Estrazione liquido-liquido da droghe alcaloidee

Spesso, l'estrazione alcaloidea si applica mediante imbuto separatore. Questa tipologia estrattiva sfrutta la combinazione di due solventi immiscibili, dove per affinità chimica (polarità e apolarità, lipofilia ed idrofilia) si distribuiscono le componenti della droga da cui vogliamo estrarre il principio attivo. Questo metodo ci consente di allontanare le impurezze e di isolare i singoli composti, per valutarne la qualità e la quantità.

L'estrazione liquido-liquido, in questo caso, è favorita dalle caratteristiche chimico-fisiche degli stessi alcaloidi: si tratta di molecole chimicamente simili alle basi, che variano la loro solubilità in relazione al pH di soluzione. Sfruttando queste loro caratteristiche, è possibile separare gli alcaloidi da una miscela, o meglio dalle sostanze di cui facevano parte nel fitocomplesso. Ciascun alcaloide ha proprietà basiche diverse, quindi variando selettivamente il pH è altresì possibile separare una precisa categoria di alcaloidi.

Il criterio di separazione degli alcaloidi risulta particolarmente adatto a determinate droghe, come la Noce vomica.
Stricnos nux vomica: droga caratterizzata dai semi di una pianta sudamericana, ad alto contenuto degli alcaloidi stricnina e brucina; i semi possono essere considerati droga ad amari con proprietà eupeptiche, di fatto vengono impiegati dall'industria liquoristica.

Intervenendo sul pH di soluzione bifasica e sui solventi di estrazione è possibile separare i due alcaloidi caratterizzanti la noce vomica.


Da una droga alcaloidea si può, attraverso un macerato in solvente organico o acquoso, successivamente sottoposto ad estrazione liquido-liquido, separare diverse categorie di princìpi attivi sulla base della loro affinità verso un solvente piuttosto che un altro. Inoltre, selezionando la fase in cui sono disciolti gli alcaloidi e variando il pH, si può effettuare una successiva sequenza di separazioni isolando ad ogni passaggio i vari alcaloidi del fitocomplesso, o semplicemente allontanare tutte le eventuali impurezze.

È bene ricordare che a monte di un'estrazione liquido-liquido da una droga c'è sempre una precedente estrazione con solvente, sia essa una macerazione od una percolazione. Una volta estratti ed isolati i princìpi attivi è possibile identificarli e quantificarli, così da indicare la funzionalità e le proprietà fitoterapiche della droga.

 

Esistono diverse categorie di alcaloidi, in maggioranza hanno caratteristiche alcaline, ma alcuni di essi non ne hanno affatto. Gli alcaloidi sono una classe di sostanze estremamente variegata, sebbene gli elementi costitutivi siano sempre Carbonio, Idrogeno e Azoto. Le categorie di alcaloidi sono:


-Alcaloidi ternari: Carbonio, Idrogeno e Azoto.
-Alcaloidi quaternari: Carbonio, Idrogeno, Ossigeno e Azoto.
-Alcaloidi a cinque elementi: Carbonio, Idrogeno, Ossigeno, Zolfo e Azoto.

Gli alcaloidi propriamente detti presentano un atomo di azoto, con un doppietto di elettroni libero, inserito in un anello eterociclico; il doppietto elettronico libero è quello che determina la reattività basica della molecola. Esistono molecole alcaloidee dotate di un atomo di azoto con doppietto elettronico, ma non in un anello eterociclico; quest'ultime vengono chiamate Pseudoi o Protoalcaloidi. Gli alcaloidi dal punto di vista dell'architettura molecolare sono molecole molto diversificate, pertanto non possono essere classificati in una categoria ben precisa.

Gli alcaloidi hanno differenti proprietà basiche, o addirittura possono non averne, perché il doppietto libero può essere più o meno ostacolato da ingombri sterici della molecola; oppure la differenza di alcalinità può dipendere dal numero di atomi di azoto con doppietto elettronico libero presenti nella molecola.

Nel caso di droghe alcaloidee, per estrarre e isolare i princìpi attivi, è necessario associare alle tradizionali strategie estrattive un'ulteriore modello estrattivo, l'estrazione liquido-liquido. L'isolamento del singolo alcaloide è utile per la valutazione finale di qualità della droga.


« farmacognosia Farmacognosia »



 

ARTICOLI CORRELATI

Droghe adattogene Droghe, utilizzo e tipi di droghe Conservazione della droga e data di scadenza Droghe a carboidrati Droghe a glicosidi Droghe ad alcaloidi Droghe ad amari Droghe ad iridoidi Droghe ad oli essenziali Droghe caratterizzate dalla presenza di principi attivi derivanti dalla via dell'acido scichimico Droghe e loro riconoscimento Droghe e loro riconoscimento: droghe a bulbi e polveri Droghe oleaginose: oli, burri e cere Fattori che influenzano la resa di alcune droghe Glicosidi Cardioattivi Il controllo di qualità della droga Il controllo di qualità: contaminazione della droga con pesticidi Il degrado post - raccolta della droga Importanza della corretta conservazione di una droga e recupero con ossido di etilene Indice di rigonfiamento per valutare la qualità di una droga a mucillaggini Influenza del microambiente e raccolta della droga Liofilizzazione e stabilizzazione di una droga Parametri per una corretta essiccazione delle droghe Possibili alterazioni della droga, aggressioni fungine Possibili alterazioni della droga: contaminazioni di batteri, insetti e animali Preparazione di una droga all'estrazione Raccolta della droga e sua coltivazione Resa di alcune droghe in relazione a fattori ambientali e non Saggi chimici e saggi biologici nel controllo di qualità Saggi istochimici su droghe fresche ed essiccate Strategie per limitare il degrado post - raccolta di una droga Tipi di Glicosidi Droghe in erboristeria su Wikipedia italiano Phytotherapy su Wikipedia inglese Efedrina Nicotina Cacao - Theobroma cacao Citisina per Smettere di Fumare Codeina Alcaloidi Berberina Bromexina Fentanil Fentanile Guaranina Morfina Papaverina Pilocarpina Piperina Solanina, patate e solanina Stricnina Teobromina Teofillina Alcaloide su Wikipedia italiano Alkaloid su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 08/11/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