Antiossidanti nei cosmetici

Gli antiossidanti sono sostanze utilizzate nei prodotti cosmetici per contrastare l'ossidazione del prodotto finito. Nelle formulazioni cosmetiche ciò che viene maggiormente ossidato è la frazione lipidica. L'alterazione dei lipidi può essere dovuta a diversi fattori, come  la presenza di microrganismi nella formulazione o l'intervento di cause chimico-fisiche, come la luce, il calore o la presenza di metalli.


Contenuto Promozionale


Integratore Antirughe

Integratore Antiossidante Antiage X115+Plus

Integratore antiage di nuova generazione. Doppia Formulazione Day & Night ad alta concentrazione di attivi; sostiene e ottimizza le difese antiossidanti e stimola la sintesi di collagene, acido ialuronico ed elastina. « Maggiori informazioni »


Occorre innanzitutto fare una distinzione tra antiossidanti introdotti all'interno di un prodotto cosmetico, per prevenirne l'ossidazione, ed antiossidanti che hanno un utilizzo funzionale, ad esempio per prevenire l'invecchiamento della cute.
L'ossidazione dei lipidi provoca alla formulazione finita una serie di problemi, sia organolettici che salutari. I problemi organolettici sono per esempio la mutazione dell'odore, la mutazione del colore ecc. invece i problemi salutari sono delle possibili irritazioni alle parti del corpo in cui il cosmetico viene applicato. Da ricordare che tanto maggiore è il grado di insaturazione, cioè la presenza di doppi legami nella catena idrocarburica degli acidi grassi, tanto maggiore è la probabilità che si vada ad instaurare una reazione di autossidazione. Per il fenomeno di autossidazione s'intende una sequenza di passaggi che conduce alla formazione di radicali liberi.

Facciamo ora un esempio di autossidazione. La molecola di partenza è un acido grasso che viene a contatto con un iniziatore, ad esempio il calore o la luce. A questo punto, dalla molecola di partenza si stacca un protone, producendo così un radicale su un carbonio. La specie reattiva dell'acido grasso reagisce con un ossigeno producendo il radicale perossido. Il radicale perossido, a sua volta, reagisce con un'altra molecola di acido grasso generando un idroperossido, e una nuova specie radicalica dell'acido grasso che a sua volta reagirà con un ossigeno generando ancora un radicale perossido, e così via.

Reazione ossidativa

In assenza di antiossidanti, questa reazione di ossidazione continua fino a quando non si generano delle specie non radicaliche. Queste specie non radicaliche si formano dall'interazione tra i vari radicali liberi formati dalla reazione di perossidazione. Si ricorda che una volta iniziata, questa reazione non si può più arrestare, quindi è meglio intervenire in anticipo prima che tutto ciò accada.
Per contrastare il fenomeno di perossidazione lipidica si possono impiegare alcuni accorgimenti come:

  1. Utilizzo di recipienti che impediscano il contatto con la luce;
  2. Utilizzo di contenitori che non presentano residui metallici (i metalli fungono da iniziatori della reazione di perossidazione);
  3. Tenere la preparazione lontana da fonti di calore;
  4. Introdurre all'interno della preparazione dei filtri che siano in grado di assorbire i raggi UV;
  5. Introdurre nella formulazione degli antiossidanti;
  6. Evitare un'esposizione prolungata della preparazione all'aria. L'ossigeno presente funge da iniziatore ossidando i lipidi;

Ma che cosa sono le sostanze antiossidanti? Stiamo parlando di prodotti in grado di donare idrogeno, interrompendo così la reazione di perossidazione dei lipidi. Indichiamo un generico antiossidante con AH e facciamolo reagire con la specie radicalica ROO°. Il risultato è un idroperossido non radicalico ROOH e una forma non reattiva A°. Il radicale A° neoformato, infatti, non è sufficientemente reattivo per entrare nella catena di reazione e permetterne il proseguimento. In alcuni casi il radicale può reagire con se stesso e formare il dimero AA.

Antiossidanti

Gli antiossidanti maggiormente impiegati nei prodotti cosmetici sono il butilidrossitoluene o BHT e il butilidrossianisolo o BHA. Di minore importanza sono il ter-butilidrochinone o TBHQ, il Propil Gallate, il delta-tocoferolo, l'NDGA o nordihydroguaiaretic acid, l'acido ascorbico e l'acido citrico.

