LANTUS ® - Insulina glargine

LANTUS ® un farmaco a base di insulina glargine.

GRUPPO TERAPEUTICO: Insulina glargine per uso iniettabile – insuline ed analoghi.


LANTUS ® - Insulina glargine Indicazioni
Meccanismo d'azione
Studi svolti ed efficacia clinica
Modalità d'uso e posologia
Avvertenze GRAVIDANZA e ALLATTAMENTO
Interazioni
Controindicazioni
Effetti indesiderati

Indicazioni LANTUS ® - Insulina glargine

LANTUS ® è un medicinale utile al trattamento del diabete mellito nei casi in cui si necessita della terapia insulinica.

Meccanismo d'azione LANTUS ® - Insulina glargine

LANTUS ® è un farmaco a base di insulina glargine, analogo dell'insulina caratterizzato dalla più lunga durata d'azione che permette al paziente diabetico di assumere il farmaco solamente una volta al giorno (rappresenta infatti quella che comunemente viene definita insulina basale).
La lunga durata d'azione, mediatamente di circa 20 ore, è garantita dalla bassa solubilità di questa variante a pH fisiologico, che consente al farmaco di formare dei microprecipitati nel tessuto sottocutaneo utili a garantire un graduale rilascio dell'ormone in circolo, evitando secondo studi di farmacocinetica, la comparsa di picchi ematici potenzialmente pericolosi.
Se la caratteristica fondamentale di questa formulazione è rappresentata dalle proprietà farmacocinetiche è opportuno ricordare come il meccanismo d'azione rimanga identico a quello dell'ormone endogeno, agendo, attraverso recettori specifici, su tessuti insulino sensibili aumentando captazione e utilizzazione del glucosio ematico.
Oltre all'effetto modulante sul metabolismo muscolare (induzione glicogeno sintesi e sintesi proteica) e sul tessuto adiposo (inibizione lipolisi e induzione litogenesi), l'insulina può agire in maniera minore anche su altri tessuti insulino sensibili come la ghiandola mammaria e su organi metabolicamente fondamentali come il fegato, inibendo processi quali la glicogenolisi e la gluconeogenesi responsabili in  gran parte della produzione endogena di glucosio.

Studi svolti ed efficacia clinica

1. INSULINA GLARGINE E DIABETE DI TIPO II

Diabetes Obes Metab. 2011 Apr 11.

An analysis of early insulin glargine added to metformin with or without sulfonylurea: impact on glycemic control and hypoglycemia.

Fonseca V, Gill J, Zhou R, Leahy J.


L'insulina glargine, data la sua elevata durata d'azione e l'assenza di picchi ematici, si dispone molto bene al trattamento del diabete di tipo II non adeguatamente compensato con ipoglicemizzanti orali. In questo studio che elabora i dati di differenti trial clinici, si evidenzia come l'aggiunta di insulina glargine alla terapia con metformina orale possa aumentare sensibilmente l'efficacia  e la sicurezza della terapia.


2. INSULINA GLARGINE E CONTROLLO GLICEMICO IN ETA' PEDIATRICA

Pediatr Diabetes. 2011 Mar 28.

Lower HbA1c after 1 year, in children with type 1 diabetes treated with insulin glargine vs. NPH insulin from diagnosis: a retrospective study.

Salemyr J, Bang P, Ortqvist E.


Studio interessante condotto su pazienti diabetici di 6 anni, ha dimostrato come la terapia con insulina glargine possa garantire già in un periodo di circa 5 mesi, una significativa riduzione dei valori di emoglobina glicata  rispetto altre insuline, a fronte di una minor necessità di insulina stessa.


3. INSULINA GLARGINE IN GRAVIDANZA

Ann Pharmacother. 2011 Jan;45(1):9-16.

Safety of insulin glargine use in pregnancy: a systematic review and meta-analysis.

Pollex E, Moretti ME, Koren G, Feig DS.


La terapia basale con insulina nel diabete gestazionale, rappresenta sicuramente una delle scelte terapeutiche più opportune. I primi studi e trial clinici a riguardano sostengono la sicurezza dell'insulina glargine sulla salute del feto, non evidenziando effetti collaterali ne sullo sviluppo fetale ne sulle condizioni di salute della gestante.

