STREPTOSIL ® Sulfatiazolo + Neomicina

STREPTOSIL ® è un farmaco a base di Sulfatiazolo + Neomicina

GRUPPO TERAPEUTICO: Antibiotici e chemioterapici in associazione

STREPTOSIL ® Sulfatiazolo + Neomicina

Indicazioni STREPTOSIL ® Sulfatiazolo + Neomicina

STREPTOSIL ® è indicato nel trattamento delle infezioni cutanee superficiali sostenute da microrganismi sensibili alla neomicina.

Meccanismo d'azione STREPTOSIL ® Sulfatiazolo + Neomicina

STREPTOSIL ® è un medicinale particolarmente efficace nel trattamento delle infezioni batteriche della cute superficiale grazie alla presenza di due principi attivi, entrambi noti per le proprietà microbicide, contraddistinti tuttavia da meccanismi d'azione differenti e complementari.
Più precisamente la neomicina è un antibiotico appartenente alla categoria degli aminoglicosidi in grado di espletare la propria attività terapeutica permeando la parete batterica e inibendo la subunità ribosomiale 30S, necessaria a garantire l'attacco del tRNA ed il relativo allungamento della catena peptidica.
La produzione di peptidi aberranti che ne deriva, oltre a compromettere le normali attività cellulari, danneggia le membrane cellulari determinando una massiva fuoriuscita di potassio facilitando in questo modo la lisi del microrganismo.
Il secondo principio attivo è invece il sulfatiazolo, farmaco sintetico appartenente alla famiglia dei sulfamidici, in grado di competere con l'acido para amminobenzoioco substrato dell'enzima diidropteroato sintetasi, coinvolto nella sintesi dell'acido tetraidrofolico.
Quest'ultima molecola risulta indispensabile per la sintesi degli acidi nucleici, tanto da impedire significativamente la proliferazione batterica.
In conclusione quindi le proprietà terapeutiche di STREPTOSIL ® si manifestano attraverso l'inibizione della sintesi proteica batterica e mediante l'inibizione della replicazione genomica.

Studi svolti ed efficacia clinica

1 . LA NEOMICINA COME FATTORE DI CRESCITA
Exp Cell Res. 1995 Jul;219(1):266-75.

The effect of neomycin on PDGF-induced mitogenic response and actin organization in cultured human fibroblasts.

Hedberg KM, Bell PB Jr.


Lavoro sperimentale che dimostra come probabilmente oltre alla caratteristica attività antibiotica la neomicina risulterebbe efficace nel trattamento delle infezioni cutanee anche grazie alla capacità di stimolare la produzione di PDGF e l'accrescimento dei fibroblasti umani.

2 . NEOMICINA E CARCINOMA A CELLULE BASALI
Eur J Med Res. 2005 May 20;10(5):202-3.

Topical treatment of basal cell carcinoma with neomycin.

Cuevas P, Arrazola JM.


Interessantissimo lavoro che descrive come l'applicazione di neomicina su un carcinoma a cellule basale, abbia garantito una regressione della lesione, probabilmente controllando la proliferazione delle cellule endoteliali e la relativa neoangiogenesi.


3.DERMATITE DA NEOMICINA
Dermatitis. 2008 Nov-Dec;19(6):E46-8.

Patch-test-induced "flare-up" reactions to neomycin at prior biopsy sites.

Jacob SE, Barland C, ElSaie ML.


Interessante case report che denuncia l'aggravamento della dermatite in un paziente sottoposto a precedente chemioterapia, in seguito all'applicazione dei patch utili a verificare l'eventuale sensibilità alla neomicina.

Modalità d'uso e posologia

STREPTOSIL ®
Unguento per uso cutaneo da 0,4 gr di sulfatiazolo e 0,1 gr di neomicina solfato per 20 gr di prodotto;
Polvere cutanea da 9,95 gr di sulfatiazolo e 0,05 gr di neomicina solfato.
Per il trattamento delle infezioni batteriche cutanee superficiali si consiglia di applicare un sottile strato di unguento sulla zona direttamente interessata per 2-3 volte al giorno.
In seguito all'applicazione di STREPTOSIL ® in polvere cutanea sarebbe invece indispensabile applicare immediatamente una garza sterile in maniera da evitare possibili dispersioni del farmaco.
Anche in questo caso il dosaggio consigliato è quello di 2-3 applicazioni al giorno.

Avvertenze STREPTOSIL ® Sulfatiazolo + Neomicina

Affinché l'uso di STREPTOSIL ® risulti sicuro, evitando la comparsa di possibili effetti collaterali legati all'assorbimento sistemico dei suoi principi attivi sarebbe necessario :

  • Evitare di applicare il farmaco in prossimità di mucose e congiuntiva;
  • Evitare di applicare il farmaco su regioni particolarmente estese e compromesse;
  • Evitare di applicare il farmaco su cute ulcerata o lesionata;
  • Evitare l'uso della tecnica del bendaggio occlusivo.

L'uso prolungato e inadeguato del prodotto potrebbe facilitare la formazione di ceppi resistenti alla comune terapia antibiotica, aggravando il quadro clinico del paziente.


GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO

Nonostante il basso assorbimento sistemico dei principi attivi minimizzi i rischi legati all'assunzione del farmaco, l'uso di STREPTOSIL ® in gravidanza dovrebbe avvenire esclusivamente nei casi di reale necessità e sotto la stretta supervisione del proprio medico.

Interazioni

Il basso assorbimento sistemico del sulfatiazolo e della neomicina legato all'applicazione topica di questi principi attivi, consente di minimizzare le possibili interazioni farmacologiche in grado di compromettere le normali proprietà terapeutiche del farmaco ed il relativo grado di sicurezza.

Controindicazioni STREPTOSIL ® Sulfatiazolo + Neomicina

L'uso di STREPTOSIL ® è controindicato in caso di ipersensibilità al principio attivo ed ai relativi eccipienti.
Si ricorda inoltre di evitare il contatto del farmaco con le mucose e la congiuntiva.

Effetti indesiderati - Effetti collaterali

L'uso topico di STREPTOSIL ® evita l'assorbimento sistemico dei suoi principi attivi, limitando così notevolmente la comparsa di possibili effetti collaterali sistemici.
Con una certa frequenza tuttavia potrebbero manifestarsi reazioni avverse locali dovute ad ipersensibilità nei confronti del farmaco, caratterizzate da rossore, gonfiore e prurito persistente.

Note

STREPTOSIL ® non è soggetto a prescrizione medica obbligatoria.