Cosmetici ad azione detergente

Sotto questa definizione sono comprese quelle particolari sostanze ad azione di superficie dotate di proprietà schiumogene, bagnanti, detergenti, emulsionanti e solubilizzanti. Sono molecole di natura anfifilica, costituite da una parte idrofoba (coda apolare) e una idrofila (testa polare). La parte lipidica non possiede carica mentre la parte idrofila della molecola può possedere una o più cariche negative (tensioattivi anionici), positive (cationici), entrambe le cariche (anfoteri) o non possedere cariche ma solo gruppi idrofili quali ossidrili o catene POE (non ionici). I tensioattivi agiscono in quanto, grazie alla loro duplice natura, tendono a disporsi o ad adsorbirsi all'interfaccia tra le varie superfici, quali acqua-aria o acqua-olio. Questo posizionamento determina due meccanismi distinti: abbassamento della tensione superficiale e/o stabilizzazione delle interfacce grazie alla formazione di strati adsorbiti. L'effetto bagnante e schiumogeno dipendono principalmente dal primo meccanismo, mentre l'effetto emulsionante e solubilizzante dal secondo. L'effetto detergente è invece il risultato di entrambi.

 

TENSIONE SUPERFICIALE

 

La tensione superficiale è una proprietà dei fluidi dovuta alle interazioni che si instaurano tra le molecole che compongono il fluido stesso.
Tensione superficialeLe molecole situate all'interno del liquido sono soggette a forze di attrazione che agiscono in tutte le direzioni e che si annullano a vicenda, mentre quelle disposte sulla superficie sono attratte solo verso il centro della massa. L'azione di tali forze coesive fa si che lo strato delle molecole superficiali si comporti come una “membrana” che avvolge la sostanza stessa. Tale forza superficiale prende il nome di tensione superficiale, la cui intensità della dipende dal tipo di liquido considerato e dall'affinità che presenta con le sostanze da cui è circondato.

DetergentiUn tensioattivo, posto in acqua in piccole quantità, tende a disporsi alla superficie dell'acqua con la parte apolare della molecola a contatto dell'aria: la tensione superficiale dell'acqua risulta fortemente diminuita.

Un esempio pratico dell'attività dei tensioattivi è la rimozione del sudiciume presente sulla superficie cutanea. La pelle del nostro corpo funge da solido, e il sudiciume è la parte liquida che vi si deposita sopra. Il sudiciume sopra la nostra pelle va a formare una sorta di lente la cui forma è generata proprio dall'esistenza della tensione superficiale.
In questa situazione si hanno diverse forze di superficie:

  • tra pelle e sudiciume = γ S/P;
  • tra sudiciume e aria = γ S/A.

DetergentiSe si mette a contatto l'acqua con il sudiciume, questa vi si deposita semplicemente sopra creando un'ulteriore tensione interfacciale rappresentata con γ Sudiciume/Acqua.
Inoltre, l'acqua viene a contatto con l'aria generando a sua volta una tensione di superficie aria/acqua.

 

Il tensioattivo migliora decisamente la capacità lavante dell'acqua, perché orientandosi con la testa polare verso l'acqua e la coda apolare verso il sudiciume ne favorisce rimozione. Il tensioattivo forma delle micelle che inglobano il sudiciume grazie all'affinità della loro parte lipidica con il grasso presente nello sporco. Grazie all'azione meccanica del lavaggio le micelle vengono allontanate insieme all'acqua.

Detergenti

I detergenti sono fondamentali per l'igiene personale, ma và ricordato che se utilizzati in maniera eccessiva, possono risultare aggressivi perché rimuovono anche il  film idrolipidico della pelle .
Normalmente un detergente è costituito da una miscela di composti con diverse funzioni: tensioattivi con funzione lavante, umettanti e/o surgrassanti con il compito di idratare e di ricostituire lo strato lipidico protettivo della pelle. Nella formula sono presenti altri additivi con funzionalità accessorie: ad es. sali inorganici che aumentano la plasticità e la temperatura di fusione del sapone, sostanze opacizzanti e perlanti, coloranti e  profumi deputati a migliorare le caratteristiche organolettiche del prodotto, antiossidanti con funzione di protezione dalla formazione dei radicali liberi, agenti chelanti per impedire la formazione di precipitati insolubili in acqua, etc.

Equazione della detersione

Vediamo come agisce il sapone nel rimuovere lo sporco dalla pelle.
Si consideri l'angolo teta (θ) formato dalla lente di sporco posizionata sulla pelle, che rappresenta la bagnabilità dei solidi rispetto ai liquidi.
Se questo angolo è minore di 90° la pelle è “bagnata” dal sudiciume, quindi lo sporco è strettamente adeso alla pelle.
Man mano che si esplica il fenomeno della detergenza, l'angolo teta (θ) aumenta fino ad arrivare ad un'ampiezza tra 90° e 180° gradi. Al termine dell'atto detergente, l'angolo θ è uguale a 180°, situazione in cui lo sporco è completamente staccato dalla pelle.
L'equazione della detersione spiega i rapporti esistenti tra le tensioni di superficie e l'angolo di bagnabilità.  
Il coseno dell'angolo θ è uguale ad un rapporto: al numeratore si ha la γ Pelle/Detergente che sottrae la γ Pelle/Sporco. Al denominatore abbiamo la tensione superficiale tra Sporco/Water.
In altre parole, il coseno dell'angolo di contatto è uguale al rapporto che si crea tra la tensione detergente e pelle, meno la tensione pelle e sudiciume, e la tensione acqua  - sudiciume.
Il coseno di θ è -1 quando l'angolo misura 180°. Se il coseno di θ misura -1 la tensione tra pelle e sudiciume è uguale a zero, perché il sudiciume si stacca.
Infine, la tensione tra pelle e detergente è uguale a - γ Sporco/Water.
Questi ultimi passaggi spiegano un concetto fondamentale: man mano che la detersione aumenta, la tensione tra pelle e detergente aumenta, mentre diminuisce la tensione superficiale tra sudiciume ed acqua.

 

Equazione della detersione




ARTICOLI CORRELATI

Antiocchiaie - Cosmetici contro Borse ed OcchiaieCosmeticiTrattamenti e Cosmetici RassodantiBiodizionario: è davvero attendibile?Oli e burri nei cosmeticiCosmetici naturaliConservanti ed antimicorbici nei cosmeticiCosmetici: etichetta e classificazione degli ingredientiEmulsionanti nei cosmeticiIdrocarburi nei cosmeticiPelle Secca: trattamenti CosmeticiBava di lumaca nei CosmeticiCosmetici per l'UomoLatte DetergenteColoranti nei cosmeticiCosmetici anti-invecchiamentoCosmetici Anticellulite DHA - Diidrossiacetone nei cosmetici autoabbronzantiIngredienti attivi cosmetici contro la pelle seccaUmettanti nei cosmeticiAlcoli grassi, acidi grassi e lipidi modificati nei cosmeticiCere nei cosmeticiCollistar - Crio gel anticelluliteCosmetici anti-agingCosmetici contro le smagliature Cosmetici depilatoriCosmetici Naturali - Vantaggi e SvantaggiCrema Termale Anticellulite NotteFango Anticellulite PluriattivoGel Multiattivo AnticelluliteCosmetici su Wikipedia italianoCosmetics su Wikipedia ingleseDetergenza e detergentiAnalisi di alcuni detergenti e dei loro tensioattiviPulizia del VisoAcqua MicellareSapone classico, Sapone solidoTonico VisoDetergente intimoSaugella DermoliquidoShampooAveeno Bagno-Doccia IdratanteBagno crema al KaritéBagnoschiumaDetergente intimo delicatoDetergentiDetergenti: conclusioneDocciaschiumaLipidiose Nutritive Olio-Crema DocciaPaidocosmetici per la Detersione - Cosmetici per BambiniDetergenti su Wikipedia italianoDetergent su Wikipedia inglese

INDICE COSMETOLOGIA

Cosmetici

Cos'è il prodotto cosmetico? Nuovo regolamento dei prodotti cosmetici

Cosmetici: etichetta e classificazione degli ingredienti

Etichetta dei prodotti cosmetici. Classificazione degli ingredienti

Cosmetici ad azione detergente

Tensione superficiale ed equazione della detersione

Saponi e tensioattivi

Come si ottiene un sapone? Possibili incompatibilità dei saponi

Tensioattivi: proprietà e classificazione

proprietà dei tensioattivi. Classificazione dei tensioattivi

Tensioattivi anionici

Tensioattivi anionici. Eterosaponi. Condensati proteici con acidi grassi. Esteri solforici. Solfosuccinati. Solfonati

Tensioattivi cationici

Benzalconio cloruro. Cetiltrimetil ammonio bromuro

Tensioattivi anfoteri

Alchil betaine e Alchil Solfobetaine

Tensioattivi non ionici

Alcoli etossilati. Alchil glucosidi. Esteri. Alcanolammidi

Analisi di alcuni detergenti e dei loro ingredienti

Formulazione 1: Shampoo. Formulazione 2: Detergente intimo. Formulazione 3: Schiuma detergente.

Dentrifrici: analisi degli ingredienti di un dentifricio

Sostanze abrasive. Sostanze leganti. Umettanti. Dolcificanti. Sostanze schiumogene. Conservanti. Coloranti. Lubrificanti. Aromatizzanti. Esempio Formulazione di un dentifricio

Emulsioni cosmetiche

Emulsioni acqua in olio. Emulsioni olio in acqua. Regola di Brancoft.

