Fans e sulfamidici

Si lascia l'ambiente del sistema nervoso e ci si sposta a livello cellulare dove troviamo un enzima responsabile della formazione di prostaglandine (PG). Le prostaglandine vengono anche chiamate AUTACOIDI e sono delle sostanze che vanno a modulare molte funzione all'interno del nostro organismo. Le funzioni alle quali partecipano le prostaglandine sono:

  • Modulazione del dolore;
  • Partecipano ai processi di infiammazione;
  • Responsabili a livello dell'ipotalamo dell'aumento della temperatura.

 

PG = prostaglandine

 

L'enzima responsabile della formazione delle prostaglandine è inibito da una categoria vastissima ed eterogenea di farmaci chiamati FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei). I FANS sono differenti dai glicocorticoidi, i quali vengono chiamati farmaci antinfiammatori steroidei. I FANS hanno come target le ciclossigenasi 1 e 2 (COX1 e COX2) responsabili dell'aumento della temperatura, dell'infiammazione e del dolore.

 

COX 1 e COX 2

Sulfamidici

Un discorso a parte deve essere fatto per i sulfamidici. Si tratta di antibiotici che vanno a bloccare la replicazione batterica. I sulfamidici hanno un'azione batteriostatica perché vanno a bloccare la sintesi del DNA all'interno del batterio. La sintesi viene bloccata perché mancano le basi puriniche, le quali derivano dall'acido folico.

Si ricorda che il batterio è in grado di produrre da solo acido folico. I sulfamidici inibiscono un enzima necessario per la sintesi dell'acido folico all'interno del batterio. Quindi se questi sulfamidici inibiscono la sintesi dell'acido folico viene meno la sintesi di DNA. L'uomo, per fortuna, non ha questo tipo di via enzimatica perché tutto l'acido folico proviene dagli alimenti. Ecco perché i sulfamidici hanno effetto solo su batteri e non sull'uomo.

 

Sulfonamidici

 

« Farmacologia »


Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016