Ginseng

Il Ginseng, Panax Ginseng, è una droga che si caratterizza per la ricca presenza di saponine, in particolare di saponine steroidiche e triterpeniche, che gli conferiscono la nota proprietà adattogeno - tonica. Tra tutte, il ginseng è infatti quella droga che veste in modo adeguato la definizione di "adattogena", ovvero che agisce in modo aspecifico.

Il ginseng espleta la propria azione a livello cerebrale, migliorando la concentrazione e la veglia; è infatti uno stimolante; a livello cardiaco aumenta la frequenza e la forza contrattile del miocardio; a livello muscolo-scheletrico migliora la reattività dello stimolo nervoso rivolto ai muscoli; agisce poi anche a livello immunologico stimolando la funzionalità del sistema immunitario.

Il ginseng è una droga tipica della medicina cinese, ma particolarmente conosciuta anche nel mercato erboristico occidentale; è molto utilizzato come ricostituente, consigliato anche in periodi di calo energetico.

Ginseng

Il ginseng deriva da una pianta erbacea perenne, denominata Panax ginseng, appartenente alla famiglia delle Araliacee. Il ginseng è coltivato in altura; le piante che danno droga di migliore qualità crescono tra i 700 e i 1500 metri. La droga è caratterizzata dalla radice e da un corto rizoma di forma antropomorfa; ginseng, infatti, significa "piccolo uomo". Il ginseng viene raccolto in piante che hanno almeno quattro anni, coltivate prevalentemente in Cina, Giappone e Corea; il ginseng coreano è quello più pregiato.

Il ginseng viene lavorato in modo tale da dare due tipologie principali di droga: ginseng bianco e ginseng rosso. Il ginseng bianco è ottenuto raccogliendo la droga e, dopo averla mondata, trattandola con anidride solforosa per eliminare e schiarire le parti più esterne dell'esoderma della radice. Il ginseng rosso, invece, considerato più pregiato, presenta una superficie rossastra; una volta raccolto, viene trattato con vapor d'acqua a 120-130°C e poi posto in stufa; la superficie della droga assume quindi un aspetto lucido e rossastro (l'essicazione avviene appunto in stufa).

I princìpi attivi del ginseng sono i ginsenosidi (saponine), con caratterizzazione chimica sensibilmente diversa; sono tutte saponine, ma hanno funzioni tali da poter essere suddivise in diverse categorie, simili comunque - seppur con diversa intensità d'azione - per le proprietà toniche generalmente ascritte al ginseng. Questa variazione in intensità determina anche la differente qualità della droga: il ginseng bianco presenta determinate categorie di saponine, mentre il ginseng rosso ne presenta altre; soprattutto, il ginseng coltivato in zone diverse presenta proprietà differenti, in funzione al differente pattern fitochimico di queste saponine.

Il ginseng è una droga estremamente impiegata assieme all'Eleuterococco.


« farmacognosia Farmacognosia »