Cambio di Stagione e Depressione: disturbo affettivo stagionale

A cura del Dottor Alessio Dini


Il cambio di stagione induce svariati effetti fisiologici su di noi, sul nostro stile di vita e sul nostro umore. Stanchezza, depressione, sonnolenza, senso di malessere generale. Questi disturbi temporanei rendono un periodo molto atteso, come l'inizio della primavera, uno dei più difficili dell'anno per quanto riguarda il benessere psicofisico.
Cambio di StagioneIl disturbo affettivo stagionale (SAD), così viene definito scientificamente, porta a cambiamenti dell'umore che hanno un andamento ciclico e colpiscono ad ogni inizio autunno e, in percentuale minore, ad ogni inizio primavera. 
Le categorie più esposte a questi disturbi sono quelle più “deboli“, come i bambini e gli anziani; ma non solo, infatti anche le persone che hanno  stili di vita  particolarmente trascurati o stressanti ne risentono largamente.
Il cambio di stagione è un momento critico per chi già soffre di depressione poiché le sollecitazioni a cui è sottoposto il nostro organismo acutizzano disturbi preesistenti.
Il quadro sintomatologico si presenta con disturbi del sonno che si manifestano con una sonnolenza eccessiva ed un eccessivo bisogno di carboidrati: ci si sente privi di forze e di energia, si è confusi, ansiosi e si ha difficoltà di attenzione.
Anche se la causa del disturbo affettivo di depressione stagionale non è nota, le ricerche condotte finora suggeriscono che il SAD sia innescato da un disturbo del ciclo della melatonina, che porta ad uno squilibrio del ciclo circadiano.
È stato documentato che, quando i livelli di melatonina sono anormali (troppo alti o troppo bassi), possono comparire sintomi collegati a disturbi psichici. Per esempio, studi recenti hanno dimostrato che i livelli di melatonina sono eccessivamente alti in persone con disturbi maniacali (soggetti a cambiamenti estremi del tono dell'umore), mentre sono eccessivamente bassi in coloro che soffrono di depressione.



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Sole e buon umore: da cosa dipende?