Emulsionanti nei cosmetici

Emulsionanti lipofili. Emulsionanti idrofili

Idrocarburi nei cosmetici

Idrocarburi fluidi. Idrocarburi semisolidi. Idrocarburi solidi. Paraffina. Cera microcristallina. Ozokerite. Ceresina.

Trigliceridi nei cosmetici

Oli e burri nei cosmetici

Cere nei cosmetici

Olio di Jojoba. Cera Candelilla. Cera carnauba. Cera d'api. Lanolina.

Lanolina

Caratteristiche chimiche. Composizione. Pruduzione. Derivati. Applicazioni.Osservazioni

Alcoli grassi, acidi grassi e lipidi modificati nei cosmetici

Alcoli grassi fluidi. Acidi grassi. Lipidi modificati.

Additivi reologici

Classificazione. Additivi reologici naturali.

Additivi reologici naturali modificati

Additivi reologici semi-naturali modificati. Additivi reologici sintetici

Additivi reologici inorganici

Silice pirogenica. Silicato di magnesio e alluminio. Ettroite. Bentonite. Silici precipitate. Gel di silice. Come si sceglie un modificatore reologico?

Conservanti antimicrobici

Conservanti: introduzione, classificazione ed elenco

Conservanti antimicrobici cutanei

Elenco di alcuni antimicrobici di uso comune (Acido benzoico e Sali, Acido sorbico e Sali, Acido 4-idrossibenzoico, imidazolidinilurea, fenossimetanolo, dimetilol dimetil idantoina, acido deidroacetico e sali, isotiazolinoni). Conservanti antimicrobici cutanei

MIC - Concentrazione minima inibente

Challenge Test

Antiossidanti

Modalità d'azione. Elenco di alcuni antiossidanti di uso comune (Butilidrossitoluene, Butilidrossianisolo, Delta-Tocoferolo , Acido ascorbico, Acido citrico).

Umettanti

Polialcoli. Glicoli. Polietilenglicoli o Peg.

Sudore, odore corporeo e deodoranti

Perspiratio insensibilis. Ghiandole sudoripare. Ghiandole apocrine. Ghiandole sebacee

Deodoranti

Classificazione dei deodoranti. Deodoranti antimicrobici (batteriostatici, battericidi). Deodoranti antitraspiranti.

Tipi di deodoranti

Deodoranti antienzimatici. Deodoranti antiossidanti. Deodoranti adsorbenti. Deodoranti coprenti. Esempio di formulazione: lozione deodorante.

Radiazioni elettromagnetiche e filtri solari

Legge di Plank. Classificazione ed effetti delle radiazioni solari

Filtri solari

Caratteristiche e Requisiti di un filtro solare ideale

Filtri Chimici

Filtri chimici UVB (derivati dell'acido amminobenzoico; derivati dell'acido salicilico; derivati dell'acido cinnamico; derivati della canfora; derivati a struttura varia). Filtri chimici UVA: derivati del benzofenone; derivati del di-benzoilmetano.

Flitri fisici e Dopo sole

Filtri fisici. Altre sostanze funzionali presenti nei cosmetici. Prodotti doposole.

Autoabbronzanti e depigmentanti

Molecole autoabbronzanti e loro meccanismo d'azione. Molecole depigmentati e loro meccanismo d'azione.

Diidrossiacetone DHA

Insettorepellenti

Caratteristiche ed esempi di prodotti insettorepellenti

Struttura dei capelli

Microstruttura del capello ed introduzione ai cosmetici per capelli.

Acconciatura dei capelli

Come evitare di danneggiare i capelli durante l'acconciatura.

Acconciatura e permanente

Permanente a caldo. Permanente a freddo. Da capello liscio a capello ondulato.

Decoloranti per capelli

Cosmetici depilatori

Depilazione meccanica. Depilazione fisica. Depilazione chimica.

Tinture per capelli

Tinture vegetali. Tinture graduali o metalliche.

Tinture permanenti

Coloranti primari e copulanti.

Tinture semipermanenti e temporanee per capelli

Coloranti

Caratteristiche dei coloranti e colour index.

Classificazione dei coloranti

Classificazione dei coloranti. Coloranti solubili: naturali o di sintesi

Pigmenti

Pigmenti organici. Pigmenti inorganici. Le perle. I pigmenti metallici.

Miscele meccaniche

Ciprie, talchi, polveri aspersorie, fard, ombretti

Cosmetici Anti-aging

Introduzione e classificazione dei cosmetici Anti-aging. Antiossidanti/antiradicali liberi. Leviganti od esfolianti

Cosmetici Anti-aging: sostanze miorilassanti

Smagliature e cosmesi

Cause e caratteristiche delle smagliature. Cosmetici contro le smagliature

Cosmetici contro la cellulite

Cellulite: cause e caratteristiche. Sostanze attive sull'adiposità localizzata. Sostanze vasoprotettrici ed antiedemigene contro la cellulite. Sostanze leviganti superficiali.