Comtan - entacapone

Informazioni su Comtan - entacapone fornite da EMEA

Che cos'è Comtan?

Comtan è un farmaco contenente il principio attivo entacapone, disponibile in compresse di colore bruno-arancio (200 mg).

Per che cosa si usa Comtan?

Comtan è indicato per il trattamento dei pazienti con morbo di Parkinson. Il morbo di Parkinson è un disturbo mentale progressivo che provoca tremore, lentezza nei movimenti e rigidità muscolare. Comtan è utilizzato in aggiunta a levodopa (una combinazione di levodopa e benserazide oppure una combinazione di levodopa e carbidopa) in caso il paziente accusi "fluttuazioni" verso la fine dell'intervallo di tempo tra la somministrazione di due dosi. Le fluttuazioni si verificano quando gli effetti del farmaco diminuiscono e riemergono i sintomi. Le fluttuazioni sono legate a una riduzione degli effetti di levodopa, per cui il paziente è sottoposto a improvvisi cambiamenti tra stato "on", in cui è in grado di muoversi, e stato "off", in cui ha difficoltà nel movimento. Comtan viene somministrato quando queste fluttuazioni non possono essere stabilizzate con la sola preparazione standard che contiene levodopa. Il medicinale può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica.

Come si usa Comtan ?

Comtan deve essere usato solo in associazione con levodopa e benserazide o con levodopa e carbidopa. La dose raccomandata è di una compressa assunta con ciascuna dose del farmaco associato, fino a un massimo di 10 compresse al giorno. Il medicinale può essere assunto a stomaco pieno o vuoto. Quando i pazienti iniziano ad assumere Comtan come terapia aggiuntiva al trattamento in corso, può essere necessario ridurre la dose giornaliera di levodopa prolungando l'intervallo tra le dosi oppure utilizzando una quantità inferiore di levodopa nelle dosi. Comtan può essere impiegato solo con preparazioni tradizionali di levodopa. Il medicinale non va somministrato insieme a preparazioni a "rilascio modificato" (ossia quando levodopa è rilasciata lentamente nell'arco di alcune ore).

Come agisce Comtan?

Nei pazienti affetti dal morbo di Parkinson, le cellule cerebrali che producono il neutrasmettitore dopamina cominciano a morire, con una conseguente diminuzione della concentrazion di questa sostanza nel cervello. I pazienti perdono quindi la capacità di controllare i propri movimenti in maniera affidabile. Il principio attivo in Comtan, entacapone, contribuisce a ripristinare i livelli di dopamina nelle aree del cervello responsabili del controllo del movimento e della coordinazione. Esso agisce solo se somministrato in associazione a levodopa, una copia del neutrasmettitore dopamina, che può essere assunta per bocca. Entacapone blocca un enzima coinvolto nell'assorbimento di levodopa nell'organismo denominato catecol-O-metil transferasi (COMT). Di conseguenza, la levodopa rimane attiva più a lungo, contribuendo a migliorare i sintomi del morbo di Parkinson, quali la rigidità e la lentezza nei movimenti.

Quali studi sono stati effettuati su Comtan?

Comtan è stato esaminato su un totale di 376 pazienti affetti dal morbo di Parkinson, nell'ambito di due studi della durata di sei mesi, che analizzavano gli effetti della somministrazione di Comtan o di placebo (trattamento fittizio) come terapia aggiuntiva rispetto alla preparazione di levodopa e carbidopa o di levodopa e benserazide già utilizzata dal paziente. Il principale indicatore dell'efficacia era il tempo trascorso in stato "on" (ossia il tempo in cui la levodopa controlla i sintomi del morbo di Parkinson) dopo la prima dose di levodopa del mattino nel primo studio e nell'arco di una giornata nel secondo studio.

Quali benefici ha mostrato Comtan nel corso degli studi?

In entrambi gli studi Comtan è risultato più efficace del placebo. Nel primo studio, l'aggiunta di Comtan alla terapia con levodopa ha prolungato il tempo in stato "on" di 1 ora e 18 minuti rispetto al placebo, mentre nel secondo studio l'intervallo in stato "on" è aumentato di 35 minuti rispetto a quello registrato con l'assunzione di placebo.

