NUROFEN ® Ibuprofene

NUROFEN ® è un farmaco a base di Ibuprofene

GRUPPO TERAPEUTICO: Farmaci antinfiammatori ed antireumatici non steroidei

NUROFEN ® Ibuprofene

Indicazioni NUROFEN ® Ibuprofene

NUROFEN ® è indicato nel trattamento degli stati flogistici e dolorosi legati a patologie reumatiche, osteo-articolari, traumatiche, e di altra natura.
Data l'azione antipiretica, NUROFEN ® può essere utilizzo come coadiuvante nel trattamento sintomatico degli stati febbrili ed influenzali.

Meccanismo d'azione NUROFEN ® Ibuprofene

L'ibuprofene, principio attivo di origine sintetica appartenente alla categoria degli antinfiammatori non steroidei, deve il suo grande successo terapeutico al rapporto efficacia/sicurezza maggiore rispetto quello di altri farmaci appartenenti alla stessa categoria.
L'ibuprofene, assunto per via orale, viene rapidamente assorbito dalla mucosa gastro-intestinale, soprattutto quando a stomaco vuoto, raggiungendo prontamente le massime concentrazioni plasmatiche e distribuendosi, legato alle proteine plasmatiche, ai tessuti coinvolti nel processo flogistico.
Qui è in grado di inibire le ciclossigenasi, riducendo la sintesi di prostaglandine ad attività infiammatoria, e favorendo invece la produzione di lipossine, molecole dotate di attività inibitoria nei confronti del richiamo e dell'adesione leucocitaria.
L'azione antinfiammatoria è inoltre affiancata da quella antalgica ed antipiretica, che permette di allargare sensibilmente le indicazioni terapeutiche previste per NUROFEN ®, garantendo così un azione terapeutica efficace per vari stati patologici.

Studi svolti ed efficacia clinica

1.DERIVATI DELL'IBUPROFENE E TUMORI
Breast Cancer Res. 2012 Jan 31;14(1):R20. [Epub ahead of print]

Phospho-ibuprofen (MDC-917) suppresses breast cancer growth: an effect controlled by the thioredoxin system.

Sun Y, Rowehl LM, Huang L, Machenzie GG, Vrankova K, Komninou D, Rigas B.


Importante studio che dimostra la capacità di alcuni principi attivi derivati dall'ibuprofene di contrastare la proliferazioni tumorale, in particolare di cellule carcinomatose mammarie, modulando l'espressione genica delle stesse e riducendo il rate proliferativo.


2 .IBUPROFENE E ABORTO MEDICO
Fertil Steril. 2012 Mar;97(3):612-5. Epub 2012 Jan 20.

Pre-emptive effect of ibuprofen versus placebo on pain relief and success rates of medical abortion: a double-blind, randomized, controlled study.

Avraham S, Gat I, Duvdevani NR, Haas J, Frenkel Y, Seidman DS.


Studio che dimostra come la somministrazione preventiva di ibuprofene, possa ridurre il dolore in donne sottoposte ad aborto medico, senza interferire nell'azione abortigena dei principi attivi utilizzati.


3. IBUPROFENE E DOLORE POSTOPERATORIO
J Endod. 2011 Dec;37(12):1608-12. Epub 2011 Oct 1.

Efficacy of Ibuprofen and ibuprofen/acetaminophen on postoperative pain in symptomatic patients with a pulpal diagnosis of necrosis.

Wells LK, Drum M, Nusstein J, Reader A, Beck M.


Trial clinico che dimostra come l'assunzione di ibuprofene possa risultare efficace quanto quella di ibuprofene/paracetamolo nel ridurre il dolore postoperatorio in pratiche di endodonzia necessarie alla terapia della necrosi della polpa dentaria.

Modalità d'uso e posologia

NUROFEN ®
Compresse rivestite da 200 - 400 mg di ibuprofene;
Granulato per soluzione orale da 20 mg di ibuprofene.