Modalità d'uso e posologia

LANTUS ® 100 UI/ml di insulina glargine : 5 cartucce da 3 ml, 1 flacone da 10 ml o 5 penne monouso da 3 ml preriempite:  
al contrario delle insuline pre-prandiali, l'insulina glargine, grazie alla sua lunga durata d'azione, può essere somministrata una sola volta al giorno, tutti i giorni allo stesso orario per via sottocutanea.
Il dosaggio preciso dovrebbe essere stabilito dal medico in base alle caratteristiche fisio-patologiche del paziente e al suo quadro clinico, considerando inoltre che potrebbe essere associata ad altri tipi di insulina..

Avvertenze LANTUS ® - Insulina glargine

Il trattamento con LANTUS ® dovrebbe essere affiancato da un monitoraggio periodico dei valori glicemici , utile a valutare l'efficacia della terapia e ad impostare eventuali adeguamenti del dosaggio per evitare l'insorgenza di crisi ipoglicemiche.
E' per questo importante che il paziente venga istruito sulle corrette modalità d'assunzione e di conservazione e sui potenziali rischi, in maniera da riconoscere tempestivamente i primi segni di ipoglicemia e le condizioni in grado di mascherarli.
Per ottimizzare al massimo la terapia insulinica è necessario che il paziente segua un regime dietetico equilibrato ed uno stile di vita sano.
In caso di sospensione della terapia, variazione del farmaco, patologie renali, malattie infettive è fondamentale la supervisione medica per adattare nella maniera migliore la nuova terapia preservando lo stato di salute del paziente e l'efficacia della cura stessa.
Episodi di ipoglicemia spesso si accompagnano ad una riduzione delle capacità reattive e percettive del paziente, rendendo pericoloso l'uso di macchinari e la guida di autoveicoli.

 

GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO

Al momento non esistono dati clinici particolarmente significativi utili a chiarire il profilo di sicurezza dell'insulina glargine sulla salute del feto e della madre, quando assunta in gravidanza, seppur differenti lavori sembrano concordare sulla sua buona tollerabilità.
E' tuttavia importante ricordare che l'insulina rappresenta il farmaco di prima scelta per il trattamento del diabete gestazionale.

Interazioni

L'insulina glargine al pari degli altri analoghi dell'insulina può interagire con ipoglicemizzanti orali, octreotide, anti-MAO, agenti beta bloccanti, ACE inibitori, salicilati, alcool e steroidi anabolizzanti, potenziando il suo effetto ipoglicemizzante e aumentando il rischio di ipoglicemia.
Al contrario la concomitante assunzione di contraccettivi orali, tiazidi, glucorticoidi, ormoni tiroidei e simpaticomimetici potrebbe ridurre l'effetto terapeutico di questo medicinale, richiedendo un ulteriore adeguamento del dosaggio.
E' tuttavia da ricordare come simpaticolitici possano mascherare alcuni segni importanti dell'ipoglicemia aumentando il rischio di reazioni gravi.

Controindicazioni LANTUS ® - Insulina glargine

LANTUS ® controindicato in caso di ipoglicemia e ipersensibilità all'insulina umana o suoi eccipienti.

Effetti indesiderati - Effetti collaterali

La terapia con insulina espone il paziente a potenziali effetti collaterali sia confinati al punto di iniezione sia sistemici.
La somministrazione sottocutanea di insulina infatti potrebbe determinare in sede di iniezione rossore, dolore e prurito transitori, mentre casi di lipoatrofia, seppur piuttosto rari, si sono osservati in pazienti che non ruotavano sistematicamente la regione di  inoculazione.
La terapia continuata è stata in alcuni casi associata alla comparsa di anticorpi antinsulina, seppur le recenti formulazioni hanno ridotto sensibilmente la carica immunogenica di questo ormone, e ad ipersensibilità con : dispnea, difficoltà respiratorie, edema e nei casi più gravi calo pressorio.
Come tutte le terapie ipoglicemizzanti, anche quella con LANTUS ® potrebbe essere accompagnata a casi di ipoglicemia che al momento rimane l'effetto collaterale più frequente.
Decisamente rari sono state altre reazioni a carico del sistema nervoso, visivo, muscolare o ematologico.

Note

LANTUS ® vendibile solo sotto prescrizione medica.
LANTUS ® rientra nella classe dopante : Ormoni e sostanze correlate ( proibiti in e fuori gara)