Quali sono i rischi associati a Comtan?

Gli effetti indesiderati più comuni di Comtan (osservati in 1-10 pazienti su 100) sono discinesia (movimenti involontari), nausea e colorazione innocua delle urine. Per l'elenco completo degli effetti indesiderati rilevati con Comtan, si rimanda al foglio illustrativo.
Comtan non deve essere utilizzato in soggetti che potrebbero essere ipersensibili (allergici) all'entacapone o a uno qualsiasi degli altri eccipienti. Comtan non deve essere utilizzato nei pazienti:

• patologie epatiche,
• affetti da feocromocitoma (un tumore della ghiandola surrenale);
• con una storia di sindrome neurolettica maligna (un grave disturbo del sistema nervoso causato normalmente da farmaci antipsicotici) o rabdomiolisi (rottura delle fibre muscolari);

Comtan non deve essere utilizzato contemporaneamente con altri farmaci appartenenti al gruppo degli "inibitori della monoaminoossidasi" (un tipo di antidepressivo). Per ulteriori dettagli, si rimanda al Riassunto delle caratteristiche del prodotto, compreso nell'EPAR.

Perché è stato approvato Comtan?

Il comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) ha deciso che i benefici di Comtan sono superiori ai suoi rischi in aggiunta alle preparazioni standard a base di levodopa/benserazide o levodopa/carbidopa per il trattamento dei pazienti con morbo di Parkinson che presentano fluttuazioni motorie giornaliere di "fine dose" e che non possono essere stabilizzati con le suddette combinazioni, e ha pertanto raccomandato il rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio del prodotto.

Altre informazioni su Comtan

Il 22 settembre 1998 la Commissione europea ha rilasciato alla Novartis Europharm un'autorizzazione all'immissione in commercio per Comtan, valida in tutta l'Unione europea. L'autorizzazione all'immissione in commercio è stata rinnovata il 22 settembre 2003 e il 22 settembre 2008.
Per la versione completa dell'EPAR di Comtan cliccare qui.

Ultimo aggiornamento di questa sintesi: 08-2008



ARTICOLI CORRELATI

Comtess - entacaponeCorbilta - levodopa, carbidopa, entacaponeEntacapone TevaLevodopa Carbidopa Entacapone OrionEntacapone su Wikipedia italianoEntacapone su Wikipedia ingleseFarmaci per la cura del Morbo di ParkinsonAmantadinaLeganto - rotigotinaTrattamento Farmacologico del morbo di ParkinsonAkineton - Foglietto IllustrativoAzilect - Foglietto IllustrativoExelon - Foglietto IllustrativoMadopar - Foglietto IllustrativoMirapexin - Foglietto IllustrativoNeupro - Foglietto IllustrativoNootropil - Foglietto IllustrativoRequip - Foglietto IllustrativoSinemet - Foglietto IllustrativoStalevo - Foglietto IllustrativoAzilect - rasagilinaDaTSCAN - ioflupaneEXELON - rivastigminaMADOPAR ® - Levodopa + Benserazide Mirapexin - pramipexoloNeupro - rotigotinaNimvastid - rivastigminaNumient - Levodopa/CarbidopaOprymea - pramipexolo basePramipexole Accord - PramipexoloPramipexole Teva - pramipexolo basePrometax - rivastigminaRasagiline ratiopharm - rasagilinaREQUIP ® - Ropinirolo Rivastigmina ActavisRivastigmina TevaRivastigmine 1 A PharmaRivastigmine HexalRivastigmine SandozSifrol - pramipexoloSINEMET ® - Melevodopa + Carbidopa SIRIO ® - Melevodopa + Carbidopa StalevoWakix - PitolisantWakix - PitolisantMorbo di ParkinsonMucuna - Proprietà Mucuna pruriensMorbo di Parkinson - I Sintomi della MalattiaCause del Morbo ParkinsonMorbo di Parkinson: i miti da sfatareAltri Sintomi del Morbo di ParkinsonDiagnosi del morbo di ParkinsonMorbo di Parkinson su Wikipedia italianoParkinson's disease su Wikipedia inglese