Arancio Amaro in Erboristeria: proprietà delll'Arancio Amaro

Arancio amaro

Nome scientifico Arancio Amaro

Citrus aurantium L. var. amara, Citrus aurantium L. var. dulcis L.

Famiglia

Rutaceae

Origine

Estremo Oriente.

Sinonimi

Arancio amaro

Parti utilizzate

In terapia si utilizzano la scorza del frutto maturo (corteccia), la scorza del frutto immaturo (corteccia), i fiori e le foglie.

Costituenti chimici

Arancio Amaro in Erboristeria: proprietà delll'Arancio Amaro

La scorza del frutto maturo di arancio amaro viene utilizzata in infusione come aromatizzante ed amaro-tonico, ed è presente anche in numerose tisane  della Farmacopea Ufficiale. L'olio  essenziale presenta proprietà antinfiammatorie e disinfettanti; in fitocosmesi, si utilizza per le proprietà decongestionanti, antisettiche, dermopurificanti, addolcenti ed ammorbidenti.
L'arancio è usato come fonte di limonene (detergente, anticancerogeno) e di esperidina (flavonoide capillaro-protettore). La scorza del frutto immaturo è utilizzata come stimolante ed anoressizzante.

Interazioni farmacologiche

Arancio Amaro - Avvertenze

Prudenza nell'assunzione di estratti di arancio amaro contenenti sinefrina (dosaggio massimo giornaliero consentito 30 mg) da parte di soggetti a rischio cardiovascolare (obesi, diabetici, cardiopatici e ipertesi, ipertiroidei), ma anche da persone con disturbi neurodistonici e pazienti psichiatrici, oltre evidentemente ai bambini ed alle donne in stato di gravidanza.