Farmaci per Eliminare i Pidocchi

Definizione

I pidocchi sono insetti parassiti che si nutrono del sangue degli individui che infestano (i cosiddetti "ospiti").
Le specie di pidocchi che infestano l'uomo sono essenzialmente tre:

  • Pediculus humanus corporis (o Pediculus humanus humanus, pidocchio del corpo o degli abiti),
  • Pediculus humanus capitis (pidocchio del cuoio capelluto o del capo)
  • il Phthirus pubis (pidocchio del pube, conosciuto volgarmente anche come "piattola").

Le infestazioni da pidocchio prendono il nome di "pediculosi".

Cause

L'infestazione da pidocchi è molto comune in condizioni di scarsa igiene e di sovraffollamento. Il contagio avviene per contatto diretto (compresi i rapporti sessuali) con persone già infestate e/o tramite l'utilizzo promiscuo di oggetti personali (pettini, spazzole, cappelli, ecc.) appartenenti ad individui affetti da pediculosi.
I pidocchi del corpo si localizzano sui vestiti e si trasmettono attraverso l'uso di abiti e lenzuola contaminati.
Il pidocchio del pube, generalmente, si trasmette attraverso i rapporti sessuali, ma il contagio può avvenire anche in maniera indiretta, per esempio, attraverso peli rimasti su lenzuola, abiti, asciugamani o perfino sul sedile del WC. Inoltre, il pidocchio del pube - oltre alla zona inguinale e perianale - può infestare anche ciglia e sopracciglia.
Il pidocchio del cuoio capelluto, invece, vive sul capo localizzandosi nella zona della nuca e nelle zone dietro le orecchie e sulle tempie. Questo tipo di pidocchio è diffuso soprattutto nei bambini in età scolare.
I pidocchi più diffusi nel nostro paese sono proprio quelli del cuoio capelluto e del pube.

Sintomi

I pidocchi per nutrirsi del sangue dell'ospite ne pungono la cute iniettando così la loro saliva. La saliva rilasciata dalla puntura dell'insetto provoca piccole lesioni cutanee accompagnate da fastidio, irritazione e soprattutto un intenso, continuo e fastidioso prurito. Questo spinge l'ospite a grattarsi, favorendo così la comparsa di lesioni da grattamento. La formazione di queste lesioni può favorire l'insorgenza di sovrainfezioni batteriche che, a loro volta, possono causare follicoliti, foruncolosi e piaghe cutanee (questo fenomeno avviene soprattutto nelle infestazioni da pidocchi del corpo).
I sintomi della pediculosi variano in funzione del tipo e della sede dell'infestazione, ma prurito e irritazione sono comuni a tutte le forme di pediculosi.
Inoltre, il pidocchio degli abiti può essere vettore di agenti eziologici di gravi malattie infettive, quali la febbre delle trincee, la febbre ricorrente epidemica e il tifo esantematico. Tuttavia, queste patologie sono diffuse perlopiù nei paesi sottosviluppati in cui le condizioni igieniche sono decisamente scarse.


Le informazioni sui Farmaci per Eliminare i Pidocchi non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per Eliminare i Pidocchi.

Farmaci

I farmaci che vengono utilizzati per la cura dei pidocchi sono antiparassitari e insetticidi. Tali farmaci sono disponibili sotto forma di lozioni, gel, creme, schiume o shampoo da applicare sulla zona interessata dall'infestazione.


Per prevenire l'insorgenza di nuove infestazioni non è sufficiente l'utilizzo dei farmaci. Infatti, è necessario lavare tutti gli indumenti, gli asciugamani e le lenzuola ad alte temperature (non inferiori ai 60°C), utilizzando un normale detersivo, perborato di sodio o prodotti a base di piretroidi.

Pettini per i Pidocchi del Capo

Nel caso dei pidocchi del cuoio capelluto, un trattamento analogo a quello appena descritto deve essere effettuato per spazzole e pettini, che devono essere trattati con prodotti antiparassitari e acqua calda a 60-70°C per almeno 15 minuti.

