LIOMETACEN ® Indometacina

LIOMETACEN ® è un farmaco a base di Indometacina meglumina

GRUPPO TERAPEUTICO: Farmaci antinfiammatori ed antireumatici non steroidei

LIOMETACEN ® Indometacina

Indicazioni LIOMETACEN ® Indometacina

LIOMETACEN ® è indicato nel trattamento del dolore acuto su base flogistica dell'apparato muscolo-scheletrico.

Meccanismo d'azione LIOMETACEN ® Indometacina

LIOMETACEN ® è un farmaco a base di indometacina, principio attivo derivato dall'acido arilacetico ed annoverato tra i farmaci antinfiammatori non steroidei.
La caratteristica efficacia di LIOMETACEN ® nel trattamento del dolore acuto a carico dell'apparato muscolo scheletrico sia per patologie di origine reumatica che post-traumatica è da ricondurre alle particolari proprietà farmacocinetiche di questo medicinale, che consentono al suo principio attivo, una volta somministrato per via intramuscolare, di raggiungere il picco plasmatico in soli 30 minuti, espletando già da subito una significativa azione terapeutica.
Quest'ultima, come avviene per tutti gli altri farmaci antinfiammatori non steroidei, è sostenuta dalla capacità che l'indometacina presenta nell'inibire una classe enzimatica nota come ciclossigenasi, la cui attivazione, particolarmente intensa in seguito a stimoli lesivi di varia natura, consente la trasformazione di fosfolipidi di membrana come l'acido arachidonico in mediatori chimici dotati di attività vasopermeabilizzante, chemotattica e algogenica, noti come prostaglandine.
La possibilità di ridurre la presenza in loco di queste molecole, si traduce quindi in una riduzione dell'insulto infiammatorio a carattere lesivo e doloroso, che si accompagna quindi ai vari stati infiammatori sia dia origine traumatica che reumatica.
Terminata la sua azione, l'indometacina in seguito a glucoronazione epatica, viene eliminata prevalentemente attraverso le urine.

Studi svolti ed efficacia clinica

1.L'EFFICACIA DELL'INDOMETACINA NEI NATI PREMATURI
Pediatr Int. 2012 Feb 20.

Effects of Prophylactic Indomethacin on Renal and Intestinal Blood Flows in Premature Infants.

Maruyama K, Fujiu T.


Interessante studio che dimostra come l'utilizzo di basse dosi di indometacina in prematuri, possa, usufruendo delle proprietà vasodilatatorie tipiche dei FANS, favorire la normale vascolarizzazione del rene e dell'intestino, limitando l'insorgenza di potenziali complicanze.


2 .L'INDOMETACINA NEL TRATTAMENTO DELL'EMICRANIA E DELLA CEFALEA
CNS Drugs. 2011 Apr;25(4):343-58.

Indomethacin/prochlorperazine/caffeine: a review of its use in the acute treatment of migraine and in the treatment of episodic tension-type headache.

Hoy SM, Scott LJ.


Recente studio che dimostra come l'assunzione di indometacina, insieme a quella di proclorperazina e caffeina, possa rappresentare una valida opzione terapeutica nel trattamento dell'emicrania acuta e della cefalea di tipo tensivo.


3. L'INDOMETACINA NELLA PRATICA ORTOPEDICA
Strahlenther Onkol. 2009 Aug;185(8):500-5. Epub 2009 Aug 4.

Combined radiotherapy and indomethacin for the prevention of heterotopic ossification after total hip arthroplasty.

Pakos EE, Stafilas KS, Tsekeris PG, Politis AN, Mitsionis G, Xenakis TA.


Studio che dimostra come il trattamento combinato di radioterapia e indometacina possa risultare più efficace nel prevenire l'ossificazione eterotopica, come complicanza dell'intervento chirurgico di protesi totale dell'anca.

Modalità d'uso e posologia

LIOMETACEN ®
Polvere e solvente per soluzione iniettabile da 25 - 50 mg di indometacina.
Il trattamento degli stati dolorosi acuti prevede uno schema posologico costituito da una fase di attacco caratterizzata dalla somministrazione intramuscolare profonda di 1 o 2 fiale di LIOMETACEN ® al giorno, a seconda delle indicazioni mediche e della gravità del quadro patologico.
L'inoculazione intramuscolare dovrebbe realizzarsi preferibilmente al livello del quadrante supero-esterno del gluteo.
L'utilizzo di LIOMETACEN ® per via endovenosa è indicata esclusivamente nella pratica ospedaliera.

