Autoabbronzanti e depigmentanti

Il sole ha degli effetti collaterali, anche molto gravi, sul nostro organismo, specialmente sulla nostra pelle. La consapevolezza diffusa di questi problemi ha contribuito a diffondere l'uso di prodotti contenenti molecole autoabbronzanti, in grado cioè di conferire alla pelle un colorito paragonabile all'abbronzatura naturale. Rispetto all'esposizione solare, questi prodotti offrono una serie di vantaggi, poiché non espongono la cute al rischio della formazione di eritemi solari o di melanomi. Gli autoabbronzanti non agiscono sulla melanina, ma formano un pigmento ad essa simile che rimane in superficie dello strato corneo. infatti, la pigmentazione apportata dagli autoabbronzanti è dovuta alla reazione chimica di alcune molecole, come per esempio il diidrossiacetone, con le proteine dello strato corneo.

L'abbronzatura conferita dagli autoabbronzanti non è permanente, perché viene costantemente rimossa dal tourn-over dei corneociti.
AutoabbronzantiLe sostanze chimiche autoabbronzanti maggiormente diffuse sono il diidrossiacetone (DHA), la gliceraldeide, la diidrossisuccinaldeide e la 2-amino-3-idrossisuccinaldeide. Nelle formulazioni autoabbronzanti viene utilizzato anche uno zucchero chetonico, l'ertrulosio, che reagisce con i gruppi amminici liberi della cheratina. Il vantaggio di questo zucchero è di essere molto più stabile del DHA e di conferire una colorazione omogenea con effetto abbronzante retard, dato che la formazione delle melanoidine è molto lenta, e lo sviluppo della pigmentazione più graduale e duraturo. Il limite è la minor efficacia autoabbronzante ed è il motivo per cui viene spesso utilizzato in associazione al DHA. Oltre all'eritrulosio, c'è un altro composto naturale pigmentante, il naftochinone (henné). Il naftochinone non porta alla formazione di melanoidine, ma colora direttamente la pelle. Presenta tuttavia un piccolo svantaggio, che è quello di essere poco resistente al lavaggio, quindi basta una semplice doccia per rimuovere la sua colorazione rosso/brunastra.

AutoabbronzantiQueste sostanze coloranti conferiscono una colorazione scura anche al palmo della mano e alla pianta dei piedi ed è perciò importante applicarle con attenzione. Le formulazioni autoabbronzanti vanno distribuite omogeneamente sulla cute, per evitare la formazione di striature dovute ad un'applicazione scorretta o frettolosa. Le concentrazioni di molecole autoabbronzanti impiegate all'interno di un prodotto variano dall'1 al 6%. Le forme cosmetiche più impiegate sono lozioni o emulsioni O/A.

Depigmentanti

Un problema legato alla colorazione della pelle è l'ipercromia, cioè la colorazione troppo marcata (macchie cutanee). In alcuni casi la cute assume una colorazione irregolare in risposta a molte cause; possiamo avere delle ipercromie circoscritte, come lentiggini o efelidi, ma anche colorazioni diffuse date da malattie epatiche (ittero) o fattori ormonali (gravidanza od utilizzo di anticoncezionali).
Per ovviare al problema dell'iperpigmentazione si possono utilizzare prodotti schiarenti che contengono sostanze funzionali in grado di bloccare o inibire la sintesi di melanina con diversi meccanismi d'azione.
I prodotti depigmentanti contengono sostanze funzionali in grado di bloccare o inibire la sintesi di melanina con diversi meccanismi d'azione. Possono essere suddivisi in:

  1. inibitori della sintesi dell'enzima tirosinasi
  2. inibitori dell' attività della tirosinasi (tutti gli antiossidanti in genere, catturando l'ossigeno, possono interferire con l'attività della tirosinasi, come per esempio l'idrochinone, l'arbutina e l'acido kojico)
  3. agenti citotossici selettivi per i melanociti (eteri dell'idrochinone)
  4. inibitori del trasferimento dei melanosomi ai cheratinociti (citochine)
  5. modificatori del colore della melanina dalla forma nera ossidata a quella chiara, ridotta (perossidi).

