Farmaci per la Sindrome delle Gambe Senza Riposo

Definizione

Si definisce "sindrome delle gambe senza riposo" (RLS) un complesso disturbo neurologico, tipico del sonno: il paziente affetto percepisce il desiderio costante di muovere gli arti inferiori per trovare sollievo e conforto. La sindrome RLS è un disturbo del sonno perché i Sintomi si manifestano soprattutto durante il riposo, e vengono attenuati dal movimento.

Cause

Non si conosce la precisa causa scatenante la sindrome delle gambe senza riposo; probabilmente, la malattia viene trasmessa geneticamente mediante un meccanismo autosomico dominante. Fattori di rischio: amiloidosi, artrite reumatoide, celiachia, diabete, carenza di folati, malattia di Lyme, malattie renali, Parkinson, uremia.

Sintomi

I sintomi che accompagnano la sindrome delle gambe senza riposo sono piuttosto difficili da definire: contrazioni notturne delle gambe, irrequietezza motoria, movimenti incontrollati delle gambe, necessità di muovere gli arti inferiori, prurito/solletico, formicolii alle gambe.


Le informazioni sui Farmaci per la cura della Sindrome delle Gambe Senza Riposo non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la cura della Sindrome delle Gambe Senza Riposo.

Farmaci

Il trattamento farmacologico per i pazienti affetti dalle forme lievi della sindrome delle gambe senza riposo può non essere necessario: infatti, i sintomi che accompagnano il disturbo possono risultare leggeri e sporadici, talvolta quasi impercettibili.
Discorso differente va affrontato per i pazienti affetti da forme medie o gravi della sindrome delle gambe senza riposo. Ricordiamo brevemente che la forma primaria di RLS non può essere curata alla radice perché geneticamente trasmessa, quindi non correlata ad alcuna causa precisa ed individuabile: in simili frangenti, la cura farmacologica risulta prettamente sintomatica.
La forma secondaria della sindrome può essere invece trattata dopo aver individuato la causa che vi si è posta alle origini. In tali circostanze, è doveroso riportare due differenti approcci terapici:

  1. I sintomi sono frequenti, e si manifestano nel soggetto almeno 3 notti a settimana → i farmaci per alleviare i sintomi devono essere assunti in modo continuativo.
  2. I sintomi della sindrome delle gambe senza riposo sono sporadici, e presentano remissioni spontanee della durata di settimane o mesi. Pur tuttavia, i sintomi - quando si manifestano - creano disagio al paziente → in tal caso, l'assunzione irregolare di farmaci specifici è giustificata.

Oltre alla somministrazione di farmaci, si consiglia la messa in atto di semplici accorgimenti:

  • Seguire corsi di rilassamento, yoga stretching
  • Praticare un'igiene del sonno
  • Evitare pasti pesanti e ricchi di grassi, soprattutto prima di dormire

Per approfondimenti: leggi l'articolo sui rimedi per la sindrome delle gambe senza riposo.


Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia contro la Sindrome Delle Gambe Senza Riposo, ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura:


Terapia marziale (somministrazione di farmaci contenenti ferro)
Indicata per curare la sindrome delle gambe senza riposo dipendente da una grave carenza di ferro. Particolarmente indicato è il Solfato ferroso (es. Ferrograd): la supplementazione di ferro va proseguita fintantoché i livelli sierici di ferritina superano i 20-50 mcg/L. Per favorire l'assorbimento del minerale, il farmaco può essere affiancato ad un integratore di vitamina C.


Acido folico e vitamina B12
La supplementazione di acido folico e di vitamina B12 risulta particolarmente utile per ridurre i sintomi della sindrome delle gambe senza riposo nelle gestanti.
Ricordiamo brevemente che le donne in gravidanza dovrebbero sempre integrare la propria alimentazione con una supplementazione di acido folico, indispensabile per proteggere il nascituro dalla spina bifida. In caso di predisposizione alla sindrome delle gambe senza riposo, le gestanti dovrebbero assumere quantità superiori di vitamina B9.
La posologia va attentamente stabilita dal medico.


Agonisti dopaminergici (farmaci agonisti della dopamina): i farmaci imitano gli effetti della dopamina, stimolando i neuroni a reagire. Gli agonisti dopaminergici sono i farmaci di prima scelta per la cura della sindrome delle gambe senza riposo.
Ricordiamo brevemente che la dopamina è una sostanza messaggera contenuta all'interno dei distretti cerebrali, utile per il controllo del movimento e della coordinazione. Anche nella sindrome delle gambe senza riposo, sembra che la dopamina giochi un ruolo da protagonista: il disordine neurologico può dipendere da alterazioni nel funzionamento della dopamina.

