Farmaci per Curare l'Eczema

Definizione, Classificazione e Cause

L'eczema rappresenta una delle varianti più diffuse di dermatite: stiamo parlando di una comunissima malattia della pelle, a carattere prettamente infiammatorio, caratterizzata da prurito ed infiammazione locale sulla superficie cutanea. Esistono molte tipologie di eczema:

  1. Eczema atopico: tipico dei pazienti predisposti ad allergie, asma da fieno, allergie alimentari
  2. Dermatite da contatto: espressione di una reazione allergica ad una sostanza (es. allergia al nichel)
  3. Dermatite seborroica: tipica del cuoio capelluto, è favorita da corticosteroidi, malattie autoimmuni, scorretta igiene personale, infezioni fungine
  4. Lichen simplex cronico: determinato da continuo sfregamento della pelle e da graffi
  5. Eczema delle mani: tipico delle allergie al lattice
  6. Dermatite da stasi: tipico di pazienti con disturbi della circolazione nelle vene delle gambe
  7. Eczema asteatosico: tipico dell'età avanzata. Fattori di rischio: luoghi a bassa umidità

Sintomi

Nonostante le varianti di eczema siano numerosissime, il quadro sintomatologico è spesso contraddistinto da arrossamento, gonfiore e prurito della pelle, nel punto in cui l'eczema compare. Per esempio, i sintomi della dermatite seborroica si concentrano a livello del cuoio capelluto, mentre l'eczema da contatto compare precisamente nella zona in cui la pelle è stata posta a contatto con la sostanza allergizzante. Spesso, il quadro sintomatologico dell'eczema è completato dalla formazione di vesciche, crosticine ed eventuali lesioni cicatriziali sulla pelle.


Le informazioni sui Farmaci per la cura dell'Eczema non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la cura dell'Eczema.

Farmaci

Dal momento che stiamo trattando un disturbo di tipo cutaneo, la cura dell'eczema va spesso effettuata con farmaci da applicare localmente; nelle forme più fastidiose, quando il prurito e l'arrossamento della cute sono di considerevole entità, è possibile associare alla terapia topica anche la somministrazione sistemica di farmaci specifici, come antistaminici e cortisonici. Per fare un esempio, nella dermatite atopica sono consigliati, normalmente, creme o pomate a base di corticosteroidi, mentre nell'eczema da contatto può essere necessaria anche la somministrazione di antistaminici per allontanare tutti i sintomi allergici.
Nel caso di accertata coinfezione batterica nel contesto dell'eczema, è raccomandata una cura antibiotica specifica contro il patogeno responsabile.
Nell'evenienza di eczema particolarmente severo, associato a reazioni allergiche di grave entità, è possibile optare per immunosoppressori o corticosteroidi da assumere per via sistemica.
Ancora, in alcuni pazienti affetti da eczema è raccomandata una terapia UV: il paziente viene sottoposto all'illuminazione diretta con raggi UVA e UVB. Il contatto tra la pelle e i raggi UV può alleggerire i sintomi che accompagnano l'eczema, come prurito e irritazione.
L'eczema seborroico (dermatite seborroica) va trattato con farmaci specifici antiforfora o con creme ad azione antifungina.

 

Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia contro l'eczema, ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura:

 

Farmaci cortisonici ad applicazione topica:

  • Idrocortisone (es. Locoidon, Colifoam):  si tratta di un farmaco steroide ad applicazione topica. Si raccomanda di applicare la soluzione nell'area interessata da eczema una volta al giorno; la terapia va protratta per alcune settimane, dato che i primi miglioramenti sono osservabili almeno dopo 7 giorni.
  • Clocortolone (es. Cloderm): applicare il farmaco sottoforma di crema od unguento tre volte al giorno, direttamente sulla sede coinvolta dall'eczema. Si raccomanda di massaggiare sino a completo assorbimento del prodotto.
  • Desonide (es. Sterades, crema o soluzione cutanea): per il trattamento dell'eczema, il farmaco è reperibile come crema, lozione, schiuma o gel da applicare direttamente sulla lesione. La posologia indicativa prevede di applicare un sottile strato di crema 2-3 volte al giorno. Non somministrare ai bambini al di sotto dei tre mesi di vita. Per la cura dell'eczema infantile, non superare le due applicazioni al giorno con questo farmaco.
  • Mometasone (es. Nasonex, Rinelon): per il trattamento dell'eczema, applicare un sottile strato di crema sull'area infetta, una volta al giorno, nel pieno rispetto delle indicazioni dettate dal medico.

