Farmaci per la cura dell'Herpes Labiale

Herpes Labiale: definizione

L'herpes labiale è una patologia infettiva e contagiosa caratterizzata dalla comparsa di piccole vescichette fastidiose e pruriginose sulla cute e sulle mucose della zona delle labbra: l'infezione erpetica può degenerare e propagarsi anche su guance e palato. Il ceppo virale responsabile è l'Herpes simplex (HVS-I).

Herpes Labiale: cause

L'infezione labiale causata dall'Herpes simplex di tipo I è favorita da più fattori: assunzione prolungata di antibiotici, calo delle difese immunitarie, eccessiva esposizione solare, malattie infettive, stress e variazioni ormonali (es. ciclo mestruale, gravidanza). Si è osservato che lo stress incide pesantemente sulla manifestazione dell'infezione erpetiforme, visto che indebolisce le difese immunitarie del soggetto rendendolo più sensibile al virus.


Herpes Labiale: sintomi

Spia accesa della manifestazione di Herpes labiale è la tipica percezione di calore, fastidio e tensione nel contorno labbra: successivamente, l'infezione prosegue con la comparsa - sulla pelle e sulla mucosa delle labbra -  di bollicine rondeggianti biancastre e ripiene di liquido, che tendono ad asciugare in 5-7 giorni.

Herpes Labiale: cure naturali

Herpes Simplex: dieta

Le informazioni sui Farmaci per la cura dell'Herpes Labiale non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la cura dell'Herpes Labiale.

Herpes Labiale: farmaci

Proprio come l'Herpes genitale, anche l'Herpes labiale, quando infetta l'uomo per la prima volta, non può più essere eradicato definitivamente: infatti, questi virus tendono a nascondersi nelle terminazioni nervose per poi ripresentarsi qualora si istaurino le condizioni ideali. Talvolta, dopo il primo contagio, il virus dell'Herpes labiale può rimanere silente anche per tutta la vita.

I farmaci utili per alleviare i sintomi dell'Herpes labiale e per ridurre il rischio di recidive possono essere applicati localmente o assunti per os.

  • Aciclovir (es. Aciclovir, Xerese, Zovirax): essendo un inibitore della sintesi del DNA dei virus erpetici, l'aciclovir è indicato nel trattamento delle infezioni della pelle e delle mucose da Herpes simplex (compresa la forma recidivante). Applicare la crema (5%) localmente 5 volte al dì per 4 giorni: la terapia dev'essere tempestiva. Il principio attivo aciclovir si può trovare anche sottoforma di compresse da 200 mg: assumere per os una compressa ogni 4 ore per 10 giorni (quando l'Herpes si manifesta per la prima volta), oppure una compressa da 400 mg tre volte al dì, per un periodo variabile dai 7 ai 10 giorni, in base a quanto prescritto dal medico. In caso di Herpes oro-labiale, si consiglia l'assunzione di 400 mg per 5 volte al dì, per 5 giorni.
  • Docosanolo (es. Abreva): applicare localmente (sulle labbra) uno strato sottile di crema, fino a coprire l'intera area interessata. Ripetere l'applicazione 5 volte al dì per almeno 4 giorni. Il docosanolo è un principio attivo utile per inibire la fusione tra la membrana plasmatica ed il rivestimento del virus, il che previene l'ingresso dello stesso nelle cellule: in questo modo viene ostacolata la replicazione del virus.
  • Famciclovir (es. Famvir, Famciclovir) disponile sottoforma di compresse: assumere per os 1500 mg (1 compressa) in una singola dose. Famciclovir risulta particolarmente efficace quando assunto all'esordio dei sintomi (bruciore, dolore, formicolio, prurito).
  • Penciclovir (es. Vectavir, Zilp): disponibile come crema 1%, si consiglia l'applicazione di penciclovir sull'area infetta due volte al dì per 4 giorni. Si raccomanda di iniziare la cura già dalle primissime manifestazioni sintomatologiche.
  • Trifluridina (es. Triherpine): questo farmaco agisce inibendo la sintesi del DNA del virus erpetico. Si consiglia l'applicazione topica di questo attivo quando l'aciclovir risulta inefficace.
  • Idoxuridina (es. Iducher, Idustatin): si tratta di un farmaco antivirale che agisce come inibitore della replicazione di virus a DNA, pertanto trova applicazione nel trattamento delle infezioni da Herpes simplex. Applicare il prodotto direttamente sulle lesioni 4 volte al dì, per 4 giorni. In caso di Herpes simplex infantile, l'applicazione di prodotti a base di Idoxuridina è sconsigliata, così come in gravidanza.
  • Valaciclovir (es. Talavir, Zelitrex) assumere una compressa (2 g) ogni 12 ore: ancora una volta, è bene iniziare la terapia fin dai primi prodromi.

In caso di primo episodio di Herpes simplex labiale è possibile applicare sulla zona infetta creme o pomate ad azione analgesica, contenenti FANS:

  • Benzidamina (es. Benzirin): in caso di Herpes simplex  intraorale, i risciacqui a base di benzidamina esercitano una buona azione analgesica topica: si consigliano 5 sciacqui da 5 ml (un cucchiaino) ogni due ore e prima dei pasti. È possibile trovare il principio attivo benzidamina  anche sottoforma di spray per mucosa orale: in tal caso, è consigliabile applicare 4-8 spruzzi di prodotto al giorno,  direttamente sull'area colpita da Herpes orale.

<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 >>