Saggi istochimici su droghe fresche ed essiccate

Per alcune categorie di droghe esistono specifici parametri di ordine microscopico, istologico e citologico, che aiutano a determinarne, attraverso la semplice osservazione, la qualità indipendentemente dalla loro identità.

Se l'indice stomatico è una valutazione biologica, che parte dal macroscopico ed arriva al microscopico, esistono anche dei saggi chimici che danno indicazioni di ordine generale sull'identità e la qualità della droga. Questi saggi chimici sono sostanzialmente delle titolazioni, oppure dei saggi integrati con quelli di tipo biologico e che per questo vengono detti saggi istochimici (isto: biologico, chimico: uso di reagenti). Se si analizza una foglia di Amamelide, dalla quale si ricavano i tannini (con proprietàrassodanti, astringenti e disinfettanti), dopo aver compiuto tutte le analisi descritte in precedenza, occorre sottoporla anche ad un saggio istochimico. La droga viene allora messa a contatto con un reagente, in questo caso ferro-cloruro, specifico per i tannini. L'interazione tra i due fa precipitare i tannini e gli evidenzia cromaticamente; ecco allora che di fronte a valutazioni biologiche e botaniche si può affiancare una valutazione di tipo chimico, per valutare ad esempio l'effettiva presenza di tannini nella droga. Si possono anche costruire scale di valutazione cromatica per ottenere, sulla base dell'intensità di colore, una stima del contenuto in tannini; più il campione si colora e maggiore sarà la loro concentrazione.

Nel controllo di qualità di una droga, si ottiene una valutazione approfondita solo con una determinazione istochimica, cioè integrando un saggio biologico con un saggio chimico.

Come eseguire un saggio di tipo istochimico su una droga essiccata, dal momento che al microscopio una struttura biologica disidratata non trasmette nulla? Come si può valutare colorimetricamente la droga al microscopio dal punto di vista dei princìpi attivi?

Per farlo, bisogna prima di tutto idratare il campione, lasciandolo in acqua per diverse ore; le strutture biologiche, però, non sono vive, ma ormai quasi totalmente compromesse; l'idratazione, quindi, non sarà mai tale da consentire un'osservazione ottimale della droga come se fosse fresca, il ché rappresenta un'oggettiva diffiicoltà nel successivo controllo. A questo punto, il tecnico farmacognosta deve associare la fonte naturale alla droga reidratata, e accompagnare lo studio con valutazioni di tipo botanico e biologico.

La visione, inoltre, viene spesso ostacolata dai pigmenti e l'osservazione dei margini cellulari è compromessa rispetto alla droga fresca; la struttura biologica non si disporrà più su un piano ordinato, in modo da consentire la stessa tipologia di fuoco ottico, ma si disporrà su più piani perché la reidratazione non sarà mai completa. Oltretutto, i pigmenti ancora presenti ostacolano la visione di quei parametri (indice stomatico, tipologia degli stomi ecc.) apprezzabili solamente quando i margini cellulari sono ben distinti. Molto spesso conviene decolorare il campione dopo averlo reidratato; a tale scopo, viene messo a contatto con dei reagenti che allontanano i pigmenti dalle strutture cellulari; i reagenti, ovviamente, sono diversi a seconda della droga, anche se generalmente viene utilizzato ipoclorito di sodio. Una volta decolorata, le strutture saranno più facilmente osservabili, i princìpi attivi potranno essere evidenziati con specifici reagenti e le eventuali sostanze contaminanti potranno essere meglio identificate.


« farmacognosia Farmacognosia »


ARTICOLI CORRELATI

Droghe adattogene Droghe, utilizzo e tipi di droghe Conservazione della droga e data di scadenza Droghe a carboidrati Droghe a glicosidi Droghe ad alcaloidi Droghe ad amari Droghe ad iridoidi Droghe ad oli essenziali Droghe caratterizzate dalla presenza di principi attivi derivanti dalla via dell'acido scichimico Droghe e loro riconoscimento Droghe e loro riconoscimento: droghe a bulbi e polveri Droghe oleaginose: oli, burri e cere Estrazione liquido-liquido da droghe alcaloidee Fattori che influenzano la resa di alcune droghe Glicosidi Cardioattivi Il controllo di qualità della droga Il controllo di qualità: contaminazione della droga con pesticidi Il degrado post - raccolta della droga Importanza della corretta conservazione di una droga e recupero con ossido di etilene Indice di rigonfiamento per valutare la qualità di una droga a mucillaggini Influenza del microambiente e raccolta della droga Liofilizzazione e stabilizzazione di una droga Parametri per una corretta essiccazione delle droghe Possibili alterazioni della droga, aggressioni fungine Possibili alterazioni della droga: contaminazioni di batteri, insetti e animali Preparazione di una droga all'estrazione Raccolta della droga e sua coltivazione Resa di alcune droghe in relazione a fattori ambientali e non Saggi chimici e saggi biologici nel controllo di qualità Strategie per limitare il degrado post - raccolta di una droga Tipi di Glicosidi Droghe in erboristeria su Wikipedia italiano Phytotherapy su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 28/09/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