Farmaci corticosteroidi ad azione sistemica: indicati per trattare le forme gravi di eczema, che non si risolvono con la mera applicazione topica di creme o lozioni.

  • Prednisone (es. Deltacortene, Lodotra): indicativamente, assumere il farmaco alla dose di 60 mg al giorno per una o due settimane. Rispettare le indicazioni del medico: la posologia può essere modulata in base alla gravità dei sintomi e alla risposta del paziente alla cura.
  • Desametasone (es. Decadron, Soldesam):  indicato per il trattamento delle forme gravi di eczema, specie se associato a disturbi immunitari. Per la posologia: consultare il medico.  

Farmaci antimicotici per la cura dell'eczema fungino:

  • Ciclopirox (es. Fungizione): antifungino ad applicazione topica. Sottoforma di gel, si raccomanda di applicare il prodotto due volte al giorno per 4 settimane; il farmaco è reperibile anche sottoforma di shampoo 1%: applicare il prodotto (5mg, corrispondenti a circa un cucchiaino  da tè, o a due se si tratta di capelli lunghi) sui capelli bagnati. Frizionare energicamente in modo da formare una schiuma persistente; dopodiché lasciare riposare 3 minuti. Evitare il contatto con gli occhi.

Farmaci antivirali sistemici: indicati per il trattamento dell'eczema in caso di accertata coinfezione da Herpes simplex.

  • Famciclovir (es. Famvir, Famciclovir): disponile sottoforma di compresse, assumere per os 1500 mg (1 compressa) in una singola dose. Il farmaco risulta particolarmente efficace quando assunto all'esordio dei sintomi (bruciore, dolore, formicolio, prurito).
  • Valaciclovir (es. Talavir, Zelitrex): assumere una compressa (2 g) ogni 12 ore; ancora una volta, è bene iniziare la terapia sin dai primi prodromi.

Immunosoppressori per la cura dell'eczema: l'impiego di questi farmaci per la cura dell'eczema non è quello di prima scelta; è infatti fondamentale valutare attentamente i possibili effetti collaterali nel lungo termine prima di iniziare una terapia.

  • Pimecrolimus (es. Elidel crema): formulato in prodotti ad applicazione topica, il pimecrolimus è indicato per la cura dell'eczema atopico del viso e del collo, specie per i bambini e ragazzi di età compresa tra i 2 ed i 16 anni. Iniziare la terapia applicando il farmaco direttamente sulla lesione cutanea, due volte al giorno, fino alla remissione dei sintomi. Qualora i sintomi non regredissero entro le 6 settimane dall'inizio del trattamento, si raccomanda di sostituire il farmaco. Non somministrare il farmaco per lunghi periodi.
  • Tacrolimus (es. Protopic unguento, Advagraf, Modigraf): questo farmaco trova indicazione sia per la cura dell'eczema infantile che per quello dell'età adulta. Iniziare la terapia applicando il prodotto (0,1%) due volte al giorno, fino alla scomparsa dei sintomi caratteristici. È necessario provvedere a modulare la terapia in caso di mancata risposta entro 2 settimane dall'inizio del trattamento con questo farmaco.

Si raccomanda di applicare regolarmente creme idratanti ed emollienti, specie in caso di eczema cronico: questi prodotti, pur non agendo direttamente sulla causa scatenante, migliorano i sintomi generali come irritazione della pelle e xerosi cutanea.
Di seguito, alcuni principi attivi utilizzati nelle preparazioni emollienti per trattare l'eczema:



Ultima modifica dell'articolo: 02/09/2016