Endocrinologia in breve

A cura del Dott. Stefano Casali


L'endocrinologia è la disciplina che studia il complesso sistema preposto alla trasmissione dei segnali chimici e al trasferimento di informazioni fra i diversi distretti dell'organismo, tramite i quali evoca specifici effetti biologici; si occupa inoltre della comunicazione e del controllo in un organismo vivente per mezzo di mediatori chimici, detti "messaggeri", gli ormoni.

Gli ormoni possono essere sintetizzati in parte o interamente nell'organismo vivente. I messaggeri chimici  sono degli ormoni definiti come molecole endogene che trasferiscono l'informazione all'interno dell'organismo mediante comunicazioni sia extracellulari che intracellulari. Il termine ormone deriva dal Greco όρμάω - "mettere in movimento". Nella definizione classica l'ormone è una molecola che viene sintetizzata in un organo ed è trasportata mediante il sistema circolatorio per agire su un altro tessuto definito "tessuto bersaglio".

Il metabolismo è quella parte della scienza endocrinologica che studia il controllo dei meccanismi biochimici all'interno dell'organismo, sia anabolici che catabolici. Include molteplici differenti attività quali: l'espressione genica, le vie biosintetiche e di catalisi, la modificazione, trasformazione e degradazione di sostanze biologiche e i processi con cui ottiene, immagazzina e mobilizza i substrati energetici. L'Omeostasi è la condizione di stabilità interna degli organismi che deve mantenersi anche al variare delle condizioni esterne attraverso meccanismi autoregolatori. Il Sistema Endocrino, quale sistema di comunicazione intersistemico e intercellulare, integrato con il Sistema Nervoso ed Immunitario, presiede al trasferimento di informazioni attivando reazioni di tipo stimolatorio od inibitorio, modulatrici di specifiche funzioni biologiche. La reciproca interconnessione dei tre Sistemi garantisce l'adattamento dell'organismo agli stimoli esterni/interni.

Gli ormoni possono avere un'azione Autocrina, che si esercita sulle cellule stesse che li producono, un'azione Paracrina, che si esercita sulle cellule vicine, un'attività Iuxtacrina, che si espleta a livello dell'interfaccia tra due cellule vicine o fra cellula e matrice extracelulare, un'attività Intracrina, che si ha mediante la conversione, nella cellula, di un ormone debolmente attivo in un secondo ormone che trasmette il segnale a livello cellulare.

 

Concetto di Cellula Bersaglio

 

Qualsiasi cellula in cui uno specifico ormone si lega al proprio recettore determinando o meno una risposta biochimica o fisiologica. La risposta di una cellula bersaglio può variare, può dare risposte diverse ad un singolo ormone.

 

La risposta della Cellula Bersaglio dipende da

  • Concentrazione dell'ormone
  • Prossimità dell'organo bersaglio con la sorgente
  • Il legame con specifiche proteine di trasporto
  • Percentuale di trasformazione di un ormone non attivo nella sua forma attiva
  • Percentuale di clearance dell'ormone

Recettori Ormonali

 

La cellula bersaglio è anche definita dalla capacità di legare specificamente un ormone per mezzo di un recettore, questo è molto importante poiché le concentrazioni degli ormoni sono molto basse. I recettori possono essere suddivisi in recettori della membrana citoplasmatica  e recettori intracellulari, e sono caratterizzati da due domini funzionali, di Riconoscimento e di Accoppiamento. Il primo lega l'ormone, il secondo genera il segnale che collega l'ormone ad una funzione intracellulare.

 

Classificazione degli ormoni in base al loro meccanismo d'azione:

 

Gruppo di ormoni che si legano ai recettori intracellulari

Gruppo di ormoni che si legano ai recettori della membrana citoplasmatica

  • Il secondo messaggero è l'Adenosina Monofosfato Ciclica

Catecolamine α2 β2 Adrenergiche, Ormone Adrenocorticotropo (ACTH) Angiotensina II, Ormone Antidiuretico (ADH), Calcitonina, Gonadotropina corionica, Corticotropin-releasing -hormone (CRH), Follicle-stimulating-hormone (FSH), Glucagone, Lipotropina (LPH), Luteinizing Hormone (LH), Melanocyte-stimulating-Hormone (MSH), Ormone Paratiroideo (PTH), Somatostatina, Ormone stimolante Tiroideo (TSH).

  • Il secondo messaggero è la Guanosina Monofosfato Ciclica

Atriopeptidi, Ossido Nitrico.

  • Il secondo messaggero è il Calcio o i Fosfainositidi (o entrambi)

Catecolamine α1 Adrenergiche, Acetilcolina (muscarinica), Angiotensina II, ADH, Epidermal Growth Factor (EGF), Gonadotrpin-releasing-hormone, Pletelet-derived growth factor, Thyrotropin-releasing hormone.

  • Il secondo messaggero è una Chinasi/Fosfatasi Cascata

Somatomammotropina corionica, Eritropoietina, Fibroblast  growth factor, Ormone della crescita (GH), Insulina, Insulin-like growth peptids (IGF-1, IGF-II), Nerve growth factor, Ossitocina, Prolattina.

Classificazione chimica degli ormoni

 

Derivati degli amminoacidi

Triptofano  → Serotonina e Melatonina

Tiroxina →   Dopamina; Norepinefrina; Epinefrina; triiodotironina; Tiroxina

Acido L-Glutammico → Acido γ-amminobutirrico
Istidina → Istamina

Peptidi o polipeptidi

Fattore di rilascio Tireotropina
Insulina
Gh

Steroidi

Progestinici, Androgeni, Estrogeni,
Corticosteroidi

Derivati degli Acidi Grassi

Prostaglandine
Leucotrieni
Trombossano

Frequenza dei disordini endocrini

 

Endocrinopatie più frequenti

Endocrinopatie più comuni nella pratica medica

Bibliografia

 

Endocrinologia e Metabolismo; Terza Edizione Italiana a cura di Pichera A et al. Milano: McGraw-hill.

Betterle C; Girelli M E; ''Tiroiditi'' L' Endocrinologo, 2002 ,Giugno Vol 3.

Fabrizio Monaco; Endocrinologia clinica, 4° edizione,'' La tiroide''01/, 2007.

R. Berne & M. Levi.; Principi di Fisiologia. Casa Editrice Ambrosiana. 2002.
P.E. Molina; Fisiologia Endocrina. Lange Physiology Series. Mc Graw & Hill. 2004.

"Malattie del sistema endocrino e del metabolismo";G. Faglia e P. Beck-Peccoz;
 Mc Graw Hill  Editore Quarta edizione.
Giusti G., Serio M.; "Endocrinologia". USES, Firenze, 1988.
Spada A.: "Recettori e patologia recettoriale in endocrinologia" Agg Med 1987.
Endocrinologia E Metabolismo; Baxter John; Felig Philip; Frohman Lawrence A.; Mc Graw Hill  Editore.



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 09/02/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?