Cosmetici depilatori

Occorre innanzitutto fare una distinzione tra due termini molto simili, depilazione ed epilazione. Il primo termine indica la rimozione del fusto del pelo dalla superficie cutanea, mentre il secondo riflette il processo di rimozione di tutto il pelo, compreso il bulbo. Esistono diversi tipi di depilazione, che sono:

  1. DEPILAZIONE MECCANICA;
  2. DEPILAZIONE FISICA;
  3. DEPILAZIONE CHIMICA.

Depilazione meccanica

DepilatoriLa depilazione meccanica è un processo che porta all'estrazione del pelo o alla rottura del fusto a livello follicolare.
La depilazione meccanica per eccellenza è la ceretta. Attraverso questa tecnica il pelo viene rimosso perché inglobato completamente in una sostanza adesiva - che può essere a base di cera d'api e colofonia - quindi strappato bruscamente. La cera d'api viene estratta dai favi con acqua calda, mentre la colofonia è un residuo della distillazione della resina di pino. Il rapporto tra queste due sostanze è di 20:80. Oltre ad esse, nella ceretta vengono aggiunti anche profumi e vaselina. La cera, per essere spalmata sulla pelle dev'essere fusa ad una temperatura di 70-80 gradi centigradi.
In commercio esistono anche metodi depilatori simili, come le apposite strisce depilatorie; il meccanismo di rimozione del pelo è lo stesso della ceretta, con il vantaggio di essere pronte all'uso e di non richiedere ulteriore tempo di preparazione.

Depilazione fisica

La depilazione fisica non viene più considerata un trattamento cosmetico, perché per rimuovere il pelo dalla superficie cutanea utilizza corrente elettrica a basso voltaggio. La corrente elettrica va ad agire direttamente sul bulbo del pelo, con conseguente denaturazione delle proteine che lo costituiscono.

Depilazione chimica

La depilazione chimica viene eseguita con l'ausilio di creme depilatorie che attaccano la struttura cheratinica del pelo (solo a livello della cute).

 

Si opera con agenti riducenti capaci di rompere i ponti disolfuro del pelo, proprio come spiegato nell' articolo relativo all'acconciatura dei capelli. In questo caso però, non si deve operare una permanente, ma rimuovere il pelo; pertanto il pH delle creme depilatorie è più alto e si aggira attorno a 12,7, con il vantaggio di una denaturazione molto rapida. Il tempo di applicazione e la concentrazione dell'agente riducente sono i due punti fondamentali per ottenere in poco tempo un buon risultato. E' molto importante ricordare che a causa del pH elevato, una crema depilatoria lasciata agire per un tempo lungo sulla cute può causare gravi danni alla cheratina della pelle, denaturandola. Per evitare questo inconveniente, è bene rispettare la tempistica suggerita dalla ditta produttrice e riportata sull'etichetta del prodotto depilatorio. L'agente riducente ideale, come per la permanente, è l'acido tioglicolico. A pH di circa 12,7 e in concentrazione del 5%, l'acido tioglicolico è in grado di denaturare il pelo in soli 4 minuti. Altri agenti riducenti che si possono utilizzare sono Na2S, NaHS, Ca(HS)2, SrS; questi, tuttavia, sono molto irritanti e richiedono un tempo di denaturazione nettamente superiore rispetto ai quattro minuti dell'acido tioglicolico. In associazione all'agente riducente vengono usate delle sostanze tampone come l'idrossido di sodio (NaOH), l'idrossido di potassio (KOH), l'idrossido di litio (LiOH) e l'idrossido di calcio (Ca(OH)2). Queste sostanze tampone consentono di mantenere costante il pH del prodotto a valori basici.



INDICE COSMETOLOGIA

Cosmetici

Cos'è il prodotto cosmetico? Nuovo regolamento dei prodotti cosmetici

Cosmetici: etichetta e classificazione degli ingredienti

Etichetta dei prodotti cosmetici. Classificazione degli ingredienti

Cosmetici ad azione detergente

Tensione superficiale ed equazione della detersione

Saponi e tensioattivi

Come si ottiene un sapone? Possibili incompatibilità dei saponi

Tensioattivi: proprietà e classificazione

proprietà dei tensioattivi. Classificazione dei tensioattivi

Tensioattivi anionici

Tensioattivi anionici. Eterosaponi. Condensati proteici con acidi grassi. Esteri solforici. Solfosuccinati. Solfonati

Tensioattivi cationici

Benzalconio cloruro. Cetiltrimetil ammonio bromuro

Tensioattivi anfoteri

Alchil betaine e Alchil Solfobetaine

Tensioattivi non ionici

Alcoli etossilati. Alchil glucosidi. Esteri. Alcanolammidi

Analisi di alcuni detergenti e dei loro ingredienti

Formulazione 1: Shampoo. Formulazione 2: Detergente intimo. Formulazione 3: Schiuma detergente.

Dentrifrici: analisi degli ingredienti di un dentifricio

Sostanze abrasive. Sostanze leganti. Umettanti. Dolcificanti. Sostanze schiumogene. Conservanti. Coloranti. Lubrificanti. Aromatizzanti. Esempio Formulazione di un dentifricio

Emulsioni cosmetiche

Emulsioni acqua in olio. Emulsioni olio in acqua. Regola di Brancoft.

