VISKEN ® Pindololo

VISKEN ® è un farmaco a base di pindololo.

GRUPPO TERAPEUTICO: Beta-bloccanti

VISKEN ® - Pindololo

Indicazioni VISKEN ® - Pindololo

VISKEN ® è indicato nel trattamento dell'angina pectoris, con particolare efficacia nella prevenzione delle crisi, dei disturbi emodinamici e delle turbe del ritmo cardiaco. Sebbene il pindololo abbia dimostrato un effetto antipertensivo evidente, tanto da essere utilizzato nella pratica clinica anche contro l'ipertensione, la sua efficacia ipotensiva è ancora in fase di studio e caratterizzazione.

Meccanismo d'azione VISKEN ® - Pindololo

VISKEN ® è un farmaco a base di pindololo, beta-bloccante dotato di azione intrinseca simpaticomimetica.
Assunto per os, viene completamente assorbito nel tratto gastro-intestinale, raggiungendo la massima concentrazione plasmatica dopo circa 2 ore dalla somministrazione orale. La biodisponibilità del farmaco rimane abbastanza elevata, visto il modesto effetto di primo passaggio epatico.
Al pari degli altri beta-bloccanti cardioselettivi, l'azione terapeutica del pindololo è determinata dall'effetto inibitorio sui recettori beta 2 cardiaci, che si concretizza nell'azione inotropa e cronotropa negativa, utile alla riduzione del lavoro cardiaco ed al miglioramento del flusso ematico coronarico.
L'azione intrinseca simpaticomimetica, invece, grazie ad un'opportuna attivazione del tono simpatico, permette di ridurre ai minimi termini un fastidioso effetto collaterale della terapia con beta-bloccanti, la bradicardia.
I suddetti effetti biologici permettono al VISKEN ® si essere utilizzato con successo non solo nel trattamento dell'angina pectoris, ma anche nel trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco e dell'ipertensione.
Nonostante una breve emivita, e la successiva eliminazione per via epatica e renale, il pindololo garantisce un'azione terapeutica (in particolar modo ipertensiva) prolungata nel tempo, tanto da garantire un buon controllo pressorio con la somministrazione giornaliera di una sola dose.

Studi svolti ed efficacia clinica

AZIONE ANTIOSSIDANTE DEL PINDOLOLO

Pharmacol Toxicol. 1999 Mar;84(3):130-4.

Inhibition of lipid peroxidation by pindolol.


Studi in vitro dimostrano la forte azione antiossidante del pindololo. Più precisamente, l'aggiunta di questa molecola è in grado di inibire la perossidazione lipidica e la formazione di specie reattive. Questa importante azione antiossidante potrebbe rivelarsi importante nella protezione delle patologie su base infiammatoria.


2.GLI EFFETTI ANTIDOLORIFICI DEL PINDOLOLO

Invest Clin. 2010 Mar;51(1):77-86.

Cardiovascular drugs in human mechanical nociception: digoxin, amlodipine, propranolol, pindolol and atenolol.

Del Giaccio A, Eblen-Zajjur A.


Nonostante i betabloccanti siano utilizzati da tempo come farmaci per il sistema cardiovascolare, recenti evidenze suggeriscono un implicazione di queste molecole, in particolare del pindololo, nella trasmissione nocicettiva. Studi clinici hanno infatti dimostrato come la sensazione dolorifica possa ridursi significativamente in seguito a somministrazione di pindololo.


3.IL PINDOLOLO NEL TRATTAMENTO DELLA DEPRESSIONE

J Psychopharmacol. 2010 Apr;24(4):513-20.

Pindolol augmentation of serotonin reuptake inhibitors for the treatment of depressive disorder: a systematic review.

Whale R, Terao T, Cowen P, Freemantle N, Geddes J.


Recenti studi hanno evidenziato come il pindololo, se utilizzato in concomitanza alla terapia antidepressiva serotoninergica, possa garantire in sole sei settimane un miglioramento della sintomatologia clinica, con una riduzione del punteggio sulla scala di depressione di circa il 50%.

