Pedea - ibuprofene

Informazioni su Pedea - ibuprofene fornite da EMEA

Che cos'è Pedea?

Pedea è una soluzione iniettabile contenente il principio attivo ibuprofene.

Per che cosa si usa Pedea?

Pedea è usato nel trattamento del "dotto arterioso pervio" nei neonati prematuri, nati con sei o più settimane di anticipo (periodo di gestazione inferiore a 34 settimane). Il dotto arterioso pervio è una patologia in cui il dotto arterioso (il vaso sanguigno che consente al sangue di aggirare i polmoni del bambino prima della nascita) non si chiude dopo la nascita, provocando problemi a carico di cuore e polmoni.
In virtù del basso numero di neonati con dotto arterioso pervio, la malattia è considerata "rara" e il 14 febbraio 2001 Pedea è stato designato "medicinale orfano" (ossia medicinale usato nelle malattie rare) .
Il medicinale può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica.

Come si usa Pedea?

Il trattamento con Pedea va eseguito esclusivamente presso un'unità di terapia intensiva neonatale, sotto la supervisione di un neonatologo (medico specializzato per i bambini prematuri) esperto.
Pedea va somministrato mediante tre iniezioni in vena a intervalli di 24 ore. Ciascuna iniezione dura 15 minuti. La prima iniezione va somministrata dopo almeno 6 ore dalla nascita. Se il dotto arterioso non si è chiuso entro 48 ore dall'ultima iniezione, o se si riapre, si può somministrare un secondo ciclo di tre dosi di Pedea. Se la condizione persiste dopo il secondo ciclo di cure, potrebbe essere necessario intervenire chirurgicamente.
Pedea non va usato in via preventiva, ovvero prima che sia stata accertata l'effettiva pervietà del dotto arterioso.

Come agisce Pedea?

Il principio attivo di Pedea è l'ibuprofene, usato sin dagli anni Sessanta come antidolorifico e antinfiammatorio. Esso agisce riducendo il livello delle sostanze chimiche messaggere denominate prostaglandine. Poiché anche le prostaglandine contribuiscono a mantenere aperto il dotto arterioso dopo la nascita, si ipotizza che Pedea agisca riducendo i livelli delle prostaglandine, consentendo la chiusura di tale vaso sanguigno.

Quali studi sono stati effettuati su Pedea?

Dato che ibuprofene è in uso da molto tempo, la ditta ha presentato dati già pubblicati nella letteratura medica. Inoltre ha presentato risultati di studi, ivi incluso uno studio sull'osservazione di dosi diverse di Pedea in 40 neonati prematuri. La principale misura di efficacia è stato il numero di casi in cui si è avuta la chiusura del dotto arterioso senza la necessità di ricorrere a un intervento chirurgico.
In un ulteriore studio sono stati confrontati gli effetti di Pedea e placebo (un trattamento fittizio) su 131 neonati sottoposti a trattamento prima che sia stata accertata l'effettiva pervietà del dotto arterioso.

Quali benefici ha mostrato Pedea nel corso degli studi?

Nello studio avente per oggetto il trattamento del dotto arterioso pervio con la dose approvata di Pedea è stato raggiunto un tasso di chiusura del 75% nei neonati prematuri, nati 11-13 settimane in anticipo (sei su otto), e del 33% nei neonati prematuri, nati 14-16 in anticipo (due su sei).
Nello studio sull'uso di Pedea prima che fosse accertata nei neonati l'effettiva pervietà del dotto arterioso, Pedea è sembrato più efficace del placebo nel prevenire l'intervento chirurgico. Tuttavia è stato necessario interrompere con anticipo lo studio a causa degli effetti indesiderati (problemi a reni e polmoni).

Qual è il rischio associato a Pedea?