Avvertenze LIOMETACEN ® Indometacina

L'utilizzo di LIOMETACEN ® deve necessariamente avvenire sotto stretto controllo medico, visti i numerosi effetti collaterali legati alla terapia sistemica con farmaci antinfiammatori non steroidei.
Al fine di limitare l'incidenza delle possibili reazioni avverse, sarebbe indicato iniziare il trattamento con la minima dose efficace, limitando per il minor tempo possibile l'assunzione del medicinale.
Particolare cautela deve essere riservata a pazienti atopici, affetti da patologie epatiche, renali, gastro-intestinali e cardiovascolari, data la capacità dell'indometacina di aggravare il decorso clinico di quadri patologici già presenti oltre che aumentare l'incidenza di nuovi eventi avversi.
Qualora dovessero comparire reazioni inattese o eventuali esacerbazioni delle patologie già presenti, il paziente, dopo aver contattato il proprio medico, dovrebbe valutare l'eventualità di sospendere la terapia in corso.
La presenza in LIOMETACEN ® di eccipienti con potere allergizzante, potrebbe aumentare l'incidenza di effetti collaterali legati a reazioni di ipersensibilità in soggetti predisposti, soprattutto durante il primo mese di trattamento.


GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO

Differenti studi dimostrano come l'assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei come l'indometacina durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, possa determinare un sensibile aumento del rischio di malformazioni fetali, con alterazioni talmente significative a carico della funzionalità renale e cardiopolmonare, da indurre aborti spontanei.
Agli effetti collaterali fetali si aggiungerebbero inoltre quelli a carico della madre, caratterizzati da un aumentato rischio di emorragia e da complicanze al momento del parto, legate alla riduzione della frequenza e dell'intensità delle contrazioni uterine.

Interazioni

Durante la terapia con indometacina è necessario considerare tutte le possibili interazioni farmacologiche in grado di alterare il normale profilo farmacocinetico del principio attivo, variandone sia l'efficacia terapeutica che il profilo di sicurezza.
Per questo motivo sarebbe necessario evitare la contestuale assunzione di indometacina con :

Controindicazioni LIOMETACEN ® Indometacina

L'assunzione di LIOMETACEN ® è controindicata in caso di ipersensibilità al principio attivo o ad uno dei suoi eccipienti, ipersensibilità all'acido acetilsalicilico ed altri analgesici, poliposi nasale, asma, broncospasmo, angioedema, ulcera peptica, anamnesi positiva per sanguinamenti intestinali, colite ulcerosa, morbo di Crohn o storia pregressa per le stesse patologie, sanguinamento cerebrovascolare, diatesi emorragica o concomitante terapia anticoagulante, insufficienza renale ed insufficienza epatica.

Effetti indesiderati - Effetti collaterali

L'indometacina condivide con tutti gli altri farmaci antinfiammatori non steroidei gli stessi effetti collaterali, che rappresentano al momento una delle principali complicanze associate alla terapia sistemica con FANS.
Più precisamente l'utilizzo prolungato nel tempo o effettuato a dosaggi particolarmente elevati di indometacina, potrebbe determinare la comparsa di nausea, costipazione, diarrea, dolori epigastrici, gastriti, ulcere e nei casi più gravi emorragie, epatotossicità ed insufficienza epatica, edema polmonare e dispnea, ipertensione, vasodilatazione, incremento degli accidenti cerebro e cardiovascolari, angioedema, rash, aumentata sudorazione, orticaria e reazioni bollose, alterazioni della funzionalità renale, cefalea, capogiri, vertigini, ipercinesia e alterazioni del gusto.
Alle suddette reazioni avverse è doveroso aggiungere quelle derivate da possibili reazioni di ipersensibilità al farmaco o ad uno dei suoi eccipienti, data la via di somministrazione enterale.

Note

LIOMETACEN ® è vendibile solo previa prescrizione medica.


Le informazioni su LIOMETACEN ® Indometacina pubblicate in questa pagina possono risultare non aggiornate o incomplete. Per un uso corretto di tali informazioni, consulta la pagina Disclaimer e informazioni utili.



Ultima modifica dell'articolo: 08/12/2016