Curarsi con la Cannella

Nome Botanico: Cinnamomum verum J.S. Presl (Cinnamomum zeylanicum Nees)

Parte utilizzata: corteccia di cannella ed olio essenziale (ottenuto dalla distillazione della corteccia o delle foglie)


Proprietà terapeutiche: antimicrobiche - antisettiche, eupeptiche, carminative, correttive del sapore


Impiego terapeutico:

Esempi di specialità mediche contenenti estratti di cannella: -


NOTE: quando la corteccia di cannella viene assunta a scopo curativo è indispensabile ricorrere a forme farmaceutiche definite e standardizzate in principi attivi (flavonoidi per gli estratti di corteccia, aldeide cinnamica ed eugenolo per l'olio essenziale), le uniche che consentono di sapere quante molecole farmacologicamente attive si stanno somministrando al paziente. Preparazioni erboristiche tradizionali come infusi, succhi e decotti, non permettono di stabilire con esattezza la quantità di principi attivi somministrata al paziente, il che aumenta il rischio di insuccesso terapeutico.

Cannella: indicazioni erboristiche tradizionali

Dare sollievo a sintomi gastrointestinali spasmodici di minore entità, come meteorismo e flatulenza

Posologia indicativa negli adulti e negli anziani (per via orale)

  1. Se la cannella viene assunta sottoforma di infuso preparato lasciando in infusione 500-1000 mg di corteccia essiccata - ridotta in taglio tisana - in 150 ml di acqua:
    • assumere 150 ml di infuso, fino a quattro volte al giorno
  2. Se la cannella viene assunta sottoforma di estratto liquido (rapporto di estrazione 1:1; solvente di estrazione etanolo al 70% V/V):
    • assumere 0.5 - 1 ml, tre volte al giorno
  3. Se la cannella viene assunta sottoforma di tintura (rapporto Droga/Solvente 1:5; solvente di estrazione etanolo al 70% V/V):
    • assumere 2-4 ml al giorno
  4. Se la cannella viene assunta sottoforma di olio essenziale ottenuto dalla distillazione in corrente di vapore della corteccia:
    • assumere da 50 a 200 mg al giorno, divisi in due o tre dosi. Per evitare irritazione locale, l'utilizzo dell'olio essenziale in forma non diluita è fortemente sconsigliato.

NOTE: se i sintomi persistono per più di due settimane, o si aggravano durante l'utilizzo del prodotto, consultare il medico. A scopo precauzionale, non assumere in gravidanza ed allattamento.

Gli estratti di cannella risultano controindicati in caso di ipersensibilità nei confronti delle sostanze attive che li caratterizzano.

La cannella presenta un'ottima tollerabilità; irritazione della mucosa orale può manifestarsi in caso di utilizzo sottoforma di olio essenziale. Sono inoltre stati segnalati episodi di reazioni allergiche a livello di cute e mucose, oltre a disordini digestivi di minore entità.

Per ulteriori informazioni sul corretto uso di uno specifico prodotto a base di cannella, e per l'elenco completo degli effetti indesiderati, si rimanda al foglio illustrativo che accompagna il prodotto. Queste informazioni devono essere sempre lette attentamente prima di iniziare il trattamento.

Esempi di preparazioni erboristiche contenenti Cannella

Tisana per riequilibrare le funzioni digestive (atonie gastriche e digestione lenta)

Genziana, radice 25 g
Melograno, frutti 13 g
Cardamomo, frutti 15 g
Cannella, corteccia 15 g
Zenzero, radice 18 g
Pepe nero, frutti 2 g
Cumino, frutti 6 g
Carvi, frutti 6 g

Il prodotto si presenta in bustine da due grammi. Lasciare in infusione in acqua bollente, a fuoco spento, per 4-5 minuti una bustina di miscela. Dolcificare con zucchero di canna o miele. SI consiglia di bere dopo i pasti.


Ultima modifica dell'articolo: 01/10/2016