Modalità d'uso e posologia

VISKEN ® compresse da 5 mg di pindololo: il dosaggio utilizzato nel trattamento dell'angina pectoris e dei disturbi del ritmo cardiaco è quello di ½ - 1 compressa 3 volte al giorno.
In caso di scarsa efficacia terapeutica, e in particolari condizioni patologiche, il medico potrebbe decidere di aumentare il dosaggio fino a 4 compresse giornaliere.

IN OGNI CASO, PRIMA DELL'ASSUNZIONE DI VISKEN ® - Pindololo - è NECESSARIA LA PRESCRIZIONE ED IL CONTROLLO DEL PROPRIO MEDICO.

Avvertenze VISKEN ® - Pindololo

La somministrazione di VISKEN ® dovrebbe essere preceduta da un'attenta valutazione clinica ed anamnestica del paziente, e affiancata ad un monitoraggio costante in particolari categorie di pazienti a rischio. Ad esempio, in caso di pazienti diabetici, è opportuno monitorare i livelli glicemici ed eventualmente correggere il dosaggio del farmaco ipoglicemizzante, vista la capacità del pindololo di mascherare alcuni segni evidenti di ipoglicemia, o monitorare l'elettrocardiogramma in caso di pazienti con recente infarto del miocardio.
Sarebbe inoltre opportuno uno stretto controllo medico in caso di pazienti affetti da broncopatie ostruttive od asma, sottoposti a terapia con VISKEN ® o in pazienti con insufficienza cardiaca, per i quali è necessario a priori un buon controllo farmacologico.
Si dovrebbe provvedere alla graduale sospensione del trattamento con pindololo in caso di interventi chirurgici.
La presenza di effetti collaterali, seppur lievi, quali cefalea e vertigini, potrebbe alterare le normali capacità percettive del paziente e rendere pericoloso l'uso di macchinari o la guida di autoveicoli.


GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO

Nonostante il pindololo sia risultato privo di effetti embriotossici e teratogeni, VISKEN ® è controindicato durante il periodo di gravidanza, visti la possibile presenza di effetti emodinamici e metabolici che potrebbero compromettere la salute del feto.
L'assenza di studi relativi alla cinetica di secrezione del pindololo nel latte materno, suggeriscono la sospensione dell'allattamento al seno in caso di concomitante terapia con VISKEN ®

Interazioni

L'assenza del classico effetto bradicardizzante associato alla terapia con beta-bloccanti, permette di ridurre al minimo le interazioni potenzialmente pericolose del pindololo.
Pertanto, sarebbe opportuno prestare particolare attenzione in caso di eventuale associazione a ipotensivi di varia natura, in particolare a quelli appartenenti al gruppo della reserpina e della guanetidina.
Sarebbe opportuno, inoltre, evitare la concomitante somministrazione di anti-MAO, amine tricicliche, anestetici volatili, antiaritmici e anticoagulanti.
L'aggiustamento del dosaggio di ipoglicemizzanti orali potrebbe essere richiesto per pazienti diabetici sottoposti a terapia con VISKEN®

Controindicazioni VISKEN ® - Pindololo

VISKEN ® è controindicato in caso di acidosi metabolica, bradicardia evidente, insufficienza cardiaca non adeguatamente trattata, blocco atrio-ventricolare ed in caso di ipersensibilità verso uno dei suoi componenti.
Nonostante il pindololo sia dotato di attività cardioselettiva, VISKEN ® è controindicato in caso di asma e broncopatie ostruttive.

Effetti indesiderati - Effetti collaterali

L'azione simpaticomimetica intrinseca del pindololo permette al VISKEN ® si essere ben tollerato e di ridurre l'effetto bradicardizzante, responsabile a volte della sospensione della terapia.
Gli effetti descritti più comunemente sono stati stanchezza, vertigini, disturbi gastrointestinali, cefalea, vertigini e reazioni cutanee in caso di ipersensibilità; tutti transitori e di scarsa rilevanza clinica.

Note

VISKEN ® è vendibile solo sotto prescrizione medica.

L'utilizzo di VISKEN ® negli sportivi, in assenza di necessità terapeutica, per ridurre la risposta fisiologica allo stress ed i relativi sintomi (tremore degli arti, aumento della pressione arteriosa, aumento della tensione emotiva ecc.) costituisce una pratica DOPANTE.



Ultima modifica dell'articolo: 13/08/2016