Per il trattamento dei pidocchi del cuoio capelluto, inoltre, si possono utilizzare particolari pettini a denti molto stretti. Il pettine deve essere passato nei capelli umidi ed è in grado di rimuovere dai capelli sia le uova, sia i pidocchi adulti.
Sul mercato sono anche disponibili dei pettini elettrici che devono essere utilizzati sui capelli asciutti. Questi pettini emettono un suono quando incontrano un pidocchio adulto e lo uccidono attraverso una piccola scarica elettrica (non percepita dall'ospite). Di contro, i pettini elettrici non sono in grado di uccidere le uova (dette lendini), ma solamente gli esemplari adulti.
Tuttavia, l'utilizzo del solo pettine non è efficace nell'eliminare completamente l'infestazione, perciò deve essere affiancato da un'adeguata terapia con farmaci antiparassitari o insetticidi.


Farmaci Pidocchi

Di seguito sono riportati i farmaci maggiormente impiegati nella terapia contro i pidocchi (sia del capo, che del pube e del corpo) ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura.

Piretroidi sintetici

I piretroidi sono molecole di origine sintetica aventi struttura chimica analoga a quella del piretro, un insetticida naturale che si estrae da alcune piante appartenenti alla famiglia delle Asteraceae. Questi farmaci sono disponibili sotto forma di shampoo, schiuma cutanea, polvere, gel, emulsione cutanea e lozione.
Fra i piretroidi maggiormente utilizzati, troviamo:

  • Permetrina (Nix ®, B-Jen ®): la permetrina è facilmente reperibile in diverse formulazioni (shampoo, emulsione cutanea).
    Quando la permetrina è utilizzata sotto forma di emulsione cutanea, se ne consiglia l'applicazione sul cuoio capelluto e sui capelli umidi per circa 10 minuti, al termine dei quali i capelli devono essere accuratamente risciacquati ed asciugati. Nella maggior parte dei casi, per eliminare pidocchi e uova è sufficiente un solo trattamento.
    Inoltre, sono disponibili anche spray a base di permetrina che possono essere utilizzati su indumenti e tessuti appena prima del lavaggio in lavatrice.
  • D-fenotrina (Mediker a.p. ®, Neo Mom ® shampoo, Mom ® gel): anche la D-fenotrina è disponibile in diverse formulazioni (shampoo e gel). Quando si utilizza lo shampoo a base di D-fenotrina, si consiglia di applicare circa 30 grammi di prodotto sui capelli umidi e di massaggiare e frizionare il cuoio capelluto per 3-5 minuti, dopodiché si deve risciacquare con cura e l'operazione va ripetuta una seconda volta. Generalmente, è sufficiente un singolo trattamento per porre fine all'infestazione, ma a scopo preventivo il trattamento può essere ripetuto a distanza di qualche giorno.
    La D-fenotrina, inoltre, è disponibile anche in associazione a tetrametrina (un altro piretroide sintetico) sotto forma di shampoo o polvere.
  • Bioalletrina (Cruzzy ® shampoo, Cruzzy ® lozione): la bioalletrina è disponibile sotto forma di shampoo e di lozione. Il prodotto deve essere applicato sui capelli, lasciato agire per qualche minuto e poi adeguatamente risciacquato.

Altri Farmaci contro i Pidocchi

  • Malathion (Aftir ®): il malathion è un insetticida organofosfato molto efficace che presenta una bassa tossicità per l'uomo, per questo è ampiamente utilizzato nella cura dei pidocchi del capo e del pube. Si trova perlopiù sotto forma di gel o shampoo. Quando si utilizza la formulazione in gel, si consiglia di applicare il prodotto sui capelli o sui peli asciutti con l'ausilio di un pettine e di lasciare agire dieci minuti. Dopodiché si può procedere al risciacquo e all'eliminazione delle uova e degli insetti morti con l'utilizzo di un pettine a denti fitti.
  • Ivermectina: l'ivermectina è un farmaco antiparassitario ad ampio spettro, utilizzato sia nell'uomo, sia in campo veterinario.
    Per la cura dei pidocchi, l'ivermectina è disponibile in compresse per la somministrazione orale, oppure sotto forma di lozione per uso cutaneo che deve essere applicata sui capelli asciutti per circa dieci minuti.
    L'ivermectina, tuttavia, non è un farmaco di prima scelta per la cura dei pidocchi. Il suo utilizzo, infatti, deve essere riservato al trattamento d'infestazioni particolarmente invasive e/o che non rispondono ad altri trattamenti.
« 1 2 3 4 5


Ultima modifica dell'articolo: 02/09/2016