 

BUTILIDROSSITOLUENE O BHT
Antiossidanti
La molecola è formata da un toluene (benzene + metile), con un gruppo - OH in posizione para. Inoltre, in posizione orto e meta ci sono due gruppi - C(CH3)3. Il butilidrossitoluene è uno dei principali agenti antiossidanti, e la sua attività è data dall'idrogeno del gruppo ossidrile.


AntiossidantiBUTILIDROSSIANISOLO O BHA

 

La molecola assomiglia molto al BHT, però al posto del metile si ha la presenza di un gruppo metossile (-OCH3). Sempre in posizione para rispetto al metossile si nota la presenza del gruppo funzionale ossidrile. In posizione variabile (orto o meta rispetto al metossile) c'è il gruppo - C(CH3)3.


DELTA-TOCOFEROLO e NDGA
Antiossidanti
Il delta-tocoferolo (prima immagine) non è altro che la vitamina E. Normalmente questa vitamina viene impiegata nei prodotti cosmetici come miscela, perché c'è la presenza di diversi isomeri. Ha un'efficacia antiossidante inferiore ai precedenti, ma si presta molto bene all'impiego nei prodotti per la cute, vista la sua eudermicità.
AntiossidantiL'NDGA è un buon antiossidante, impiegato anche come antiossidante cutaneo.

 

ACIDO ASCORBICO E ACIDO CITRICO


Questi due acidi sono degli antiossidanti secondari. L'acido citrico viene impiegato nelle formulazioni come regolatore di acidità e come sequestrante per i metalli. L'acido ascorbico è un prodotto sinergista con gli altri antiossidanti ed è in grado di ridurre l'ossigeno bloccando l'azione che ha sul fenomeno di ossidazione dei lipidi.

Per concludere l'argomento antiossidanti bisogna citare alcune osservazioni. La prima è che per ottenere un'ottima efficacia è bene che l'antiossidante sia solubile nella fase da proteggere, generalmente quella grassa (perché nella fase idro sono solubilizzati i conservanti). La seconda riguarda il dosaggio, che per gli antiossidanti è generalmente molto basso, dato che la concentrazione si aggira tra lo 0,01 e lo 0,1%. La terza ed ultima osservazione è che l'impiego degli antiossidanti nei prodotti cosmetici è indicato non solo per proteggere oli vegetali, ma anche per evitare la degradazione delle fragranze.




ARTICOLI CORRELATI

INDICE COSMETOLOGIA

Cosmetici

Cos'è il prodotto cosmetico? Nuovo regolamento dei prodotti cosmetici

Cosmetici: etichetta e classificazione degli ingredienti

Etichetta dei prodotti cosmetici. Classificazione degli ingredienti

Cosmetici ad azione detergente

Tensione superficiale ed equazione della detersione

Saponi e tensioattivi

Come si ottiene un sapone? Possibili incompatibilità dei saponi

Tensioattivi: proprietà e classificazione

proprietà dei tensioattivi. Classificazione dei tensioattivi

Tensioattivi anionici

Tensioattivi anionici. Eterosaponi. Condensati proteici con acidi grassi. Esteri solforici. Solfosuccinati. Solfonati

Tensioattivi cationici

Benzalconio cloruro. Cetiltrimetil ammonio bromuro

Tensioattivi anfoteri

Alchil betaine e Alchil Solfobetaine

Tensioattivi non ionici

Alcoli etossilati. Alchil glucosidi. Esteri. Alcanolammidi

Analisi di alcuni detergenti e dei loro ingredienti

Formulazione 1: Shampoo. Formulazione 2: Detergente intimo. Formulazione 3: Schiuma detergente.

Dentrifrici: analisi degli ingredienti di un dentifricio

Sostanze abrasive. Sostanze leganti. Umettanti. Dolcificanti. Sostanze schiumogene. Conservanti. Coloranti. Lubrificanti. Aromatizzanti. Esempio Formulazione di un dentifricio

Emulsioni cosmetiche

Emulsioni acqua in olio. Emulsioni olio in acqua. Regola di Brancoft.

Emulsionanti nei cosmetici

Emulsionanti lipofili. Emulsionanti idrofili

Idrocarburi nei cosmetici

Idrocarburi fluidi. Idrocarburi semisolidi. Idrocarburi solidi. Paraffina. Cera microcristallina. Ozokerite. Ceresina.

Trigliceridi nei cosmetici

Oli e burri nei cosmetici

Cere nei cosmetici

Olio di Jojoba. Cera Candelilla. Cera carnauba. Cera d'api. Lanolina.

