generale di salute e benessere, se non presta attenzione al proprio corpo, figuriamoci a quello dei propri clienti!

SERIETÀ E DISCREZIONE: non fatevi illudere o impressionare da mille promesse, diffidate da chi parla male dei colleghi o avvalora eccessivamente le proprie qualità senza fornire dati concreti (esperienze professionali, curriculum ecc.).


QUANTO COSTA?


Non credere che sia un lusso riservato solo ai personaggi dello spettacolo! Oggi avere il proprio personal trainer è un lusso che in molti si possono permettere.

Il costo di una singola seduta a domicilio si attesta in genere dai 40 agli 80 euro IVA esclusa (mentre in un centro fitness la cifra scende intorno ai 25-50 euro + IVA). La cifra in sé può spaventare, ma occorre tenere conto di eventuali sconti. Per esempio molti personal trainer sono soliti applicare delle agevolazioni per chi acquista un pacchetto di lezioni (ad esempio 10) offrendone qualcuna in omaggio. Altro aspetto importante da considerare è che se ci si allena in coppia il costo individuale viene generalmente ridotto del 30-40%. Inoltre dopo un primo periodo in cui si apprendono le basi dell'allenamento la presenza del personal trainer può ridursi a pochi incontri mensili ed essere supportata da colloqui telefonici settimanali, sicuramente meno onerosi.

È una regola di comportamento saggia diffidare di chi applica tariffe troppo basse e chiedere motivazioni concrete a chi ne applica di troppo alte.


VEDI ANCHE: Personal trainer


Cerca il tuo personal trainer!    


Come diventare un personal trainer? »



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo