Radiazioni elettromagnetiche e filtri solari

Casella di testo: LEGGE DI PLANK  E = hv   v = hc/λ  Prima di parlare dei filtri solari, è utile spiegare cosa sono le radiazioni elettromagnetiche, la loro intensità ed i loro effetti sul nostro organismo.
Il sole emette radiazioni elettromagnetiche con un'energia che risponde alla legge fisica di Plank.
Secondo questa legge, l'energia (E) è data dal prodotto tra una costante di Plank (h) e la frequenza della luce (v). Quest'ultima è data dal rapporto tra velocità della luce (c) e lunghezza d'onda (λ). In poche parole la legge di Plank viene rappresentata con E = hv, dove v è la frequenza ed h è una costante, quindi non varia.
La frequenza della radiazione elettromagnetica è data dal rapporto tra la velocità della luce e la lunghezza d'onda.
L'energia di una radiazione elettromagnetica è inversamente proporzionale alla sua lunghezza d'onda. Perciò, tanto maggiore è la lambda della radiazione, tanto minore è la sua energia, e viceversa. Questa caratteristica è importantissima per capire la differenza di effetti tra le diverse onde elettromagnetiche.
Il sole emette una vasta gamma di radiazioni elettromagnetiche che raggiungono la terra, in particolare gli UVA e gli UVB. Le onde rimanenti, che non giungono sulla terra, possono essere bloccate dall'ozono, dall'acqua, dal vapore acqueo e dall'anidride carbonica. Queste onde bloccate sono  i raggi cosmici, i raggi X, i raggi γ, i raggi IR, l'ultravioletto, gli UVC, le microonde e le radioonde.

 

RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE
RADIAZIONI LUNGHEZZA D'ONDA (nm) CARATTERISTICHE

Raggi cosmici

< 0,1

ASSORBITE DALL'OZONO

Raggi γ

0,1 - 200

Raggi X

0,1 - 200

Lontano UV

0,1 - 200

Raggi UVC

200 - 290

Raggi UVB

290 - 320 RADIAZIONI A CUI SIAMO ESPOSTI

Raggi UVA

320 - 400

Visibile

400 - 800

 

Raggi IR

800 - 106 ASSORBITE DA ACQUA, VAPORE ACQUEO E CO2

Microonde

106 - 108

Radioonde

> 108

 

Sia le radiazioni elettromagnetiche UVA che le UVB raggiungono la nostra pelle; ciò che cambia è il loro livello di assorbimento. Le radiazioni UVA riescono ad attraversare l'epidermide ed il derma sino ad arrivare all'ipoderma. I raggi UVB, invece, si fermano a livello dell'epidermide.

Gli effetti generati dalle radiazioni elettromagnetiche solari possono essere sia positivi che negativi.

Gli effetti positivi a livello sistemico e cutaneo sono:

  1. attivazione della vitamina D
  2. riduzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca;
  3. potenziamento del sistema immunitario;
  4. diminuzione del colesterolo;
  5. effetti termici;
  6. azione antidepressiva
  7. azione trofica sui tessuti;
  8. azione battericida;
  9. azione terapeutica (psoriasi e vitiligine)
  10. abbronzatura.

Gli effetti negativi causati da un'esposizione solare esagerata e priva delle giuste precauzioni possono essere acuti o cronici. Gli effetti acuti sono rappresentati da eritema, ustione solare e danni agli occhi. Invece, i problemi cronici sono rappresentati da tumori, come il melanoma, e dal fotoaging (invecchiamento cutaneo precoce). I problemi acuti e cronici sono strettamente connessi, poiché l'insorgenza di una problematica acuta in età giovanile può - con il passare del tempo - trasformarsi in un effetto cronico, come l'invecchiamento cutaneo precoce o addirittura il carcinoma cutaneo. Per evitare l'insorgere di questi problemi, la nostra pelle possiede un meccanismo di difesa dato dalla produzione della melanina. La melanina è un pigmento naturale in grado di difendere le cellule dalle radiazioni solari. La sostanza in questione viene prodotta da particolari cellule chiamate melanociti, i quali - una volta prodotta - la trasferiscono attraverso delle ramificazioni alle cellule circostanti (anche quelle che non producono melanina). La sintesi di melanina viene indotta dall'azione dei raggi UVB. Oltre alla produzione di melanina, la pelle si difende dalle radiazioni elettromagnetiche solari con un ispessimento dello strato corneo e con la produzione di acido ialuronico, acido urocanico, beta-carotene e riparatori del DNA.

