Attività Fisica e Funzionalità Cardiorespiratoria

Se le dimensioni polmonari di una persona non possono aumentare, com'è possibile che l'esercizio fisico migliori la funzionalità cardiorespiratoria?

Benefici generali dell'attività Fisica

L'attività fisica regolare induce numerosi e positivi adattamenti nell'organismo di chi la pratica. Questi adattamenti, oltre ad aumentare la funzionalità muscolare e cardiorespiratoria, proteggono l'organismo da numerose malattie. Tra queste, le più importanti sono l'ipercolesterolemia, l'osteoporosi, il diabete e l'ipertensione.

Funzionalità polmonareTutti gli adattamenti indotti dall'esercizio fisico riducono anche la mortalità per certi tipi di cancro, come quello al colon, alla mammella e al polmone.

Grazie a questi positivi effetti benefici, molti governi stanno incoraggiando la popolazione ad aumentare il proprio livello di attività fisico, fino ad accumulare almeno trenta minuti di esercizio quotidiano per almeno 4 giorni alla settimana.

Benefici sulla Funzionalità Cardiorespiratoria

Aumentare la propria funzionalità cardiorespiratoria significa riuscire ad eseguire esercizi fisici con maggiore facilità e minor dispendio energetico. Questo adattamento è dovuto alla maggiore efficenza con cui il corpo estrae l'ossigeno dal sangue e lo trasporta ai muscoli in attività, dove viene utilizzato per soddisfare le richieste energetiche cellulari.

Al contrario di quanto molti pensano, l'esercizio fisico non è in grado di aumentare la forma, il volume o la capacità di espandersi dei polmoni. Ne consegue che l'attività fisica non aumenta la capacità vitale, cioè quel parametro che ci indica la massima quantità di aria che un soggetto riesce a mobilitare in un atto respiratorio massimale.

Pertanto, quando una persona fuori forma lamenta la mancanza di fiato durante un esercizio fisico non significa che i suoi polmoni siano più piccoli o meno efficienti di quelli di una persona allenata (a meno che non siano presenti specifiche malattie come asma, bronchite o enfisema).

 

La capacità di esercizio è infatti legata non tanto alla disponibilità assoluta di ossigeno, quanto a quella relativa.

Il cuore di una persona allenata è in grado di pompare maggiori quantità di sangue e di far arrivare alle cellule più ossigeno e nutrienti. Inoltre, i vari tessuti, soprattutto quello muscolare, ottimizzano la loro capacità di estrarre l'ossigeno dal sangue e di rimuovere velocemente l'anidride carbonica che si viene a creare come prodotto di rifiuto.


Il vero fattore limitante della performance atletica è dunque la quantità di ossigeno che il nostro organismo riesce ad estrarre dall'aria e ad utilizzare per i processi metabolici. Questo parametro, insieme a quelli respiratori, aumenta molto nel passaggio da sedentarietà a vita attiva, poi tende a stabilizzarsi.


Tutti noi siamo nati con la capacità di aumentare il nostro livello di attività fisica tramite regolare esercizio.

Probabilmente una delle maggiori sfide della moderna società è proprio quella di incoraggiare ed incentivare l'adozione di stili di vita più salutari che comprendano la regolare pratica di attività fisica.



ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisica Attività fisica e Diabete di tipo 2 Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisico Benefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2 Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea? Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2 Osteoporosi, fratture ed attività fisica Acqua ed attività sportiva Adattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisica Analisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzate Anziani ed attività fisica: screening cardiologico Apparato respiratorio e attività fisica negli anziani Attività agonistica e prevenzione delle infezioni Attività agonistica, infezioni e vaccinazioni Attività fisica e colesterolo Attività fisica e collasso cardiaco Attività fisica e gravidanza Attività fisica e lombalgia Attività fisica e sport nell'età evolutiva Attività fisica e sport nella terza età Attività fisica ed invecchiamento Attività fisica in gravidanza Attività fisica per bambini Attività sportiva ed obesità Attività sportive e impegno cardiovascolare Attività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrire Attività fisica e Ipertensione Attività fisica ed Ipertensione ATTIVITA' FISICA E OBESITA' ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESS Benefici e rischi dell'attività fisica nell'obesità Benessere e attività fisica Cellulite, dieta e attività fisica Curare la Cellulite - Alimentazione ed Attività Fisica DIABETE: Attività fisica e diabete mellito Dieta ed esercizio fisico Idratazione e attività fisica Il soggetto obeso e l'attività fisica Ipertensione ed attività fisica Ipertensione ed attività fisica: controindicazioni? Obesità, ormoni ed esercizio fisico Patologie cardiovascolari e attività sportiva Prevenzione, salute e attività fisica Quanto mangiare prima dell’attività fisica Sedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisica Sforzo Cardiovascolare - Attività Sportive Sistema immunitario ed esercizio fisico Soffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisica Stress ed attività fisica
Ultima modifica dell'articolo: 11/01/2016