Le calorie degli alimenti

Calcolo calorie degli alimenti

Alimento

Quantità (g)
  Kcal (calorie) KJoule
Peso (kg)

 

  metri che dovrai percorrere per bruciare le calorie di questo alimento

 

Attività  
     

Approfondimenti

Calcolo calorie Alcol e calorie
Calorie inutili Calorie in gravidanza
Dispendio calorico Calorie dei cibi
Calorie del gelato Calorie del formaggio
Calorie pizza Energia degli alimenti
Colazione e calorie Calorie caffè
Dimagrimento e calorie Calcolatore consumo calorico sport
Fabbisogno calorico quotidiano Calcola e brucia calorie
Calorie piadina Calorie panino
Bruciare più calorie Calorie yogurt

Il metodo più accurato per misurare l'energia contenuta nei vari alimenti è quello di bruciarli all'interno di uno strumento chiamato bomba calorimetrica.


PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA BOMBA CALORIMETRICA:

Si inserisce una quantità nota di combustibile (alimento) all'interno di una camera satura di ossigeno. Il processo di combustione viene innescato da un dispositivo interno ed il calore sviluppato viene ceduto all'acqua circostante. Il tutto è inserito all'interno di un contenitore isolante per evitare scambi di calore con l'ambiente esterno.

Registrando la variazione di temperatura dell'acqua è possibile calcolare valore calorico del combustile.


Per quantificare il potere calorico, in Italia si utilizzata prevalentemente la Kilocaloria (Kcal) che viene comunemente chiamata caloria (si commette in realtà un errore di valutazione poiché una chilocaloria corrisponde a 1000 calorie).


KILOCALORIA:

rappresenta la quantità di calore necessaria per innalzare la temperatura di 1 Kg di acqua distillata da 14,5°C a 15,5°C.


Secondo il sistema di misura internazionale il potere calorico di un alimento si esprime in Kilojoule (Kj).


Una caloria equivale a 4,186 joule quindi per convertire le Kilocalorie in kilojoule basta moltiplicarle per 4,186


Calorie alimentiApprofondimento: che senso ha utilizzare una bomba calorimetrica per valutare l'energia degli alimenti, dato che l'organismo umano non brucia i nutrienti con fiamma?

Calorie dei Carboidrati

Bruciando un grammo di carboidrati si sviluppa un calore medio di 4,2 Kcal per grammo.

Normalmente viene assorbito il 97% dei carboidrati introdotti con la dieta.

Ne consegue che i carboidrati forniscono al nostro corpo in media 4 Kcal per grammo.

Calorie dei Grassi

Bruciando un grammo di grassi si sviluppa un calore medio di 9,45 Kcal per grammo.

Normalmente viene assorbito il 95% dei grassi introdotti con la dieta.

Ne consegue che i grassi forniscono al nostro corpo in media 9 Kcal per grammo.

Calorie delle Proteine

Bruciando un grammo di proteine si sviluppa un calore medio di 5,65 Kcal per grammo. Tuttavia poiché il nostro organismo non è in grado di utilizzare l'azoto in esse contenuto il loro potere energetico si riduce a 4,35 Kcal per grammo.

Normalmente viene assorbito il 92% delle proteine introdotte con la dieta (il 97% di quelle animali ed il 78% di quelle vegetali).

Ne consegue le proteine forniscono al nostro corpo in media 4 Kcal per grammo.


Tali valori calorici vengono detti di Atwater, dal nome dello scienziato che per primo misurò l'energia liberata dagli alimenti nell'organismo.

Limiti del Calcolo delle Calorie

In realtà i valori calorici sopra riportati, anche se corretti per il coefficiente di assorbimento, rappresentano un valore medio. Per esempio 1 grammo di carboidrati di un dolce non sviluppa le stesse calorie di 1 grammo di carboidrati di una mela. In alcuni casi le variazioni tra i vari alimenti possono arrivare al 10%.


Vediamo alcuni esempi:

Il valore energetico di 1 g di grasso proveniente da carne di maiale è di 9,5 kcal mentre quello derivante da 1 g di grassi vegetali è di 9,3 kcal.

Il valore energetico di 1 g di glucosio è pari a 3,74 kcal mentre quello di 1 g di amido è di 4,2Kcal.

Calcolare con esattezza il quantitativo calorico di un piatto è dunque un'impresa ardua, praticabile solo in laboratori specializzati.

Anche se si utilizzano i valori riportati nelle tabelle nutrizionali bisogna considerare che le variazioni nella composizione dei singoli alimenti causano comunque degli errori di valutazione (per esempio una mela può essere più o meno matura, un filetto di manzo può essere più o meno grasso).

Come distribuire le calorie nell'arco della giornata?

PASTO CALORIE
COLAZIONE 15-20%
SPUNTINO MATTUTINO 5-10%
PRANZO 30-40%
SPUNTINO POMERIDIANO 5-10%
CENA 20-35%