Farmaci per Curare la Balanopostite

Definizione

La balanopostite delinea una condizione morbosa a carattere infettivo/infiammatorio che coinvolge la superficie del balano (glande) ed il foglietto interno del prepuzio.

Cause

Come per la balanite, le cause responsabili della balanopostite sono molteplici e non sempre risulta così immediato isolare il fattore eziologico principale: allergie (farmaci, lattice dei preservativi), dermatite, infezioni (Candida albicans, Clamidia, Gonorrea, Herpes simplex, scabbia, sifilide e tricomoniasi), lichen planus, psoriasi e scorretta igiene intima.

 

Fattori di rischio per la balanopostite: diabete e malattie metaboliche-immunologiche in genere, patologie precancerose

Sintomi

La balanopostite esordisce con lesioni vescico-pustolose tendenti a scoppiare precocemente, associate a edema, disuria, fimosi, dolore costante localizzato, dolore durante i rapporti, macerazione, microvescicolazione del glande e del prepuzio. In alcuni casi, la malattia degenera in adenopatia inguinale ed ulcere superficiali.


Le informazioni sui Farmaci per la cura della Balanopostite non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la cura della Balanopostite.

Farmaci

Data la varietà di fattori eziologici scatenanti, la balanite dev'essere trattata esclusivamente dopo la corretta diagnosi (indagine batteriologica e micologica) del paziente: in tal senso, dopo aver isolato l'elemento responsabile della balanopostite, è possibile procedere con l'eliminazione dell'infezione e/o infiammazione in atto.


La balanopostite rientra tra le malattie sessualmente trasmesse: a tal proposito, qualora fosse stato consumato almeno un rapporto sessuale non protetto, anche la partner dovrebbe sottoporsi al trattamento farmacologico


Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia contro la balanopostite, ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura:

  • Clotrimazolo, 1% (es. Canesten, Mycelex): sottoforma di crema, polvere o soluzione, applicare sulla zona infetta due volte al giorno per 10 giorni. Questo antimicotico viene indicato in caso di balanopostite correlata ad infezioni micotiche.
  • Miconazolo, 2% (es. Cruex, Micatin): si raccomanda di assumere il miconazolo per le forme di balanopostite candida-dipendenti. Il farmaco è reperibile sottoforma di crema, polvere o spray, da applicare sulla zona infetta due volte al giorno per 10 giorni
  • Metronidazolo (es. Flagyl, Metronidazolo-Same, Rozex): il farmaco (antibiotico) è indicato in caso di balanopostite da Trichomonas. Nella maggior parte dei casi, si raccomanda  all'uomo l'applicazione topica di creme o pomate a base di metronidazolo, secondo quanto indicato dal medico.
  • Amoxicillina (es. Amoxicillin, Amoxil e Trimox, Zimox, Augmentin): assumere 500 mg di farmaco (antibiotico) per via orale, 3 volte al dì per almeno 7 giorni (indicato per balanite da clamidia). È preferibile associarvi una terapia topica.
  • Tetraciclina (es. Tetrac C, Pensulvit, Ambramicina): si raccomanda la somministrazione di 500 mg di attivo per os, 4 volte al dì per almeno 7 giorni in caso di balanopostite da clamidia non complicata o da gonorrea.
  • Crotamitone (es. Eurax Crema, Crotaglin, Veteusan) questo farmaco (acaricida) è indicato esclusivamente per la balanopostite correlata a scabbia, associata a feroce prurito localizzato. Si consiglia di applicare il prodotto 2-3 volte al dì, secondo quanto indicato dal medico.
  • Idrocortisone (es. Locoidon, Colifoam) applicare la crema cortisonica localmente, una o due volte al dì, secondo quanto indicato dal medico. La cura è consigliata per le balanopostite non infettive.
  • Metilprednisolone (es. Advantan, Metilpre, DEPO-MEDROL, MEDROL, URBASON). Indicato in caso di balanopostite non infettiva, specie quando associata a dermatiti. Applicare direttamente il farmaco cortisonico sulla cute lesa, secondo le indicazione dettate dal medico.

N.B. è doveroso porre particolare attenzione nell'asciugare delicatamente il prepuzio dopo l'igiene intima; inoltre, sono sconsigliati detergenti irritanti ed aggressivi, imputati per una possibile degenerazione della balanopostite.
Infine, in caso di balanopostite accertata, è consigliabile astenersi dai rapporti sessuali non protetti, per evitare il dilagare dell'infezione o comunque per impedire l'aggravamento dei sintomi.

 

Qualora il trattamento farmacologico non fosse d'aiuto per curare completamente il paziente dalla balanopostite, è consigliata la circoncisione.


« 1 2 3 4 5 6 7


Ultima modifica dell'articolo: 02/09/2016