Il dosaggio di ibuprofene, utilizzabile negli adulti, può variare sensibilmente a seconda delle caratteristiche fisio-patologiche del paziente e della gravità del suo quadro clinico.
Si consiglia in ogni caso di iniziare la terapia con la minima dose efficace, in grado di garantire un effetto terapeutico, adeguando eventualmente la dose in un secondo momento, fino a quella massima di 1200-1800 mg giornalieri.
Precauzioni nella formulazione del dosaggio devono necessariamente essere previste per pazienti anziani o affetti da patologie renali.

Avvertenze NUROFEN ® Ibuprofene

Nonostante NUROFEN ® sia un farmaco vendibile senza obbligo di prescrizione medica, il paziente dovrebbe consultare il proprio medico prima di intraprendere l'assunzione di questo medicinale.
In particolare, pazienti affetti da patologie renali, epatiche, gastrointestinali e cardiovascolari dovrebbero richiedere la costante supervisione medica ed un monitoraggio periodico delle concentrazioni ematiche di alcuni parametri indicativi delle condizioni del proprio stato di salute.
Un adeguamento del dosaggio normalmente utilizzato è necessario per pazienti anziani o affetti da insufficienza renale, visto il rischio di un potenziale accumulo di ibuprofene.


GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO

Si sconsiglia vivamente l'assunzione di NUROFEN ® in gravidanza, data l'importanza delle prostaglandine nel garantire il corretto sviluppo fetale. E' noto infatti come l'eccessiva inibizione della sintesi di prostaglandine, possa determinare l'insorgenza di malformazioni fetali e aumentare il numero di aborti.
Effetti collaterali potrebbero interessare anche la partoriente, visto l'aumentato rischio di emorragie e la riduzione della frequenza e dell'intensità delle contrazioni uterine.
Tale controindicazione si estende anche alla successiva fase di allattamento al seno, nonostante l'ibuprofene sia tra i farmaci antinfiammatori non steroidei, quello in grado di concentrasi di meno nel latte materno.

Interazioni

Nonostante le potenziali interazioni farmacologiche previste per l'ibuprofene siano molteplici, solo poche risultano clinicamente rilevanti.
Particolare attenzione, sia per la comparsa di possibili effetti collaterali, sia per la compromissione della normale efficacia terapeutica va riservata alla somministrazione contestuale di ACE inibitori e antagonisti dell'angiotensina II, analgesici, antibiotici, metotrexato, anticoagulanti orali, antidepressivi inibitori del reuptake della serotonina, corticosteroidi ed altri FANS.

Controindicazioni NUROFEN ® Ibuprofene

L'assunzione di NUROFEN ® è controindicata in pazienti ipersensibili al principio attivo o ad uno dei suoi eccipienti, ipersensibili all'acido acetilsalicilico ed altri analgesici, affetti da asma, poliposi nasale, insufficienza epatica, renale a cardiaca, sanguinamenti intestinali, colite ulcerosa o storia pregressa per le stesse patologie.

Effetti indesiderati - Effetti collaterali

Un attento monitoraggio post-marketing e una florida letteratura scientifica, sostengono la relativa sicurezza del'ibuprofene quando somministrato secondo le opportune indicazioni mediche.
Nonostante gli effetti collaterali possano interessare vari distretti, da quello nervoso con cefalea, depressione e insonnia a quello cutaneo con rash, orticaria e dermatite, le reazioni avverse si osservano più frequentemente a livello gastroenterico, con nausea, vomito, dolori addominali, colite, diarrea, costipazione e nei casi più gravi gastriti e ed ulcere peptiche.
E' utile inoltre ricordare i risultati di alcuni studi epidemiologici che correlano l'uso prolungato di antinfiammatori non steroidei a patologie cardio-vascolari, renali ed epatiche.

Note

NUROFEN ® è vendibile senza obbligo di prescrizione medica.


Le informazioni su NUROFEN ® Ibuprofene pubblicate in questa pagina possono risultare non aggiornate o incomplete. Per un uso corretto di tali informazioni, consulta la pagina Disclaimer e informazioni utili.



Ultima modifica dell'articolo: 08/12/2016