L'idrochinonepuò agire sia bloccando la melanogenesi come substrato alternativo della tirosinasi, sia come agente citotossico selettivo per i melanociti. L'impiego dell'idrochinone a dosi elevate dà spesso fenomeni irritativi e presenta il rischio di tossicità correlato all'uso prolungato. Per questo motivo è stato vietato l'utilizzo dell'idrochinone come agente schiarente della pelle, mentre rimane confermato il suo impiego nelle tinture per capelli a una concentrazione dello 0.3%.
L'arbutina è un glucoside idrochinonico, che si trova in natura nelle foglie dell'uva ursina e nelle sommità fiorite dell'erica e di altre Ericaceae. Il meccanismo d'azione depigmentante è dovuto alla competizione per il legame con i recettori della tirosinasi.
Gli a-idrossiacidi (acido citrico, lattico, glicolico, tricloroacetico) intervengono nei processi di rinnovamento dello strato corneo, consentendo di rallentare, se non di evitare, la ipercheratinizzazione. Alte concentrazioni di a-idrossiacidi hanno un' azione prevalentemente esfoliante, con una conseguente riduzione dello spessore dello strato corneo, un aumento di tutti gli strati vitali della cute, un rinnovamento degli strati superficiali, e di conseguenza un aumento della luminosità e un effetto schiarente generalizzato. Tra gli a- idrossiacidi utilizzati nel trattamento delle ipercromie, l'acido glicolico è da preferire, perché ha un'azione più superficiale. La concentrazione di acido glicolico va da un 15%, per i cosmetici a uso domiciliare, a oltre il 50% per i trattamenti medici.
L'acido retinoico, utilizzato nella terapia dell'acne, si è dimostrato efficace anche nel trattamento delle ipercromie. Il meccanismo d'azione è strettamente collegato alla attività esfoliante; sono coinvolti anche l'allontanamento e la dispersione dei granuli di melanina dai cheratinociti. L'acido retinoico è indicato nel melasma di tipo epidermico, soprattuto in concomitanza di effetti di fotoinvecchiamento precoce. Durante il trattamento è necessario evitare l'esposizione agli UV poiché in presenza di acido retinoico possono causare sensibilizzazione cutanea.
L'a-tocoferolo, oltre a bloccare l'attacco dei radicali liberi sugli acidi grassi insaturi, inibisce l'attività della tirosinasi svolgendo la funzione di schiarente cutaneo.
L'acido azelaico è prodotto in natura dal lievito Pityrosporum ovalis, responsabile nell'uomo della pityriasis versicolor, una patologia cutanea caratterizzata dalla comparsa di chiazze bianche dovuta all'azione depigmentante dell'acido azelaico. Veniva utilizzato come antinfiammatorio ed antibatterico (molto efficace contro l'acne). Oltre a queste attività, l'acido azelaico possiede un'azione cheratolitica ed inibitrice sull'enzima tirosinasi, responsabile della melanogenesi; manifesta la sua migliore azione depigmentante sulle cheratosi solari e senili pigmentate, ma anche nella terapia del melasma; non manifesta azione schiarente su pelle normale, lentiggine senile o nevi in generale. L'acido azelaico non è fotosensibilizzante ed ha una buona tollerabilità.
L'acido ascorbico e i suoi derivati non inibiscono direttamente la tirosinasi, bensì agiscono come riducenti sugli intermedi della melanina, bloccando a vari livelli le reazioni ossidative della melanogenesi. Possiede tre importanti proprietà: ha un effetto inibente la melanogenesi, bloccando la catena di reazioni di ossidazione da tirosina a melanina, promuove la sintesi di collagene e infine ha attività anti-radicali liberi.
L'acido kojico inattiva la tirosinasi chelando gli ioni rame. Viene prodotto attraverso processi biotecnologici da Aspergillus Oryzae.
L'estratto di radice di liquirizia (Glycyrrhiza glabra), ricco in  glicirrizina e glabridina ha mostrato attività depigmentante bloccando l'attività della tirosinasi.
L'Embica presenta dei tannini che hanno un'azione chelante sul rame e sul ferro.
Il melograno, con il suo estratto ricco di acido ellagico, possiede un'azione sull'enzima tirosinasi e chelante sullo ione del rame.
L'uva ursina con i suoi glucosidi idrochinonici (arbutina e metilarbutina) inibisce l'enzima tirosinasi.

 

MOLECOLE DEPIGMENTANTI E LORO MECCANISMI D'AZIONE
MOLECOLA MECCANISMO

Acido azelaico

Inibizione dell'enzima tirosinasi

Acido kojico

Inibizione della tirosinasi; agente sequestrante gli ioni del rame

Arbutina

Inibizione dell'enzima tirosinasi

Niacinamide

Impedisce la migrazione dei melanosomi dai melanociti ai cheratoniciti.

Vitamina C e i suoi derivati

Azione antiossidante e anti formazione della melanina.




ARTICOLI CORRELATI

AbbronzaturaLuce solare: effetti della luce solare sulla pelleProdotti solariAbbronzatura artificialeFiltri solariRimedi per le Scottature solari (eritema solare)Filtri fisici e doposoleFiltri chimici, filtri solariFiltri solari ed abbronzaturaMallo di noceSPF: efficacia protettiva in un prodotto solareFototerapiaProtezione Solare - Come SceglierlaAbbronzatura: prodotti solari, SPF e fototipoElioterapia - Terapia con la luce del sole: Benefici ApplicazioniPelle al sole: segni a cui prestare attenzionePigmentazione cutaneaAbbronzanti naturali - Abbronzanti in ErboristeriaAbbronzatura e fotodanneggiamentoAbbronzatura e raggi ultraviolettiAvene Crema Solare Viso SPF20Centrifugato per Fissare l’AbbronzaturaCibo e abbbronzaturaColore della pelle e melaninaCoppertone - Tropical Blend Crema abbronzante SPF 6Creme solaire haute protection UVB 30DermaSol Bimbi Crema Solare Protettiva Alta protezione 1-3 anniFluidosole viso e corpo protezione 20FotosensibilizzantiFototipo e abbronzaturaGelato per Fissare l’Abbronzatura con Carote, Melone ed AlbicoccheIl Sole, Amico Delle Nostre Ossa.Latte Solare Classic Protezione base 10Latte Spray Solare Protettivo 10Latte Superabbronzante Idratante SPF 15Nivea SUN Protect & Bronze FP20Piz Buin: Active Fresh Cooling Spray SPF 30Proteggersi dai danni dell'abbronzaturaRadiazioni elettromagnetiche e filtri solariRadiazioni solariShiseido Tanning emulsion Lait bronzant SPF 6SOL - Latte Solare waterproof al The Verde con profumo di Agrumi SPF 6Sole bimbo - con Pluridefence e olio di Sesamo protezione alta SPF 30Storia dell'abbronzaturaSun Sensitive - Latte Solare anti età SPF 15Abbronzatura su Wikipedia italianoSun tanning su Wikipedia ingleseDiethylamino Hydroxybenzoyl Hexyl Benzoate nei CosmeticiHomosalato nei CosmeticiProtezione solare per Bambini - PaidocosmeticiSodio Fenilbenzimidazolo Sulfonato nei CosmeticiSunscreen su Wikipedia ingleseAcido cogicoDepigmentanti su Wikipedia italianoDepigmentation su Wikipedia inglese

INDICE COSMETOLOGIA

Cosmetici

Cos'è il prodotto cosmetico? Nuovo regolamento dei prodotti cosmetici

Cosmetici: etichetta e classificazione degli ingredienti

Etichetta dei prodotti cosmetici. Classificazione degli ingredienti

Cosmetici ad azione detergente

Tensione superficiale ed equazione della detersione

Saponi e tensioattivi

Come si ottiene un sapone? Possibili incompatibilità dei saponi

Tensioattivi: proprietà e classificazione

proprietà dei tensioattivi. Classificazione dei tensioattivi

Tensioattivi anionici

Tensioattivi anionici. Eterosaponi. Condensati proteici con acidi grassi. Esteri solforici. Solfosuccinati. Solfonati

Tensioattivi cationici

Benzalconio cloruro. Cetiltrimetil ammonio bromuro

Tensioattivi anfoteri

Alchil betaine e Alchil Solfobetaine

Tensioattivi non ionici

Alcoli etossilati. Alchil glucosidi. Esteri. Alcanolammidi

Analisi di alcuni detergenti e dei loro ingredienti

Formulazione 1: Shampoo. Formulazione 2: Detergente intimo. Formulazione 3: Schiuma detergente.

Dentrifrici: analisi degli ingredienti di un dentifricio

Sostanze abrasive. Sostanze leganti. Umettanti. Dolcificanti. Sostanze schiumogene. Conservanti. Coloranti. Lubrificanti. Aromatizzanti. Esempio Formulazione di un dentifricio

Emulsioni cosmetiche

Emulsioni acqua in olio. Emulsioni olio in acqua. Regola di Brancoft.

Emulsionanti nei cosmetici

Emulsionanti lipofili. Emulsionanti idrofili

Idrocarburi nei cosmetici

Idrocarburi fluidi. Idrocarburi semisolidi. Idrocarburi solidi. Paraffina. Cera microcristallina. Ozokerite. Ceresina.

Trigliceridi nei cosmetici

Oli e burri nei cosmetici

Cere nei cosmetici

Olio di Jojoba. Cera Candelilla. Cera carnauba. Cera d'api. Lanolina.

Lanolina

Caratteristiche chimiche. Composizione. Pruduzione. Derivati. Applicazioni.Osservazioni

Alcoli grassi, acidi grassi e lipidi modificati nei cosmetici

Alcoli grassi fluidi. Acidi grassi. Lipidi modificati.

Additivi reologici

Classificazione. Additivi reologici naturali.

Additivi reologici naturali modificati

Additivi reologici semi-naturali modificati. Additivi reologici sintetici

Additivi reologici inorganici

Silice pirogenica. Silicato di magnesio e alluminio. Ettroite. Bentonite. Silici precipitate. Gel di silice. Come si sceglie un modificatore reologico?

Conservanti antimicrobici

Conservanti: introduzione, classificazione ed elenco

Conservanti antimicrobici cutanei

Elenco di alcuni antimicrobici di uso comune (Acido benzoico e Sali, Acido sorbico e Sali, Acido 4-idrossibenzoico, imidazolidinilurea, fenossimetanolo, dimetilol dimetil idantoina, acido deidroacetico e sali, isotiazolinoni). Conservanti antimicrobici cutanei

MIC - Concentrazione minima inibente

Challenge Test

Antiossidanti

Modalità d'azione. Elenco di alcuni antiossidanti di uso comune (Butilidrossitoluene, Butilidrossianisolo, Delta-Tocoferolo , Acido ascorbico, Acido citrico).

Umettanti

Polialcoli. Glicoli. Polietilenglicoli o Peg.

Sudore, odore corporeo e deodoranti

Perspiratio insensibilis. Ghiandole sudoripare. Ghiandole apocrine. Ghiandole sebacee

Deodoranti

Classificazione dei deodoranti. Deodoranti antimicrobici (batteriostatici, battericidi). Deodoranti antitraspiranti.

Tipi di deodoranti

Deodoranti antienzimatici. Deodoranti antiossidanti. Deodoranti adsorbenti. Deodoranti coprenti. Esempio di formulazione: lozione deodorante.

Radiazioni elettromagnetiche e filtri solari

Legge di Plank. Classificazione ed effetti delle radiazioni solari

Filtri solari

Caratteristiche e Requisiti di un filtro solare ideale

Filtri Chimici

Filtri chimici UVB (derivati dell'acido amminobenzoico; derivati dell'acido salicilico; derivati dell'acido cinnamico; derivati della canfora; derivati a struttura varia). Filtri chimici UVA: derivati del benzofenone; derivati del di-benzoilmetano.

Flitri fisici e Dopo sole

Filtri fisici. Altre sostanze funzionali presenti nei cosmetici. Prodotti doposole.

Autoabbronzanti e depigmentanti

Molecole autoabbronzanti e loro meccanismo d'azione. Molecole depigmentati e loro meccanismo d'azione.

Diidrossiacetone DHA

Insettorepellenti

Caratteristiche ed esempi di prodotti insettorepellenti

Struttura dei capelli

Microstruttura del capello ed introduzione ai cosmetici per capelli.

Acconciatura dei capelli

Come evitare di danneggiare i capelli durante l'acconciatura.

Acconciatura e permanente

Permanente a caldo. Permanente a freddo. Da capello liscio a capello ondulato.

Decoloranti per capelli

Cosmetici depilatori

Depilazione meccanica. Depilazione fisica. Depilazione chimica.

Tinture per capelli

Tinture vegetali. Tinture graduali o metalliche.

Tinture permanenti

Coloranti primari e copulanti.

Tinture semipermanenti e temporanee per capelli

Coloranti

Caratteristiche dei coloranti e colour index.

Classificazione dei coloranti

Classificazione dei coloranti. Coloranti solubili: naturali o di sintesi

Pigmenti

Pigmenti organici. Pigmenti inorganici. Le perle. I pigmenti metallici.

Miscele meccaniche

Ciprie, talchi, polveri aspersorie, fard, ombretti

Cosmetici Anti-aging

Introduzione e classificazione dei cosmetici Anti-aging. Antiossidanti/antiradicali liberi. Leviganti od esfolianti

Cosmetici Anti-aging: sostanze miorilassanti

Smagliature e cosmesi

Cause e caratteristiche delle smagliature. Cosmetici contro le smagliature

Cosmetici contro la cellulite

Cellulite: cause e caratteristiche. Sostanze attive sull'adiposità localizzata. Sostanze vasoprotettrici ed antiedemigene contro la cellulite. Sostanze leviganti superficiali.