Dieta iperuricemia

Si considera iperuricemico il soggetto che, dopo 5 giorni di dieta ipopurinica e senza assunzione di farmaci che influiscono sull'uricemia (vitamina C, vitamina PP, salicilici, diuretici), presenta valori di acido urico nel sangue superiori a:

7 mg/dl se uomo

6,5 mg/dl se donna

 

Superati i 9 mg il rischio gotta diventa elevato e si procede con la somministrazione di farmaci specifici

La gotta è una malattia cronica su base ereditaria caratterizzata da un elevato tasso di acido urico nel sangue (iperuricemia).

Dieta e gottaL'acido urico deriva dal metabolismo delle purine, composti azotati che entrano nella composizione del DNA. L'organismo delle persone affette da gotta sintetizza molte più purine del necessario e non riesce a smaltirle con sufficiente velocità. L'accumulo di acido urico in sede articolare scatena dolori ed infiammazioni acute (artrite).

L'acido urico viene eliminato principalmente per via renale e, in minima parte, attraverso le secrezioni digestive. L'iperuricemia può quindi dipendere anche da una ridotta escrezione urinaria di acido urico. Si parla in questo caso di pazienti normoproduttori ed ipoescretori.

L'iperuricemia può essere la conseguenza di un'aumentata sintesi di acido urico e/o di una ridotta eliminazione urinaria.

Il contributo della dieta

L'attuale disponibilità di farmaci efficaci nel combattere l'iperuricemia ha contribuito a ridurre l'importanza del tradizionale e severo regime dietetico. Alla luce di questa considerazione e tenendo presente il carattere ereditario della malattia, il contributo della dieta è oggi considerato trascurabile. Bisogna comunque precisare che una dieta eccessivamente ricca di composti azotati (purine ed in misura minore proteine) può facilitare l'insorgenza di iperuricemia. Anche la vita sedentaria, l'obesità ed un regime alimentare eccessivo, contribuiscono ad aggravare il problema.

 

In presenza di gotta o iperuricemia è quindi importante escludere tutti gli alimenti ricchi in purine e limitare gli eccessi proteici secondo quanto indicato dalla seguente tabella:

 

Alimenti ad elevato contenuto in purine

(da 150 ad 800 mg/100 g)

alici o acciughe, sardine, aringa, sgombri, cozze, animelle, fegato, rognone, cervello, estratto di carne, selvaggina

Alimenti a contenuto medio di purine

(da 50 ad 150 mg/100 g)

carni, pollame, pesce (tranne quello con alto contenuto di purine), ostriche, gamberi, granchi, crostacei, salumi e insaccati in genere; piselli, fagioli, lenticchie, asparagi, spinaci, cavolfiori, funghi, arachidi, prodotti integrali

Alimenti a basso contenuto in purine

(da 0 ad 50 mg/100 g)

latte, uova, formaggi, verdure, ortaggi (eccetto quelli sopraelencati), frutta, pasta e gli altri cereali (fatta eccezione per germe di grano e prodotti integrali)

 

Bisogna inoltre considerare che:

una dieta ricca di carboidrati complessi (amido) favorisce l'escrezione di acido urico

una dieta ricca di lipidi e fruttosio favorisce la ritenzione di acido urico.

La dieta ideale per chi soffre di iperuricemia dovrebbe quindi essere priva degli alimenti ricchi in purine, limitare quelli a contenuto purinico medio e moderare l'apporto di alcol, grassi e fruttosio (presente soprattutto nei dolci e nella frutta zuccherina ed essiccata come cachi, fichi, uva e banane). La birra è particolarmente sconsigliabile perché ha un alto contenuto di purine rispetto al vino e agli altri alcolici

L'alimentazione dovrebbe essere all'insegna della moderazione calorica, in modo da evitare, per quanto possibile, abbuffate ed eccessi. La riduzione graduale del peso superfluo sembra infatti apportate più benefici di un regime dietetico attento solo all'eliminazione dei cibi ricchi in purine. Non a caso, di solito, le persone più pesanti hanno livelli maggiori di acido urico. Attenzione però! Meglio stare alla larga dal digiuno prolungato e dalle diete drastiche o troppo restrittive, che hanno la fama di scatenare attacchi gottosi.

In caso di iperuricemia è molto importante assicurare all'organismo il giusto apporto di liquidi; l'acqua in abbondanza può prevenire i calcoli renali a cui i gottosi sono particolarmente esposti. Anche gli infusi d'erbe possono essere una buona soluzione per aumentare l'apporto di liquidi con la dieta; inoltre, alcune tisane diuretiche possono favorire l'escrezione di acido urico in eccesso e ridurre la pressione arteriosa.

Infine, nella dieta per la gotta non possono mancare almeno due o tre porzioni di pesce ricco di omega-tre alla settimana (evitando le specie ad alto contenuto di purine); questi acidi grassi, infatti, contribuiscono a modulare lo stato infiammatorio dell'organismo, riducendo l'incidenza delle malattie infiammatorie.


<< 1 2 3 4 5 >>