è difficile valutare gli effetti indesiderati osservati nei bambini cui è stato somministrato, perché potrebbero essere correlati al dotto arterioso pervio o a Pedea stesso. Gli effetti indesiderati più comuni osservati nei bambini cui è stato somministrato il medicinale (osservati in più di 1 bambino su 10) sono trombocitopenia (bassa conta piastrinica nel sangue), neutropenia (bassi livelli di neutrofili, un tipo di globulo bianco), displasia broncopolmonare (tessuto polmonare anormale, solitamente osservato nei bambini nati prematuramente), aumentati livelli di creatinina ematica (un marcatore di problemi renali) e ridotti livelli di sodio ematico. Per l'elenco completo degli effetti indesiderati rilevati con Pedea, si rimanda al foglio illustrativo.
Pedea non deve essere utilizzato in bambini che potrebbero essere ipersensibili (allergici) a ibuprofene o a uno qualsiasi degli altri ingredienti. Non deve essere utilizzato nei bambini con infezioni potenzialmente letali, sanguinamento, problemi di coagulazione o ai reni. Non deve essere nemmeno usato nei bambini con patologia cardiaca congenita dove sia necessario un dotto arterioso aperto per il flusso del sangue, o nei bambini con enterocolite necrotizzante (una grave infezione batterica che provoca frammenti di tessuto morto nell'intestino).

Perché è stato approvato Pedea?

Il comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) ha accettato che i dati presentati dalla ditta indicano che Pedea è efficace nel trattamento del dotto arterioso pervio. Il comitato ha deciso che i benefici di Pedea sono superiori ai suoi rischi nel trattamento del dotto arterioso pervio nei bambini nati prematuramente (periodo di gestazione inferiore a 34 settimane). Il comitato ha raccomandato il rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio per Pedea.

Altre informazioni su Pedea:

Il 29 luglio 2004 la Commissione europea ha rilasciato alla Orphan Europe SARL un'autorizzazione all'immissione in commercio, valida in tutta l'Unione europea. L'autorizzazione all'immissione in commercio è stata rinnovata il 29 luglio 2009.
Per la sintesi del parere del comitato per i medicinali orfani, cliccare qui.
Per la versione completa dell'EPAR di Pedea, cliccare qui.

Ultimo aggiornamento di questa sintesi: 07-2009.


Le informazioni su Pedea - ibuprofene pubblicate in questa pagina possono risultare non aggiornate o incomplete. Per un uso corretto di tali informazioni, consulta la pagina Disclaimer e informazioni utili.



ARTICOLI CORRELATI

Forame Ovale PervioChe cosa s'intende per difetto interatriale del cuoreSintomi Difetto interatrialeDifetto interatriale su Wikipedia italianoAtrial septal defect su Wikipedia ingleseMOMENT ® IbuprofeneBRUFEN ® Ibuprofene IbuprofeneACTIGRIP febbre e dolore ® IbuprofeneAntalfebal - Foglietto IllustrativoAntalgil - Foglietto IllustrativoARFEN ® IbuprofeneBrufen - Foglietto IllustrativoBuscofen - Foglietto IllustrativoBuscofenact - Foglietto IllustrativoFluibron febbre e dolore - Foglietto IllustrativoIbuprofene - Farmaco Generico - Foglietto IllustrativoMoment - Foglietto IllustrativoMomentact - Foglietto IllustrativoNurofen - Foglietto IllustrativoNUROFEN ® Ibuprofene Spididol - Foglietto IllustrativoSpidifen - Foglietto IllustrativoVICKS febbre e dolore ® IbuprofeneIbuprofene su Wikipedia italianoIbuprofen su Wikipedia ingleseASPIRINA ® Acido acetilsalicilicoFANS - Storia, Meccanismo d'azione, IndicazioniFANS: Classificazione e Scelta dei FANSFANS: Effetti Collaterali e ControindicazioniAbuso di antinfiammatori in campo sportivoAULIN ® NimesulideAcido AcetilsalicilicoCelecoxibDiclofenacEtoricoxibFenilbutazoneFlurbiprofeneGastroprotettoriIndometacinaKetoprofeneKetorolacMeloxicamNaprosseneNimesulidePiroxicamAIRTAL ® AceclofenacARTROSILENE ® Ketoprofene ASCRIPTIN ® Acido acetilsalicilicoASPIRINETTA ® Acido acetilsalicilicoDICLOREUM ® Diclofenac sodicoFastum Gel - Foglietto IllustrativoFASTUM GEL ® Ketoprofene Feldene Fast - Foglietto IllustrativoFans su Wikipedia italianoNon-steroidal anti-inflammatory drug su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 08/12/2016