Farmaci per l'Acidità di Stomaco

Definizione

L'acidità di stomaco - definita anche come pirosi o acidità gastrica - è una particolare condizione caratterizzata, appunto, da un aumento dell'acidità a livello gastrico.
Generalmente, l'acidità di stomaco è un disturbo che può essere facilmente trattato, tuttavia, è bene non sottovalutarlo, poiché potrebbe rappresentare il sintomo di eventuali patologie di base non ancora diagnosticate.

Cause

L'acidità di stomaco è una condizione che può essere provocata da diversi fattori, di svariata origine e natura.
Se l'acidità di stomaco è un disturbo che si presenta in maniera sporadica, le cause scatenanti potrebbero essere: pasti troppo abbondanti, consumo di cibi difficilmente digeribili, consumo smodato di alcolici, stress o assunzione di determinati tipi di farmaci.
In altri casi, invece, l'acidità di stomaco può costituire il sintomo di altre patologie di base, come, ad esempio, l'ulcera gastrica, l'ulcera duodenale, la malattia da reflusso gastroesofageo o l'ernia iatale.

Sintomi

Come si può facilmente intuire, il principale sintomo che caratterizza l'acidità di stomaco è una sensazione di bruciore, più o meno intensa, percepita proprio a livello gastrico.
In funzione della causa scatenante l'acidità di stomaco, possono presentarsi ulteriori sintomi, come, ad esempio, rigurgiti acidi, difficoltà digestive, eruttazione, alitosi e vomito.

Cure Naturali

Dieta e Alimentazione

Le informazioni sui Farmaci per la Cura dell'Acidità di Stomaco non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere Farmaci per la Cura dell'Acidità di Stomaco.

Farmaci

Trattandosi di un disturbo che può essere provocato da cause di varia origine e natura, il trattamento del bruciore di stomaco può variare da paziente a paziente.
Pertanto, appare chiaro quanto sia importante individuare innanzitutto quale sia la causa scatenante che ha portato all'insorgenza di questo disturbo.
Ad ogni modo, si può affermare che i principali farmaci utilizzati per la cura dell'acidità di stomaco sono i cosiddetti antiacidi. Tali farmaci esplicano la loro attività attraverso la neutralizzazione temporanea dell'eccessiva acidità a livello dello stomaco, ma senza alterare la produzione dell'acido cloridrico da parte delle cellule gastriche. Per tale ragione, questo tipo di farmaci è utile perlopiù nei casi sporadici di acidità di stomaco, magari provocati da pasti eccessivamente abbondanti o dal consumo di cibi difficilmente digeribili.
Quando, invece, l'acidità di stomaco è provocata da patologie più gravi (vedi il paragrafo "Cause"), allora il medico potrebbe ritenere necessario il ricorso a farmaci in grado di interferire direttamente con la produzione dell'acido cloridrico a livello gastrico, oppure in grado di proteggere la parete dello stomaco dall'eccessivo ambiente acido. Stiamo parlando dei cosiddetti farmaci gastroprotettori, fra cui ritroviamo gli inibitori di pompa protonica, gli antistaminici H2 e gli agenti citoprotettivi ( per maggiori informazioni in merito, si consiglia la lettura dell'articolo dedicato "Gastroprotettori").


Farmaci Acidità di Stomaco

Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia contro l'acidità di stomaco ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura.

Antiacidi

Come accennato, i farmaci antiacidi esplicano la loro azione neutralizzando temporaneamente l'acidità di stomaco e non influiscono in alcun modo sulla produzione di acido cloridrico.
Fra gli antiacidi maggiormente impiegati in terapia, ricordiamo:

  • Sodio bicarbonato (Citrosodina®): questo sale è uno dei prodotti maggiormente impiegati per contrastare l'acidità di stomaco. È disponibile in polvere o in granulato effervescente. Solitamente, si consiglia l'assunzione di due cucchiaini da caffè di prodotto da sciogliersi preventivamente in acqua.
  • Idrossido di alluminio e idrossido di magnesio (Maalox®, Maalox TC®, Maalox Plus®): questi composti vengono impiegati sempre in associazione. Sono disponibili in diverse formulazioni farmaceutiche, fra cui ricordiamo le compresse masticabili e la sospensione orale.
    Quando utilizzati sotto forma di compresse masticabili, si consiglia l'assunzione di una o due compresse (contenenti 400 mg di idrossido di alluminio e 400 mg di idrossido di magnesio) dalle tre alle quattro volte al dì.

Inibitori di Pompa Protonica

Come accennato, questi farmaci trovano impiego nel trattamento dell'acidità di stomaco soprattutto quando questa è provocata da patologie come ulcere gastrointestinali, reflusso gastroesofageo o ernia iatale.
Fra i principi attivi maggiormente impiegati, ricordiamo:

  • Lansoprazolo (Lansox®, Lansoprazolo EG®): il lansoprazolo è uno degli inibitori di pompa protonica maggiormente impiegati in terapia. È disponibile in formulazioni farmaceutiche sotto forma di capsule. Generalmente, per il trattamento dell'acidità di stomaco si consiglia l'assunzione di 15-30 mg di principio attivo al giorno, per un periodo di almeno quattro settimane.
  • Pantoprazolo (Pantorc®, Peptazol®): il pantoprazolo è disponibile sotto forma di compresse. La dose di farmaco da assumere e la durata del trattamento possono dipendere dal tipo di patologia che sta alla base dell'acidità di stomaco. Solitamente, la dose consigliata varia fra i 20 mg e i 40 mg al giorno, da assumersi un'ora prima dei pasti, per un periodo che può variare dalle due alle quattro settimane.

Antistaminici H2

Gli anatistaminici H2 (o antagonisti dei recettori istaminici H2, che dir si voglia), costituiscono anch'essi una classe di farmaci che viene largamente impiegata nel trattamento dell'acidità di stomaco causata da diversi tipi di patologie e disturbi.
Fra i diversi principi attivi appartenenti a questa classe, ricordiamo il capostipite: la cimetidina (Ulis®). Questo principio attivo è disponibile in compresse e in granulato per soluzione orale. Solitamente, nei pazienti adulti si consiglia l'assunzione di 800 mg di cimetidina al giorno, la sera prima di coricarsi.

Agenti citoprotettivi

Gli agenti citoprotettivi non sono farmaci impiegati per la cura dell'acidità di stomaco in sé, poiché non sono in grado né di inibire la sintesi di acido cloridrico né di neutralizzare l'ambiente eccessivamente acido che si viene a creare a livello gastrico. Tuttavia, grazie al loro meccanismo d'azione, agiscono proteggendo la mucosa dello stomaco dall'eccessiva acidità.
Fra i principi attivi appartenenti a questo gruppo, ricordiamo il sucralfato (Gastrogel®). Questo principio attivo, una volta raggiunto lo stomaco, è in grado di formare un gel che funge da barriera protettiva nei confronti della mucosa gastrica, ostacolandone in questo modo il contatto con l'acido cloridrico.
Il sucralfato è disponibile in diverse formulazioni farmaceutiche sotto forma di compresse, gel, polvere orale e sospensione orale. Quando assunto sotto forma di gel, si consiglia l'assunzione di 1 grammo di principio attivo due volte al dì, un'ora prima dei pasti, oppure al mattino ed alla sera prima di coricarsi.