Droghe ad amari

Il sapore amaro determina in ognuno di noi un riflesso nervoso che va a stimolare la secrezione salivare e gastrica, preparando l'apparato digerente ad accogliere il cibo e digerirlo. Questa proprietà appartiene ad ogni droga ad amari; anche la genziana fa parte di questa classe, ma la china risulta essere la droga ad amari per eccellenza. La china è, dal punto di vista farmacognostico riportato anche dalla Farmacopea, quella droga che presenta un sapore amaro talmente intenso da essere assunta come riferimento per valutare le altre droghe con simili caratteristiche. Il potere amaricante è una di quelle valutazioni farmacognostiche, utilizzate ed indicate nella Farmacopea, che ci permettono di valutare qualitativamente una droga sulla base del suo sapore amaro; questo aspetto è molto importante sul piano erboristico, proprio per l'aspetto aperitivo ed eupeptico che da esso deriva.

La china, o meglio il suo principio attivo più noto, la chinina, è presa come riferimento per il sapore amaro; arbitrariamente si dà un punteggio numerico ben preciso al sapore amaro di una soluzione di chinina ad una determinata concentrazione. Se ipoteticamente questa soluzione ha un valore amaro di 1000 unità amaricanti, questo punteggio funge da riferimento numerico per valutare altre droghe. Per assegnare questi valori viene selezionato un pool di persone estremamente sensibili al sapore amaro, ed in base alle loro risposte, espresse in seguito ad assaggio della soluzione, viene elaborato il valore numerico. Successivamente, queste stesse persone assaggiano soluzioni di altre droghe ad amari ad una determinata concentrazione nota e vi assegnano il valore numerico più adatto (per nulla amaro, poco amaro, molto amaro, amarissimo). Il rapporto tra i valori riscontrati per una droga e quelli ottenuti dall'assaggio della china fornisce un punteggio numerico che riflette la misura quantitativa del sapore amaro.

Ecco l'importanza della china, molto elevata per l'ambito salutistico, erboristico, liquoristico e anche tecnico, perché è droga di riferimento per un saggio valutativo delle droghe ad amari, categoria cui lei stessa appartiene.


« farmacognosia Farmacognosia »


ARTICOLI CORRELATI

Droghe adattogeneDroghe, utilizzo e tipi di drogheConservazione della droga e data di scadenzaDroghe a carboidratiDroghe a glicosidiDroghe ad alcaloidiDroghe ad iridoidiDroghe ad oli essenzialiDroghe caratterizzate dalla presenza di principi attivi derivanti dalla via dell'acido scichimicoDroghe e loro riconoscimentoDroghe e loro riconoscimento: droghe a bulbi e polveriDroghe oleaginose: oli, burri e cereEstrazione liquido-liquido da droghe alcaloideeFattori che influenzano la resa di alcune drogheGlicosidi CardioattiviIl controllo di qualità della drogaIl controllo di qualità: contaminazione della droga con pesticidiIl degrado post - raccolta della drogaImportanza della corretta conservazione di una droga e recupero con ossido di etileneIndice di rigonfiamento per valutare la qualità di una droga a mucillagginiInfluenza del microambiente e raccolta della drogaLiofilizzazione e stabilizzazione di una drogaParametri per una corretta essiccazione delle droghePossibili alterazioni della droga, aggressioni funginePossibili alterazioni della droga: contaminazioni di batteri, insetti e animaliPreparazione di una droga all'estrazioneRaccolta della droga e sua coltivazioneResa di alcune droghe in relazione a fattori ambientali e nonSaggi chimici e saggi biologici nel controllo di qualitàSaggi istochimici su droghe fresche ed essiccateStrategie per limitare il degrado post - raccolta di una drogaTipi di GlicosidiDroghe in erboristeria su Wikipedia italianoPhytotherapy su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015