Ma qual è il meccanismo d'azione della melanina? La melanina è in grado di assorbire le radiazioni elettromagnetiche trasformandole in altre forme di energia come il calore.



ARTICOLI CORRELATI

AbbronzaturaLuce solare: effetti della luce solare sulla pelleProdotti solariAbbronzatura artificialeFiltri solariRimedi per le Scottature solari (eritema solare)Filtri fisici e doposoleFiltri chimici, filtri solariFiltri solari ed abbronzaturaMallo di noceSPF: efficacia protettiva in un prodotto solareIntegratori Solari - Contro i Danni del SoleAutoabbronzanti e DepigmentantiEritema SolareFototerapiaProtezione Solare - Come SceglierlaAbbronzatura: prodotti solari, SPF e fototipoElioterapia - Terapia con la luce del sole: Benefici ApplicazioniPelle al sole: segni a cui prestare attenzionePigmentazione cutaneaAbbronzanti naturali - Abbronzanti in ErboristeriaAbbronzatura e fotodanneggiamentoAbbronzatura e raggi ultraviolettiAvene Crema Solare Viso SPF20Centrifugato per Fissare l’AbbronzaturaCibo e abbbronzaturaColore della pelle e melaninaCoppertone - Tropical Blend Crema abbronzante SPF 6Creme solaire haute protection UVB 30DermaSol Bimbi Crema Solare Protettiva Alta protezione 1-3 anniFluidosole viso e corpo protezione 20FotosensibilizzantiFototipo e abbronzaturaGelato per Fissare l’Abbronzatura con Carote, Melone ed AlbicoccheIl Sole, Amico Delle Nostre Ossa.Latte Solare Classic Protezione base 10Latte Spray Solare Protettivo 10Latte Superabbronzante Idratante SPF 15Nivea SUN Protect & Bronze FP20Piz Buin: Active Fresh Cooling Spray SPF 30Proteggersi dai danni dell'abbronzaturaRadiazioni solariShiseido Tanning emulsion Lait bronzant SPF 6SOL - Latte Solare waterproof al The Verde con profumo di Agrumi SPF 6Sole bimbo - con Pluridefence e olio di Sesamo protezione alta SPF 30Storia dell'abbronzaturaSun Sensitive - Latte Solare anti età SPF 15Abbronzatura su Wikipedia italianoSun tanning su Wikipedia inglese

INDICE COSMETOLOGIA

Cosmetici

Cos'è il prodotto cosmetico? Nuovo regolamento dei prodotti cosmetici

Cosmetici: etichetta e classificazione degli ingredienti

Etichetta dei prodotti cosmetici. Classificazione degli ingredienti

Cosmetici ad azione detergente

Tensione superficiale ed equazione della detersione

Saponi e tensioattivi

Come si ottiene un sapone? Possibili incompatibilità dei saponi

Tensioattivi: proprietà e classificazione

proprietà dei tensioattivi. Classificazione dei tensioattivi

Tensioattivi anionici

Tensioattivi anionici. Eterosaponi. Condensati proteici con acidi grassi. Esteri solforici. Solfosuccinati. Solfonati

Tensioattivi cationici

Benzalconio cloruro. Cetiltrimetil ammonio bromuro

Tensioattivi anfoteri

Alchil betaine e Alchil Solfobetaine

Tensioattivi non ionici

Alcoli etossilati. Alchil glucosidi. Esteri. Alcanolammidi

Analisi di alcuni detergenti e dei loro ingredienti

Formulazione 1: Shampoo. Formulazione 2: Detergente intimo. Formulazione 3: Schiuma detergente.

Dentrifrici: analisi degli ingredienti di un dentifricio

Sostanze abrasive. Sostanze leganti. Umettanti. Dolcificanti. Sostanze schiumogene. Conservanti. Coloranti. Lubrificanti. Aromatizzanti. Esempio Formulazione di un dentifricio

Emulsioni cosmetiche

Emulsioni acqua in olio. Emulsioni olio in acqua. Regola di Brancoft.

Emulsionanti nei cosmetici

Emulsionanti lipofili. Emulsionanti idrofili

Idrocarburi nei cosmetici

Idrocarburi fluidi. Idrocarburi semisolidi. Idrocarburi solidi. Paraffina. Cera microcristallina. Ozokerite. Ceresina.

Trigliceridi nei cosmetici

Oli e burri nei cosmetici

Cere nei cosmetici

Olio di Jojoba. Cera Candelilla. Cera carnauba. Cera d'api. Lanolina.

