Nimvastid - rivastigmina

Informazioni su Nimvastid - rivastigmina fornite da EMEA

Che cos'è Nimvastid?

Nimvastid è un medicinale che contiene il principio attivo rivastigmina. È disponibile sotto forma di capsule (gialle: 1,5 mg; arancione: 3 mg; rosso-bruno: 4,5 mg e rosso-bruno e arancione: 6 mg) e di compresse orodispersibili (1,5 mg, 3 mg, 4.5 mg e 6 mg). Con orodispersibili si intende che le compresse si sciolgono in bocca.
Nimvastid è un "medicinale generico". Ciò significa che Nimvastid è analogo ad un "medicinale di riferimento" già autorizzato nell'Unione europea (UE), denominato Exelon. Per maggiori informazioni sui medicinali generici, consultare le domande e risposte cliccando qui.

Per che cosa si usa Nimvastid?

Nimvastid è usato per il trattamento di pazienti affetti da demenza di tipo Alzheimer da lieve a moderatamente grave, malattia progressiva del cervello che colpisce gradualmente la memoria, la capacità intellettiva e il comportamento.
Può anche essere usato per il trattamento della demenza da lieve a moderatamente grave in pazienti con malattia di Parkinson.
Il medicinale può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica.

Come si usa Nimvastid?

Il trattamento con Nimvastid deve essere iniziato e controllato da un medico esperto nella diagnosi e nella terapia della malattia di Alzheimer o della demenza associata alla malattia di Parkinson. La terapia deve essere iniziata soltanto se è disponibile un badante ("caregiver", colui che assiste abitualmente il paziente) che controlli regolarmente l'assunzione del medicinale da parte del paziente. Il trattamento deve essere mantenuto finché il medicinale ha un effetto benefico, ma si può ridurre la dose o interrompere il trattamento se il paziente manifesta effetti collaterali.
Nimvastid deve essere somministrato due volte al giorno, a colazione e a cena. Le capsule devono essere deglutite intere. Le compresse di Nimvastid orodispersibili devono essere poste sulla lingua, dove si disintegrano rapidamente nella saliva prima di essere inghiottite.
La dose iniziale di Nimvastid è di 1,5 mg due volte al giorno. Se questa dose risulta ben tollerata, potrà essere aumentata, con incrementi di 1,5 mg ad intervalli non inferiori a due settimane, a una dose regolare di 3-6 mg due volte al giorno. Per ottenere il massimo beneficio è bene usare la più alta dose tollerata, senza tuttavia superare 6 mg due volte al giorno.

Come agisce Nimvastid?

Il principio attivo di Nimvastid, la rivastigmina, è un farmaco antidemenza. Nei pazienti con demenza di tipo Alzheimer o demenza dovuta a malattia di Parkinson alcune cellule nervose muoiono nel cervello con conseguente abbassamento dei livelli del neurotrasmettitore acetilcolina (sostanza chimica che permette alle cellule nervose di comunicare tra loro). La rivastigmina agisce bloccando gli enzimi che distruggono l'acetilcolina, ossia l'acetilcolinesterasi e la butirilcolinesterasi. Bloccando questi enzimi, Nimvastid favorisce un aumento dei livelli di acetilcolina nel cervello, il che contribuisce a ridurre i sintomi della demenza di tipo Alzheimer e della demenza dovuta a malattia di Parkinson.

Quali studi sono stati effettuati su Nimvastid?

Poiché Nimvastid è un medicinale generico, gli studi sono stati limitati a prove destinate a dimostrare che il farmaco è bioequivalente al medicinale di riferimento (ossia che i due medicinali producono gli stessi livelli di principio attivo nell'organismo).

Quali sono i rischi e i benefici associati a Nimvastid?

Poiché Nimvastid è un medicinale generico ed è bioequivalente al medicinale di riferimento, si considera che i benefici e i rischi del farmaco siano gli stessi.

Perché è stato approvato Nimvastid?

Il comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) ha concluso che, conformemente ai requisiti UE, Nimvastid ha dimostrato di possedere qualità comparabili e di essere bioequivalente a Exelon. Pertanto, il CHMP è del parere che, come per Exelon, i benefici siano superiori ai rischi individuati. Il comitato ha raccomandato il rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio per Nimvastid.

Altre informazioni su Nimvastid

Il 11 maggio 2009 la Commissione europea ha rilasciato alla ditta KRKA, d.d., Novo Mesto un'autorizzazione all'immissione in commercio per Nimvastid, valida in tutta l'Unione europea.
Per la versione completa dell'EPAR di Nimvastid cliccare qui.

Ultimo aggiornamento di questa sintesi: 05-2009


Le informazioni su Nimvastid - rivastigmina pubblicate in questa pagina possono risultare non aggiornate o incomplete. Per un uso corretto di tali informazioni, consulta la pagina Disclaimer e informazioni utili.



ARTICOLI CORRELATI

Exelon - Foglietto IllustrativoEXELON - rivastigminaPrometax - rivastigminaRivastigmina ActavisRivastigmina TevaRivastigmine 1 A PharmaRivastigmine HexalRivastigmine SandozRivastigmina su Wikipedia italianoRivastigmine su Wikipedia ingleseFarmaci per la cura del Morbo di ParkinsonAmantadinaLeganto - rotigotinaTrattamento Farmacologico del morbo di ParkinsonAkineton - Foglietto IllustrativoAzilect - Foglietto IllustrativoMadopar - Foglietto IllustrativoMirapexin - Foglietto IllustrativoNeupro - Foglietto IllustrativoNootropil - Foglietto IllustrativoRequip - Foglietto IllustrativoSinemet - Foglietto IllustrativoStalevo - Foglietto IllustrativoAzilect - rasagilinaComtan - entacaponeComtess - entacaponeCorbilta - levodopa, carbidopa, entacaponeDaTSCAN - ioflupaneEntacapone TevaLevodopa Carbidopa Entacapone OrionMADOPAR ® - Levodopa + Benserazide Mirapexin - pramipexoloNeupro - rotigotinaNumient - Levodopa/CarbidopaOprymea - pramipexolo basePramipexole Accord - PramipexoloPramipexole Teva - pramipexolo baseRasagiline ratiopharm - rasagilinaREQUIP ® - Ropinirolo Sifrol - pramipexoloSINEMET ® - Melevodopa + Carbidopa SIRIO ® - Melevodopa + Carbidopa StalevoWakix - PitolisantWakix - PitolisantMorbo di ParkinsonMucuna - Proprietà Mucuna pruriensMorbo di Parkinson - I Sintomi della MalattiaCause del Morbo ParkinsonMorbo di Parkinson: i miti da sfatareAltri Sintomi del Morbo di ParkinsonDiagnosi del morbo di ParkinsonMorbo di Parkinson su Wikipedia italianoParkinson's disease su Wikipedia ingleseMorbo di Alzheimer su Wikipedia italianoAlzheimer's disease su Wikipedia inglese