LANSOPRAZOLO EG ® Lansoprazolo

LANSOPRAZOLO EG ® è un farmaco a base lansoprazolo.

GRUPPO TERAPEUTICO: Antireflusso – Antiulcera-Inibitori della pompa protonica.

LANSOPRAZOLO EG ®  Lansoprazolo Indicazioni
Meccanismo d'azione
Studi svolti ed efficacia clinica
Modalità d'uso e posologia
Avvertenze GRAVIDANZA e ALLATTAMENTO
Interazioni
Controindicazioni
Effetti indesiderati

Indicazioni LANSOPRAZOLO EG ® Lansoprazolo

LANSOPRAZOLO EG ® è indicato nel trattamento di tutti quelli stati morbosi caratterizzati da aumentata acidità gastrica, come ulcera duodenale e gastrica, esofagite da reflusso, sindrome di Zollinger-Ellison, malattia sintomatica da reflusso gastro-esofageo e ulcere associate a terapia prolungata con farmaci antinfiammatori non steroidei.
Questo medicinale,in combinazione con un antibiotico è utile anche nel trattamento eradicante dell'Helicobacter Pylori.

Meccanismo d'azione LANSOPRAZOLO EG ® Lansoprazolo

Il lansoprazolo, contenuto in LANSOPRAZOLO EG ® è un altro principio attivo appartenente alla famiglia degli inibitori della pompa protonica.
La sua azione terapeutica si deve alla capacità di inibire selettivamente la pompa H+/K+ ATPasi espressa dalle cellule parietali dello stomaco, coinvolta nella secrezione acida del lumen intragastrico, che si traduce in una riduzione del contenuto acido dello stomaco di circa l'80% sia in condizioni basali che sotto stimolazione.
Il medicinale raggiunge la sua massima efficacia dopo circa 7 giorni, quando la capacità inibente raggiunge valori anche superiori al 80%.
Rispetto suoi predecessori come l'omeprazolo,il lansoprazolo risulta migliorato dal punto di vista farmacocinetico, raggiungendo una biodisponibilità di circa 80 / 90 % della totale dose assunta, con un picco massimo plasmatico che si osserva entro 120 minuti dall'assunzione.
In seguito ad un metabolismo epatico, più precisamente idrossilazione e solfatazione, sostenuti in parte dalle isoforme CYP2C19 e CYP3A4 del citocromo p450, i suoi metaboliti vengono eliminati prevalentemente attraverse le urine.

Studi svolti ed efficacia clinica

1. BMI, REFLUSSO GASTROESOFAGEO E INIBITORI DELLA POMPA PROTONICA

Gut. 2010 Dec 15.

BMI is superior to symptoms in predicting response to proton pump inhibitor: randomised trial in patients with upper gastrointestinal symptoms and normal endoscopy.

Fletcher J, Derakhshan MH, Jones GR, Wirz AA, McColl KE.


In molti pazienti privi di infezioni da H.Pylori o alte patologie, si riscontra un alterata funzionalità dello sfintere esofageo inferiore,coinvolto nella genesi della malattia da reflusso gastroesofageo. In questi pazienti si è notato come l'indice di massa corporeo non solo risultasse associato alla maggior incidenza di reflusso ma anche alla differente risposta terapeutica agli inibitori della pompa protonica, divenendo quindi importante come fattore predittivo dello sviluppo della patologia e della possibile efficacia terapeutica.


2. LANSOPRAZOLO E BRUCIORI DI STOMACO

Postgrad Med. 2009 Jul;121(4):67-75.

Lansoprazole 15 mg once daily for 14 days is effective for treatment of frequent heartburn: results of 2 randomized, placebo-controlled, double-blind studies.

Kushner PR, Snoddy AM, Gilderman L, Peura DA.


Il bruciore di stomaco è una dei sintomi più frequenti nella popolazione occidentale, e non sempre associato ad una specifica patologia. Tra i diversi trattamenti terapeutici, quello con 15 mg di lansoprazolo giornalieri per 14 settimane, sembra essere il più efficace e meglio tollerato, garantendo una risposta pronta e duratura.


3. UN NUOVO APPROCCIO TERAPEUTICO ALLA GASTRITE

Helicobacter. 2010 Oct;15(5):449-59.

Short-term therapy with celecoxib and lansoprazole modulates Th1/ Th2 immune response in human gastric mucosa.

Larussa T, Suraci E, Leone I, Nazionale I, Abenavoli L, Galasso O, Amorosi A, Imeneo M, Luzza F.