Lanolina

Caratteristiche chimiche. Composizione. Pruduzione. Derivati. Applicazioni.Osservazioni

Alcoli grassi, acidi grassi e lipidi modificati nei cosmetici

Alcoli grassi fluidi. Acidi grassi. Lipidi modificati.

Additivi reologici

Classificazione. Additivi reologici naturali.

Additivi reologici naturali modificati

Additivi reologici semi-naturali modificati. Additivi reologici sintetici

Additivi reologici inorganici

Silice pirogenica. Silicato di magnesio e alluminio. Ettroite. Bentonite. Silici precipitate. Gel di silice. Come si sceglie un modificatore reologico?

Conservanti antimicrobici

Conservanti: introduzione, classificazione ed elenco

Conservanti antimicrobici cutanei

Elenco di alcuni antimicrobici di uso comune (Acido benzoico e Sali, Acido sorbico e Sali, Acido 4-idrossibenzoico, imidazolidinilurea, fenossimetanolo, dimetilol dimetil idantoina, acido deidroacetico e sali, isotiazolinoni). Conservanti antimicrobici cutanei

MIC - Concentrazione minima inibente

Challenge Test

Antiossidanti

Modalità d'azione. Elenco di alcuni antiossidanti di uso comune (Butilidrossitoluene, Butilidrossianisolo, Delta-Tocoferolo , Acido ascorbico, Acido citrico).

Umettanti

Polialcoli. Glicoli. Polietilenglicoli o Peg.

Sudore, odore corporeo e deodoranti

Perspiratio insensibilis. Ghiandole sudoripare. Ghiandole apocrine. Ghiandole sebacee

Deodoranti

Classificazione dei deodoranti. Deodoranti antimicrobici (batteriostatici, battericidi). Deodoranti antitraspiranti.

Tipi di deodoranti

Deodoranti antienzimatici. Deodoranti antiossidanti. Deodoranti adsorbenti. Deodoranti coprenti. Esempio di formulazione: lozione deodorante.

Radiazioni elettromagnetiche e filtri solari

Legge di Plank. Classificazione ed effetti delle radiazioni solari

Filtri solari

Caratteristiche e Requisiti di un filtro solare ideale

Filtri Chimici

Filtri chimici UVB (derivati dell'acido amminobenzoico; derivati dell'acido salicilico; derivati dell'acido cinnamico; derivati della canfora; derivati a struttura varia). Filtri chimici UVA: derivati del benzofenone; derivati del di-benzoilmetano.

Flitri fisici e Dopo sole

Filtri fisici. Altre sostanze funzionali presenti nei cosmetici. Prodotti doposole.

Autoabbronzanti e depigmentanti

Molecole autoabbronzanti e loro meccanismo d'azione. Molecole depigmentati e loro meccanismo d'azione.

Diidrossiacetone DHA

Insettorepellenti

Caratteristiche ed esempi di prodotti insettorepellenti

Struttura dei capelli

Microstruttura del capello ed introduzione ai cosmetici per capelli.

Acconciatura dei capelli

Come evitare di danneggiare i capelli durante l'acconciatura.

Acconciatura e permanente

Permanente a caldo. Permanente a freddo. Da capello liscio a capello ondulato.

Decoloranti per capelli

Cosmetici depilatori

Depilazione meccanica. Depilazione fisica. Depilazione chimica.

Tinture per capelli

Tinture vegetali. Tinture graduali o metalliche.

Tinture permanenti

Coloranti primari e copulanti.

Tinture semipermanenti e temporanee per capelli

Coloranti

Caratteristiche dei coloranti e colour index.

Classificazione dei coloranti

Classificazione dei coloranti. Coloranti solubili: naturali o di sintesi

Pigmenti

Pigmenti organici. Pigmenti inorganici. Le perle. I pigmenti metallici.

Miscele meccaniche

Ciprie, talchi, polveri aspersorie, fard, ombretti

Cosmetici Anti-aging

Introduzione e classificazione dei cosmetici Anti-aging. Antiossidanti/antiradicali liberi. Leviganti od esfolianti

Cosmetici Anti-aging: sostanze miorilassanti

Smagliature e cosmesi

Cause e caratteristiche delle smagliature. Cosmetici contro le smagliature

Cosmetici contro la cellulite

Cellulite: cause e caratteristiche. Sostanze attive sull'adiposità localizzata. Sostanze vasoprotettrici ed antiedemigene contro la cellulite. Sostanze leviganti superficiali.