Emulsionanti nei cosmetici

Emulsionanti lipofili. Emulsionanti idrofili

Idrocarburi nei cosmetici

Idrocarburi fluidi. Idrocarburi semisolidi. Idrocarburi solidi. Paraffina. Cera microcristallina. Ozokerite. Ceresina.

Trigliceridi nei cosmetici

Oli e burri nei cosmetici

Cere nei cosmetici

Olio di Jojoba. Cera Candelilla. Cera carnauba. Cera d'api. Lanolina.

Lanolina

Caratteristiche chimiche. Composizione. Pruduzione. Derivati. Applicazioni.Osservazioni

Alcoli grassi, acidi grassi e lipidi modificati nei cosmetici

Alcoli grassi fluidi. Acidi grassi. Lipidi modificati.

Additivi reologici

Classificazione. Additivi reologici naturali.

Additivi reologici naturali modificati

Additivi reologici semi-naturali modificati. Additivi reologici sintetici

Additivi reologici inorganici

Silice pirogenica. Silicato di magnesio e alluminio. Ettroite. Bentonite. Silici precipitate. Gel di silice. Come si sceglie un modificatore reologico?

Conservanti antimicrobici

Conservanti: introduzione, classificazione ed elenco

Conservanti antimicrobici cutanei

Elenco di alcuni antimicrobici di uso comune (Acido benzoico e Sali, Acido sorbico e Sali, Acido 4-idrossibenzoico, imidazolidinilurea, fenossimetanolo, dimetilol dimetil idantoina, acido deidroacetico e sali, isotiazolinoni). Conservanti antimicrobici cutanei

MIC - Concentrazione minima inibente

Challenge Test

Antiossidanti

Modalità d'azione. Elenco di alcuni antiossidanti di uso comune (Butilidrossitoluene, Butilidrossianisolo, Delta-Tocoferolo , Acido ascorbico, Acido citrico).

Umettanti

Polialcoli. Glicoli. Polietilenglicoli o Peg.

Sudore, odore corporeo e deodoranti

Perspiratio insensibilis. Ghiandole sudoripare. Ghiandole apocrine. Ghiandole sebacee

Deodoranti

Classificazione dei deodoranti. Deodoranti antimicrobici (batteriostatici, battericidi). Deodoranti antitraspiranti.

Tipi di deodoranti

Deodoranti antienzimatici. Deodoranti antiossidanti. Deodoranti adsorbenti. Deodoranti coprenti. Esempio di formulazione: lozione deodorante.

Radiazioni elettromagnetiche e filtri solari

Legge di Plank. Classificazione ed effetti delle radiazioni solari

Filtri solari

Caratteristiche e Requisiti di un filtro solare ideale

Filtri Chimici

Filtri chimici UVB (derivati dell'acido amminobenzoico; derivati dell'acido salicilico; derivati dell'acido cinnamico; derivati della canfora; derivati a struttura varia). Filtri chimici UVA: derivati del benzofenone; derivati del di-benzoilmetano.

Flitri fisici e Dopo sole

Filtri fisici. Altre sostanze funzionali presenti nei cosmetici. Prodotti doposole.

Autoabbronzanti e depigmentanti

Molecole autoabbronzanti e loro meccanismo d'azione. Molecole depigmentati e loro meccanismo d'azione.

Diidrossiacetone DHA

Insettorepellenti

Caratteristiche ed esempi di prodotti insettorepellenti

Struttura dei capelli

Microstruttura del capello ed introduzione ai cosmetici per capelli.

Acconciatura dei capelli

Come evitare di danneggiare i capelli durante l'acconciatura.

Acconciatura e permanente

Permanente a caldo. Permanente a freddo. Da capello liscio a capello ondulato.

Decoloranti per capelli

Cosmetici depilatori

Depilazione meccanica. Depilazione fisica. Depilazione chimica.

Tinture per capelli

Tinture vegetali. Tinture graduali o metalliche.

Tinture permanenti

Coloranti primari e copulanti.

Tinture semipermanenti e temporanee per capelli

Coloranti

Caratteristiche dei coloranti e colour index.

Classificazione dei coloranti

Classificazione dei coloranti. Coloranti solubili: naturali o di sintesi

Pigmenti

Pigmenti organici. Pigmenti inorganici. Le perle. I pigmenti metallici.

Miscele meccaniche

Ciprie, talchi, polveri aspersorie, fard, ombretti

Cosmetici Anti-aging

Introduzione e classificazione dei cosmetici Anti-aging. Antiossidanti/antiradicali liberi. Leviganti od esfolianti

Cosmetici Anti-aging: sostanze miorilassanti

Smagliature e cosmesi

Cause e caratteristiche delle smagliature. Cosmetici contro le smagliature

Cosmetici contro la cellulite

Cellulite: cause e caratteristiche. Sostanze attive sull'adiposità localizzata. Sostanze vasoprotettrici ed antiedemigene contro la cellulite. Sostanze leviganti superficiali.