La gastrite è un infiammazione della mucosa gastrica, molte volte caratterizzata da un decorso progressivo, e non sempre correlata ad un nesso eziologico evidente. Nuovi approcci terapeutici hanno dimostrato come la concomitante somministrazione di lansoprazolo e inibitori selettivi delle COX2, possa migliorare sensibilmente la gastrite, modulando l'attivazione linfocitaria.

Modalità d'uso e posologia

LANSOPRAZOLO EG ® capsule rigide gastroresistenti da 15 – 30 mg di lansoprazolo :
il dosaggio più utilizzato nella pratica clinica, è quello di 30 mg giornalieri,assunti preferibilmente la mattina con un bicchiere di acqua.
L'azione terapeutica dovrebbe concludersi entro le 4 settimane, seppur, sotto stretta indicazione medica,e in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi terapeutici, si potrebbe prolungare la terapia fino anche ad 8 settimane.
Dosaggi differenti, più bassi nel trattamento dell'reflusso gastroesofageo, più alti nel trattamento della sindrome di Zollinger-Ellison, dovrebbero essere valutati in corso di terapia.
Qualsiasi adattamento del dosaggio utilizzato, dovrebbe essere deciso dal medico competente, dopo un'attenta valutazione delle condizioni fisio-patologiche del paziente.

Avvertenze LANSOPRAZOLO EG ® Lansoprazolo

Prima di assumere LANSOPRAZOLO EG ® sarebbe opportuno accertare l'origine delle patologie gastro-intestinali, affinchè la terapia con lansoprazolo, non mascheri segni e sintomi importanti per una corretta diagnosi, ritardando così l'intervento terapeutico.
Dato il metabolismo epatico e la secrezione renale di questo principio attivo, la sua assunzione dovrebbe avvenire con particolare cura, e sotto stretto controllo medico in pazienti con ridotta funzionalità renale ed epatica.
E' inoltre importante ricordare che la somministrazione prolungata di antiacidi e inibitori della pompa protonica, può esporre il paziente al rischio di infezioni da Salmonella e Campylobacter.
La presenza di saccarosio nel medicinale, potrebbe determinare la comparsa di affezioni del tratto gastro-intestinale in pazienti affetti da ridotta tolleranza al fruttosio, glucosio/galattosio o deficit enzimatico di maltasi, isomaltasi e saccarasi.
La comparsa di sonnolenza, cefalea, vertigini e capogiri potrebbe determinare una riduzione delle capacità percettive del paziente, rendendo pericoloso l'uso di macchinari e la guida di autoveicoli.


GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO

L'assenza di trial clinici e studi sperimentali che mostrino gli effetti del lansoprazolo, quando assunto in gravidanza, sulla salute del nascituro e della gestante, non permettono di stabilire il profilo di sicurezza del farmaco. Pertanto l'utilizzo di LANSOPRAZOLO EG ® è controindicato anche in gravidanza e nel successivo periodo di allattamento, vista la possibilità che il principio attivo venga secreto nel latte materno.

Interazioni

Il metabolismo del lansoprazolo, sostenuto da isoforme altamente reattive del citocromo p450, espone questo farmaco ad un elevato numero di possibili interazioni con altri principi attivi metabolizzati dallo stesso sistema.
Più precisamente farmaci come il ketoconazolo, itraconazolo, inibitori della proteasi, macrolidi e fluvoxamina possono determinare un sensibile incremento delle concentrazioni di lansoprazolo, aumentando il rischio di spiacevoli effetti collaterali.
Al contrario il lansoprazolo potrebbe determinare un alterazione delle proprietà farmacocinetiche di farfari, fenitoina e teofillina.
La concomitante assunzione di antiacidi e sucralfato potrebbe invece ridurre la biodisponibilità di lansoprazolo.

Controindicazioni LANSOPRAZOLO EG ® Lansoprazolo

Data la presenza di cross-reattività LANSOPRAZOLO EG ® è controindicato in caso di ipersensensibilità al principio attivo o ad altri inibitori della pompa protonica.

Effetti indesiderati - Effetti collaterali

La terapia con LANSOPRAZOLO EG ® si è dimostrata abbastanza sicura e ben tollerata, con effetti collaterali comuni quali nausea, diarrea, mal di stomaco, flatulenza e dispepsia, eczema, orticara, prurito, astenia, cefalea, sonnolenza e vertigini.
Reazioni collaterali clinicamente più rilevanti, con alterazioni della funzionalità epatica, renale, endocrina e neurologica si sono osservate raramente e soprattutto in particolari categorie di pazienti a rischio.
In ogni caso la sintomatologia tende alla regressione spontanea una volta sospesa la terapia.

Note

LANSOPRAZOLO EG ® è vendibile solo sotto prescrizione medica.