Eucalipto

Eucalyptus globulus Labill


Fam. Myrtaceae
Fr. Gommier blu, Eucalyptus

Ing. Blue gum, Australian fever tree

Ted. Fieber baum, Blauer gummi baum

Spag. Eucalipto


Il genere Eucalyptus comprende circa 500 specie

Eucalipto

Descrizione

Albero sempreverde che cresce rapidamente fino a 20 m in 6-7 anni. In Australia, sua terra di origine, può raggiungere anche i 150 m di altezza con un diametro alla base di 10 m. Il tronco ha corteccia liscia, di color grigio-cenere, costellata di ghiandole, che si stacca in placche sottili ed allungate. Il legno è rossiccio.
Foglie: è presente una notevole eterofillia; le foglie giovani sono opposte e saldate tra loro alla base,ovali e cuoriformi, il colore è verde azzurrognolo, quasi ceruleo; le foglie adulte sono alterne e picciolate, lunghe 20 cm lanceolate e arcuate come la lama di una falce, la base è asimmetrica, l'apice è acuminato. Queste sono dure e coriacee, di colore verde bluastro con un'accentuata venatura centrale, punteggiate di tasche secretrici schizolisigene.

Fiori: i boccioli fiorali hanno forma di un'urna legnosa, rugosa e coperta di cera.Il calice (4 sepali) è slargato a formare una coppa con 4 costolature, che nel bocciolo è chiusa da un coperchietto, costituito dai 4 petali saldati, che alla fioritura cade lasciando vedere numerosissimi stami.
Frutto: il frutto è una capsula, della stessa forma del calice, che a maturità si apre nella parte superiore per mezzo di fenditure.I semi sono numerosi e molto piccoli.
Tutta la pianta ha un odore aromatico e sapore amarognolo.

Areale

L'Eucalipto è originario dell'Australia e della Tasmania, cresce in genere nelle zone temperate. In Italia è diffuso al centro e al sud e, in particolare, all'Elba.

Coltura

Esige terreno sciolto, profondo,ben drenato, neutro o leggermente acido. Esposizione: soleggiata. Annaffiature regolari; se coltivato in vaso in appartamento, l'eucalipto non deve stare in ambienti troppo riscaldati. Si propaga per semi, dopo averli maturati per 1 anno in un locale asciutto. Si semina in febbraio (13-15°C) e si trapiantano le piantine, con il loro pane di terra, quando sono abbastanza grandi da essere utilizzate. Le piante giovani hanno bisogno di un tutore per i primi anni. Nelle regioni fredde è bene proteggere la parte basale del fusto con paglia o stracci. Concimazioni: si eseguono in primavera -estate ogni 30 giorni con concimi complessi.

Avversità: le foglie, colpite dal mal del piombo, assumono un colore argenteo e cadono. Funghi provocano il mal del colletto nelle giovani piante; altri parassiti causano la deformazione e la caduta delle giovani foglie, nutrendosi della linfa dei giovani germogli.

Droga

E' rappresentata dalle foglie, raccolte in giugno-luglio o in settembre-ottobre: si staccano ad una ad una e si elimina il picciolo. Si essiccano all'ombra e in luogo aereato, evitando il sole. Si conservano in recipienti di vetro al riparo dalla luce. Principi attivi: olio essenziale, flavonoidi

Usi

In erboristeria e in fitoterapia l'eucalipto serve a risolvere infiammazioni dell'apparato respiratorio, urogenitale e intestinale. Ha proprietà espettoranti, balsamiche e leggermente sudorifere e febbrifughe. E' indicato nei catarri bronchiali e nell'asma ed è una delle piante più efficaci contro malattie delle vie respiratorie. L'eucalipto possiede attività secretolitica e secretomoteria; ad esso (come al timo) è da taluni riconosciuta qualche proprietà antisettica. L'eucalipto è controindicato nelle epatopatie gravi e nelle malattie infiammatorie delle vie intestinali; in rari casi può provocare nausea e diarrea.
Il carbone del legno è utilizzato in caso di intossicazione accidentale da veleno, cibo avariato e cura la diarrea e la colite.
L'uso esterno esercita una buona azione antisettica e cicatrizzante.
L'eucalipto sembra essere efficace anche nel trattamento del diabete e in problemi di alitosi, piaghe e scottature.
In cosmetica è usato come deodorante e purificante delle pelli impure, per preparare dentifrici e saponette.
Il fogliame dell'eucalipto è utilizzato per le composizioni floreali, durando parecchio tempo.



Ultima modifica dell'articolo: 01/10/2016