Farmaci per Curare la nefrite

Definizione

La nefrite è un'infiammazione a carico del rene: quando la flogosi coinvolge il glomerulo renale, si parla più precisamente di glomerulo-nefrite, che decorre in modo acuto o cronico. La pielonefrite è invece un'infiammazione che interessa la pelvi e il parenchima renale.

Cause

In base alla causa scatenante, si distinguono varie forme di nefrite. La patologia infiammatoria può essere causata da: processi autoimmuni (lupus, nefropatia da IgA), assunzione di farmaci (in particolare FANS), malattie renali/sistemiche (es. diabete, ipertensione), infezioni da HIV/AIDS, stafilococchi o streptococchi.

Sintomi

Nonostante le forme di nefrite siano molteplici, i sintomi clinici maggiormente ricorrenti sono pressoché gli stessi: edema, ematuria, insufficienza renale, oliguriaipercolesterolemia, ipertensione, proteinuria, sindrome nefrosica, urine scure/torbide.


Le informazioni sui Farmaci per la cura della Nefrite non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la cura della Nefrite.

Farmaci

La terapia della nefrite dev'essere stabilita in base alla causa scatenante; di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente utilizzate per curare la malattia infiammatoria renale:

 

Corticosteroidi: in caso di nefropatia da IgA, utili per bloccare l'infiammazione:

  • Prednisone (es. es. Deltacortene, Lodotra) per os, assumere inizialmente 2 mg/kg/die, in dosi frazionate, 3-4 volte al dì per un massimo di 28 giorni. Successivamente, somministrare 1-1,5 mg/kg al dì, a giorni alterni per 4 settimane. Posologia di mantenimento per la prevenzione delle recidive: 0,5-1 mg/kg al dì (somministrazione del farmaco a giorni alterni, per 3-6 mesi).
  • Prednisolone (es. Solprene, Deltamidrina). Iniziare la terapia con una dose di 2mg/kg al giorno per tre giorni consecutivi (max. 28 gg); proseguire la cura con 1,5 mg/kg al dì, per un mese. Posologia di mantenimento: assumere 0,5-1 mg/kg al dì a giorni alterni per 3-6 mesi, secondo quanto indicato dal medico.
  • Metilprednisolone (es. Solu-medrol, Advantan, Depo-Medrol, Medrol, Urbason) consigliato in caso di nefrite da lupus eritematoso. Somministrare fino ad 1 grammo di principio attivo al giorno per via endovenosa per 3 giorni consecutivi, al fine di alleviare la sintomatologia infiammatoria renale. Generalmente, dopo questo breve periodo, viene prescritto un farmaco in grado di modificare il decorso della malattia nel lungo termine; ad esempio la ciclofosfamide (immunosoppressore) in dosi di 0,5-1 g/ m2 ogni 3-4 settimane per 6 mesi (indicata per la nefrite lupica).

ACE-inibitori: utili per controllare la proteinuria e prevenire la complicanza più temibile, l'insufficienza renale cronica. In corso di glomerulonefrite attiva, si raccomanda la somministrazione di ACE-inibitori al fine di diminuire la spinta pressoria a carico dei glomeruli danneggiati dalla malattia. Particolarmente indicati per curare la nefrite lupica:

  • Benazepril (es. Benazepril + HCT, Zinadiur, Cibacen) si raccomanda di iniziare la terapia con somministrando 10 mg al dì per os, in una singola assunzione. Ridurre la posologia a 5 mg/die  in caso di diabete. Nella terapia di mantenimento, si consiglia una dose pari a 20-40 mg al dì, frazionata in 2 dosi. La posologia può essere aumentata ogni 3 giorni, secondo quanto indicato dal medico curante.
  • Captopril (es. Aceplus, Capoten, Captoril, Lopirin): si raccomanda di assumere 25 mg per os di farmaco tre volte al giorno. La terapia va protratta per lunghi periodi, secondo quanto indicato dal medico. Il farmaco viene utilizzato generalmente in caso di nefrite diabetica.
  • Lisinopril (es. Zestril, Ensor, Lisinopril) indicato nel trattamento di alcune complicanze diabetiche, come ad esempio la nefropatia diabetica. In genere, il farmaco dev'essere assunto per os alla posologia di 20mg al dì. La durata del trattamento va stabilita dal medico.

Immunosoppressori

  • Ciclofosfamide (es. Endoxan baxter, flacone o compresse): si raccomanda la somministrazione orale di questo agente alchilante alla posologia di 2,5-3 mg/kg al dì, per un periodo variabile dai 60 ai 90 giorni.
  • Tacrolimus (es. Tacrolimus ACC, Advagraf, Modigraf). Per il trattamento della glomerulopatia con lesioni minime (tipica dei bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni). Il dosaggio e la durata del trattamento devono essere stabiliti dal medico.
  • Ciclosporina A (es. Sandimmun Neoral), farmaco immunosoppressore ed antibiotico: in genere viene raccomandata la somministrazione del farmaco alla posologia di 4-6 mg/kg al dì per 4 mesi, salvo ulteriori indicazioni del medico. Particolarmente indicato in caso di glomerulo-nefrite membranosa.
  • Azatioprina (es. Azatioprina, Immunoprin, Azafor): indicato in caso di nefrite da lupus eritematoso. Assumere il farmaco alla posologia di 1-3 mg/kg al giorno per os o per via endovenosa, secondo quanto indicato dal medico.

Antibiotici: questi farmaci sono indicati in caso di nefropatia infettiva e devono essere prescritti dal medico in funzione del battere responsabile dell'infiammazione nefritica.

 


Ultima modifica dell'articolo: 02/09/2016