Lanolina

Caratteristiche chimiche. Composizione. Pruduzione. Derivati. Applicazioni.Osservazioni

Alcoli grassi, acidi grassi e lipidi modificati nei cosmetici

Alcoli grassi fluidi. Acidi grassi. Lipidi modificati.

Additivi reologici

Classificazione. Additivi reologici naturali.

Additivi reologici naturali modificati

Additivi reologici semi-naturali modificati. Additivi reologici sintetici

Additivi reologici inorganici

Silice pirogenica. Silicato di magnesio e alluminio. Ettroite. Bentonite. Silici precipitate. Gel di silice. Come si sceglie un modificatore reologico?

Conservanti antimicrobici

Conservanti: introduzione, classificazione ed elenco

Conservanti antimicrobici cutanei

Elenco di alcuni antimicrobici di uso comune (Acido benzoico e Sali, Acido sorbico e Sali, Acido 4-idrossibenzoico, imidazolidinilurea, fenossimetanolo, dimetilol dimetil idantoina, acido deidroacetico e sali, isotiazolinoni). Conservanti antimicrobici cutanei

MIC - Concentrazione minima inibente

Challenge Test

Antiossidanti

Modalità d'azione. Elenco di alcuni antiossidanti di uso comune (Butilidrossitoluene, Butilidrossianisolo, Delta-Tocoferolo , Acido ascorbico, Acido citrico).

Umettanti

Polialcoli. Glicoli. Polietilenglicoli o Peg.

Sudore, odore corporeo e deodoranti

Perspiratio insensibilis. Ghiandole sudoripare. Ghiandole apocrine. Ghiandole sebacee

Deodoranti

Classificazione dei deodoranti. Deodoranti antimicrobici (batteriostatici, battericidi). Deodoranti antitraspiranti.

Tipi di deodoranti

Deodoranti antienzimatici. Deodoranti antiossidanti. Deodoranti adsorbenti. Deodoranti coprenti. Esempio di formulazione: lozione deodorante.

Radiazioni elettromagnetiche e filtri solari

Legge di Plank. Classificazione ed effetti delle radiazioni solari

Filtri solari

Caratteristiche e Requisiti di un filtro solare ideale

Filtri Chimici

Filtri chimici UVB (derivati dell'acido amminobenzoico; derivati dell'acido salicilico; derivati dell'acido cinnamico; derivati della canfora; derivati a struttura varia). Filtri chimici UVA: derivati del benzofenone; derivati del di-benzoilmetano.

Flitri fisici e Dopo sole

Filtri fisici. Altre sostanze funzionali presenti nei cosmetici. Prodotti doposole.

Autoabbronzanti e depigmentanti

Molecole autoabbronzanti e loro meccanismo d'azione. Molecole depigmentati e loro meccanismo d'azione.

Diidrossiacetone DHA

Insettorepellenti

Caratteristiche ed esempi di prodotti insettorepellenti

Struttura dei capelli

Microstruttura del capello ed introduzione ai cosmetici per capelli.

Acconciatura dei capelli

Come evitare di danneggiare i capelli durante l'acconciatura.

Acconciatura e permanente

Permanente a caldo. Permanente a freddo. Da capello liscio a capello ondulato.

Decoloranti per capelli

Cosmetici depilatori

Depilazione meccanica. Depilazione fisica. Depilazione chimica.

Tinture per capelli

Tinture vegetali. Tinture graduali o metalliche.

Tinture permanenti

Coloranti primari e copulanti.

Tinture semipermanenti e temporanee per capelli

Coloranti

Caratteristiche dei coloranti e colour index.

Classificazione dei coloranti

Classificazione dei coloranti. Coloranti solubili: naturali o di sintesi

Pigmenti

Pigmenti organici. Pigmenti inorganici. Le perle. I pigmenti metallici.

Miscele meccaniche

Ciprie, talchi, polveri aspersorie, fard, ombretti

Cosmetici Anti-aging

Introduzione e classificazione dei cosmetici Anti-aging. Antiossidanti/antiradicali liberi. Leviganti od esfolianti

Cosmetici Anti-aging: sostanze miorilassanti

Smagliature e cosmesi

Cause e caratteristiche delle smagliature. Cosmetici contro le smagliature

Cosmetici contro la cellulite

Cellulite: cause e caratteristiche. Sostanze attive sull'adiposità localizzata. Sostanze vasoprotettrici ed antiedemigene contro la cellulite. Sostanze leviganti superficiali.




Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo