Farmaci per Curare le Smagliature

Definizione

Oltre alla cellulite, tra gli inestetismi cutanei più combattuti, le smagliature ricoprono sicuramente un ruolo da protagonista: nonostante sia una condizione quasi completamente femminile, anche gli uomini possono riscontrare smagliature sulla pelle. In particolare, questo disturbo estetico rimanda ad alterazioni lineari, atrofiche e circoscritte sulla cute, che interessano soprattutto i fianchi, il seno e la pancia.

Cause

Le smagliature sono la conseguenza più immediata di un letterale “stiramento” della pelle, che può essere causato, a sua volta, da più fattori:

Sintomi

Le smagliature sono un disturbo puramente estetico, che non comporta alcun sintomo di dolore: inizialmente sulla pelle si notano striature lineari o frastagliate, colorate di rosso o viola; successivamente, le linee diventano bianche o grigiastre.

Dieta

Le informazioni sui Farmaci per la cura delle Smagliature non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la cura delle Smagliature.

Farmaci

Come accade per moltissimi disturbi cutanei e patologie, la prevenzione delle smagliature costituisce la miglior cura: infatti, queste striature antiestetiche della pelle sono di difficile risoluzione. Ad ogni modo, nei casi più lievi, le smagliature tendono a regredire spontaneamente, senza necessità di cure o trattamenti.
Non esiste una terapia universalmente riconosciuta come efficace per la guarigione definitiva delle smagliature; ad ogni modo, esistono numerosissimi trattamenti, farmacologici e non, volti ad alleggerire il disturbo o coprire, almeno in parte, il problema.
Tra le tecniche alternative non farmacologiche, si ricordano:

  1. Microdermoabrasione (peeling profondo): la smagliatura viene sottoposta ad un'esfoliazione forzata mediante un getto veloce di microcristalli di alluminio. Utile per stimolare la rigenerazione della pelle che interessa la smagliatura.
  2. Ripigmentazione (indicato per le smagliature di vecchia data): consiste nella stimolazione della fisiologica sintesi di melanina. La tecnica si pone l'obiettivo di mascherare la smagliatura
  3. Laser-terapia: stimola la sintesi di fibre di collagene e di elastina tramite un fascio di luce pulsata direzionato direttamente verso la smagliatura
  4. Fototermolisi frazionata: viene stimolata la sintesi delle cellule, favorendo così la produzione di collagene ed elastina

L'applicazione di creme od unguenti direttamente nella zona interessata dalle smagliature risulta spesso utile per alleggerire il disturbo; inoltre, nelle donne in gravidanza, si consiglia di applicare sempre questa tipologia di prodotti, sin dai primi mesi di gestazione, per rendere più elastica la pelle e prevenire la formazione delle smagliature, fenomeno molto probabile negli ultimi mesi di gravidanza. 

 

Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia contro le smagliature, ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura:

  • Acido retinoico o tretinoina (es. Retin-A, Vesanoid): si tratta di un derivato acido della vitamina A, indicato per il trattamento delle smagliature dall'aspetto rosso-violaceo (smagliature recenti, comparse da non più di 6 settimane). Il farmaco è utile per ricostruire le fibre di collagene danneggiate nella smagliatura. Non assumere in gravidanza o durante l'allattamento: il farmaco è teratogeno, anche molto tempo dopo il termine del trattamento. Non utilizzare per le smagliature chiare: l'applicazione della crema risulterebbe inutile ai fini della guarigione. Il farmaco è assai utilizzato anche per la cura dell'acne.
  • Acido glicolico: rientra tra gli alfa-idrossiacidi indicati per il trattamento delle smagliature. Questa sostanza viene utilizzata in terapia per le sue note proprietà esfolianti ed antiossidanti: non a caso, i prodotti formulati con acido glicolico sono indicati per i peeling e per gli scrub. Inoltre, si osserva che l'acido glicolico è indicato anche per stimolare la sintesi delle fibre di collagene, che come sappiamo, nella smagliatura sono danneggiate. Moltissime creme antismagliature sono formulate con questa sostanza.

Farmaci “naturali” contro le smagliature


Abbiamo visto che le smagliature possono essere prevenute applicando regolarmente sulla pelle creme specifiche ad effetto elasticizzante e stimolante il microcircolo:

  • Echinacea (Echinacea purpurea, Echinacea pallida ed Echinacea angustifolia): il fitocomplesso, ricco di glicosidi fenilpropanoidici (echinacoside), acido cinnamico e glicosilati, protegge l'acido ialuronico dalla degradazione.
  • Equiseto (Equisetum arvense): l'equiseto si caratterizza anche per le sue proprietà terapeutiche abrasive: per questo motivo, viene utilizzato per il peeling, utile per rimuovere le cellule superficiali dell'epidermide. Così facendo, viene potenziata l'elasticità della pelle, prevenendo le smagliature.
  • Olio di mandorle dolci, burro di karitè: questi prodotti sono indicati per elasticizzare la pelle, stimolando la sintesi dei fibroblasti. L'applicazione regolare di creme sulla pancia, fin dai primi mesi di gravidanza, è consigliata per la prevenzione delle smagliature.
  • Olivello spinoso (Hippophae rhamnoides): l'applicazione di creme o di impacchi formulati con l'olivello spinoso è indicata nella prevenzione delle smagliature per le capacità capillarotrope, stimolanti il microcircolo ed antiperossidative.
  • Ippocastano (Aesculus hippocastanum): il marker della droga è l'escina, saponina dalle spiccate  capacità stimolanti il microcircolo: una crema formulata con questo principio attivo è indicata per aumentare la resistenza capillare e diminuire la permeabilità, elementi utili per la prevenzione delle smagliature.