  • Rotigotina (es. Leganto, Neupro): reperibile sottoforma di cerotto trans-dermico a rilascio di 1, 2, 3, 4, 6 o 8 mg, la rotigotina è indicata per il trattamento della sindrome delle gambe senza riposo di moderata o grave entità, specie quando il disturbo non è apparentemente correlato ad alcuna causa specifica. Applicare il cerotto una volta al giorno, circa sempre alla medesima ora, su cute asciutta, pulita e sana. Si consiglia l'applicazione a livello di addome, cosce, spalle, fianchi o sulla parte superiore del braccio. Dopo 24 ore, il cerotto va rimosso, e sostituito con uno nuovo da applicare in un punto differente. Non superare i 3mg/24 ore.
  • Pramipexolo (es. Sifrol, mirapexin, pramipexole accord, pramipexole teva, oprymea). Il farmaco è reperibile in compresse a rilascio immediato. Per la sindrome delle gambe senza riposo si consiglia di assumere 0,088 mg (1 compressa) a rilascio immediato una volta al giorno. Se necessario, aumentare la dose ogni 4-7 gg, fino ad un massimo di 0,54 mg. Il farmaco è utilizzato in terapia anche per la cura del morbo di Parkinson
  • Carbidopa + levodopa (Levodopa/Carbidopa/Entacapone Orion): anche la combinazione di più principi attivi come carbidopa e levodopa può migliorare significativamente i sintomi della RLS. In genere, la posologia suggerita per la sindrome delle gambe senza riposo è di 25-100 mg/die, da assumere prima dell'inizio dei sintomi (prima di coricarsi per il riposo notturno). La posologia va comunque stabilita attentamente dal medico.
  • Ropinirolo (es. Requip): per la sindrome delle gambe senza riposo, assumere 0,25 mg di farmaco per via orale, una volta al giorno, 1-3 ore prima di coricarsi. Dopo 2 giorni, aumentare eventualmente la dose a 0,5 mg/die. Se necessario, la posologia può essere progressivamente aumentata di settimana in settimana, fino ad un massimo di 4 mg al giorno. Consultare il medico.

La terapia a lungo termine può indurre gravi effetti collaterali: allucinazioni, ipotensione, ritenzione idrica e sonnolenza; possibile anche la comparsa di comportamenti ossessivi-compulsivi come l'ipersessualità, il gioco d'azzardo ed il comportamento alimentare compulsivo.


Benzodiazepine: anche se efficaci, questi farmaci esercitano la propria attività terapeutica esclusivamente sui disturbi del sonno, non interagendo sulla causa principale.

  • Clonazepam (es. Rivotril): il farmaco è utilizzato in terapia per la sindrome delle gambe senza riposo; agisce elevando la soglia delle reazioni di risveglio, contrastando così i risvegli frequenti. La posologia va attentamente stabilita dal medico (in genere oscilla tra 0,5 e 2 mg, da assumere prima di coricarsi). Il clonazepam, per il suo profilo farmacocinetico, è la benzodiazepina più utilizzata in assoluto per la sindrome delle gambe senza riposo.

Oppiacei


Farmaci di seconda scelta per il trattamento della sindrome delle gambe senza riposo. Sono utilizzati in terapia quando i farmaci precedenti non sono efficaci per ridurne i sintomi.

La posologia dei farmaci riportati va stabilita dal medico sulla base della gravità del disturbo.
I farmaci possono indurre dipendenza.


Farmaci antiepilettici


Per la sindrome delle gambe senza riposo, i farmaci antiepilettici devono essere utilizzati a bassi dosaggi.

  • Gabapentin (es. Gabapentin, Apentin, Gabexine, Neurontin): il farmaco (utilizzato anche per la cura delle convulsioni) va assunto per os, una volta al giorno, alla posologia di 600 mg. Assunto alle 5.00 del mattino, il farmaco esercita eccellentemente la propria azione terapeutica nel ridurre i sintomi motori. Ricordiamo, infatti, che la sindrome delle gambe senza riposo sembra seguire ritmi circadiani ben precisi.
« 1 2 3 4 5 »


Ultima modifica dell'articolo: 02/09/2016